Giulio Zanet – Untitled. Senza Titolo

Siena - 18/12/2015 : 20/02/2016

Mostra personale dell’artista Giulio Zanet (Colleretto Castelnuovo, 1984) che espone un ciclo di lavori pittorici realizzati tra il 2012 e il 2013 e catalogati tutti con lo stesso titolo o meglio “Senza Titolo” “Untitled” appunto, risultato di una ricerca condotta in ambito astrattista che non rinuncia alla possibilità compositiva e alla dimensione narrativa del disegno.

Informazioni

  • Luogo: CIRCOLO ARTISTICO MUSICALE UN TUBO
  • Indirizzo: vicolo del luparello 2, 53100 - Siena - Toscana
  • Quando: dal 18/12/2015 - al 20/02/2016
  • Vernissage: 18/12/2015 ore 19
  • Autori: Giulio Zanet
  • Curatori: Gaia Pasi
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: mar|sab - 18:00|01:00

Comunicato stampa

UnTubo Arte è lieto di presentare venerdi 18 dicembre dalle ore 19:00 Untitled | Senza Titolo, mostra personale dell’artista Giulio Zanet (Colleretto Castelnuovo, 1984) che espone un ciclo di lavori pittorici realizzati tra il 2012 e il 2013 e catalogati tutti con lo stesso titolo o meglio “Senza Titolo” “Untitled” appunto, risultato di una ricerca condotta in ambito astrattista che non rinuncia alla possibilità compositiva e alla dimensione narrativa del disegno

E’ così che Zanet in questi dipinti inserisce sui fondi astratti ottenuti con particolari e complesse tecniche di reticolati pittorici multicolori, disegni di case, edifici, aquiloni, tiri a bersaglio, montagne e paesaggi riconoscibili; questo approccio come racconta l’artista a Marta Cereda che lo intervista per Arslife ad aprile 2013,“deriva dalla possibilità di considerare i quadri come pezzi di frasi, estrapolati da un discorso che quindi perdono il senso della storia ma possono parlare di qualunque cosa”. Questa sorta di testura policromatica complessa con cui si presenta la faccia astratta del lavoro di Zanet è anche il pretesto empatico per parlare di limite attraverso il colore e diventa il contesto nel quale si inseriscono le forme, anch’esse perimetrali, vuote e a se stanti, delle figure disegnate o delle sagome solide e galleggianti riempite di colore per staccarsi dal fondo, o dei paesaggi che irrompono come dejavu nel sistema del reticolo e scardinandolo, aprono un altro discorso.. “Senza Titolo”.

Giulio Zanet, Colleretto Castelnuovo (1984), vive e lavora a Milano.
Tra le principali mostre personali del 2015 LA REINVENZIONE DEL VIOLONCELLO, Spazio Meme, a cura di Francesca Pergreffi, Carpi. 2014 USE ME, L’Oeil HomeGallery, Lodi. 2013 LOVELESS, Spazio Meme, a cura di Franesca Pergreffi, Carpi. 2012 THINGS TO DO TODAY, Quattrocentometriquadri, a cura di Chiara Ronchini, Ancona, GROWING IN LIGHTNESS, Kaleidoskop, a cura di R.Farinotti e C.Lio, Berlino, WRITTEN ON THE HAYS, First Gallery, a cura di Chiara Canali, Roma. 2011 HANGOVER, GiaMaArtStudio, a cura di Ivan Quaroni, Vitulano (BV); Tra le principali esposizioni collettive: 2015 IMAGO MUNDI - PRAESTIGIUM ITALIA, a cura di Luca Beatrice, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino; NOVE Davide Bramante + Nove, Riso - Museo d’Arte Contemporanea della Sicilia, Palermo; VIENNA FOR ART’S SAKE !, a cura di Peter Noever, Belvedere, Vienna. 2014 DOLLY, a cura di Marta Cereda, CircoloQuadro, Milano STO*DISEGNANDO !!!, a cura di Michael Rotondi, Galleria v9, Varsavia; RI-FORMA, ArtVerona Indipendents, a cura di Francesca Pergreffi, Verona; MULTIPOINT, Galleria SPP, a cura di Nora Sulikovà, Bratislava; 2013 STREETSCAPE, ComOn, Pinacoteca Civica, a cura di I.Quaroni e C. Canali, Como; PULSART RESTART, Palazzo Fogazzaro, a cura di Anna Zerbaro Pezzin, Schio (VI); WE HAVE ARRIVED NOWHERE II Transnational Pavillon Venice Biennale, a cura di Francesca Chiacchio, Zasha Colah, Sumesh Sharma, Venezia. 2012 PREMIO LISSONE, Museo d’Arte Contemporanea, a cura di Alberto Zanchetta, Fissone; CRISES & RISES, Istitut Francais - Palazzo delle Stelline, a cura di Rossella Farinotti, Milano; FRAGILE AGLI OCCHI, Galleria Moitre, a cura di Alessio Moitre, Viola Invernizzi e Ilaria Passaro, Torino, PREMIO PAOLO PARATI, Vittuone (MI); THE SHAPES OF PAINTING TO COME, Galleria LEM, a cura di Ivan Quaroni, Sassari. 2011 PREMIO CELESTE, Museo Civico Archeologico, a cura di Gabi Scardi, Bologna; 2010 PREMIO ITALIAN FACTORY, First Gallery, a cura di Chiara Canali, Roma.
Residenze: 2014, Multipoint Art Symposium, Nitra, Slovakia; 2013, Haihatus Art Center, Joutsa, Finlandia; 2011, EpisodioPiloto, Santiago de Compostela e GlogauAIR, Artist in Residence Program, Berlino.