Giulia Maglionico – The most beloved

Milano - 04/07/2017 : 16/09/2017

Giulia Maglionico legge il vissuto con la sua peculiare chiave di lettura, con sottigliezza e garbo ma con decisione e la convinzione di stare dalla giusta parte, anche con una punta di salutare femminismo postmoderno.

Informazioni

Comunicato stampa

“THE MOST BELOVED”

exhibition with 18 artworks of Giulia Maglionico, a young and talented Italian artist.

"While current events are becoming a sort of the stage of obscenity and brutalisation that tends to create choc and to amaze, art still manages to plumb with the curiosity the darkest places of the human psyche and give them a labile semblance of humanity


(...)Giulia Maglionico’s multi-colored exhibition which shows her maturity and ability to combine different pictorial genres comes out of this new corpus of her creation, (but) we must also say that she stays faithful to her original artistic concept. (...) As the artist she is heading to let out, with no complacency, motifs of a remarkable depth and complexity which could be banal, but thanks to a paint brush, they are imprinted on the canvas with an unusual freshness and new re-meaning.
(...)Giulia Maglionico looks at life with a peculiar understanding, subtly and gentle but with determination and conviction to be on the right side, and with a pinch of postmodern feminism too. Her attention to contemporaneity and controversial topics that lays behind seemingly playful representation, like in a mysterious reality show, it makes us smile, and yet, it tells us something important.(...)"
Francesca Baboni

CATALOUGE AVAILABLE

Info:
• 07 July – 16 September 2017
• curators: Adriano Conte and Marcello Conte
• hours: Monday 3 p.m-7 p.m | Tuesday-Friday 11 a.m-7 p.m | Saturday 11 a.m-2 p.m

ITA:

La Galleria Il Castello - Arte Moderna e Contemporanea è lieta di presentare la mostra

“THE MOST BELOVED”

di Giulia Maglionico, un'artista giovane e talentuosa che ora vive e lavora a Reggio Emilia.

"Mentre l'attualità sta diventando col passare degli anni una sorta di palcoscenico di oscenità e abbrutimento che mira a creare uno choc e a sorprendere, l'arte riesce ancora a scandagliare con curiosità nei meandri contorti della psiche umana e a dare loro una labile parvenza di umanità. (...) da questo nuovo corpus di lavori di Giulia Maglionico, viene fuori un'esposizione poliedrica che segna la maturità dell'artista, che mostra la capacità di unire assieme differenti generi pittorici, rimanendo sempre fedele ad un segno originale. (...) L'artista si dirige a sviscerare, senza compiacimenti di sorta, tematiche di notevole spessore e complessità che potrebbero sfiorare la banalizzazione, ma che grazie al suo pennello vengono impresse sulla tela con una freschezza inusitata e una nuova ri-significazione.
(...)Giulia Maglionico legge il vissuto con la sua peculiare chiave di lettura, con sottigliezza e garbo ma con decisione e la convinzione di stare dalla giusta parte, anche con una punta di salutare femminismo postmoderno. Un'attenzione dunque alla contemporaneità e a temi scottanti dietro la rappresentazione apparentemente ludica, che come in un fantomatico reality show fa sorridere ma che non dimentica mai il messaggio comunicativo. (...)"
Francesca Baboni

La rassegna è accompagnata da un catalogo con il testo critico di Francesca Baboni e iconografici.