Giuseppe Cuccio – Fregio Silente

Trento - 25/07/2015 : 04/08/2015

Questa mostra racconta e individua piccoli mondi abitati da figure fiere e possenti. Come templi contemporanei questi microcosmi contengono al loro interno un tesoro prezioso, attorno al quale il fregio composto da moderne metope e triglifi rielaborati in forma umana, corre a celebrarne la storia.

Informazioni

  • Luogo: TORRE MIRANA
  • Indirizzo: Via Belenzani - Trento - Trentino Alto Adige
  • Quando: dal 25/07/2015 - al 04/08/2015
  • Vernissage: 25/07/2015 ore 17
  • Autori: Giuseppe Cuccio
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: Da lunedì al sabato 10.00/13.30 -16.00/19.00 Domenica 16.00/1900

Comunicato stampa

Fregio Silente. L’opera di Giuseppe Cuccio
Francesco Piazza
Giuseppe Cuccio è persona e artista, ricca di vissuto, di racconto, di esperienza e di ricordo. Una tale ricchezza interiore lo porta a riversare nelle sue opere la forza e il vigore che sgorgano copiose solo quando l’anima è dedita alla ricerca del bello e della sua estrema sintesi. Questa mostra racconta e individua piccoli mondi abitati da figure fiere e possenti

Come templi contemporanei questi microcosmi contengono al loro interno un tesoro prezioso, attorno al quale il fregio composto da moderne metope e triglifi rielaborati in forma umana, corre a celebrarne la storia. Tele su cui si adagiano figure di corpi maschili e femminili, che il più delle volte ci guardano ruotando appena la testa, quasi in una sorta di timoroso rispetto nei confronti della divinità che essi gelosamente custodiscono. Ogni scultura/divinità di Cuccio rappresenta un unicum, un elemento catalizzatore che ridisegna lo spazio circostante, saturandolo di colore, di calore, di forza ed espressività. Le sue statue acefale non sono alla ricerca dell’elemento mancante, si esprimono senza. Perché guardandole siamo costretti a capirne l’essenza, la storia, ed è così che ognuno di noi decide di dare a questi corpi il proprio personale contributo di vita. Paradossalmente, allo stesso modo, le teste senza corpo che l’artista forgia, mantengono viva la curiosità della scoperta, dell’interpretazione. Potremmo specchiarci su di esse e costruire noi il loro elemento mancante. Ed è in questo alternarsi di pieni e vuoti, di positivo e negativo, di mancanze che non percepiamo come tali, che busti e volti si muovono e si completano, imponenti, nella loro estrema concretezza materica, negano ogni legge fisica che li vorrebbe ancorati alla terra, loro che anche di terra sono fatti, e determinano nuove proporzioni tra la superficie e lo spazio circostante. riescono perfino a volteggiare, a piegarsi su se stessi, e ci si chiede come sia possibile. La sintesi ricercata da Cuccio, è evidente e tangibile in ogni disegno, in ogni scultura. Non c’è nessuna deroga all’orpello, al dettaglio, perché c’è tanta ricchezza e pathos che qualsiasi aggiunta sarebbe inutile. Perché anche se il fregio è “silente”, non è silenzioso, e possiamo ascoltarne i sussurri, le voci e, a volte, le grida.