Gianluca Murasecchi – Dall’acqua come aria sul fuoco in terra

Roma - 31/10/2014 : 29/11/2014

La personale di Gianluca Murasecchi presenta un'esplorazione di tutte le possibilità tecnico-espressive del polistirene, estruso ed espanso ad alta densità, in relazioni segniche e materiche dagli esiti stratificati.

Informazioni

  • Luogo: ATELIER
  • Indirizzo: Via Panisperna 236 - Roma - Lazio
  • Quando: dal 31/10/2014 - al 29/11/2014
  • Vernissage: 31/10/2014 ore 19
  • Autori: Gianluca Murasecchi
  • Curatori: Ljuba Jovicevic, Ana Laznibat
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: dal giovedì al sabato: 18 - 20 o su appuntamento

Comunicato stampa

Dall'acqua come aria sul fuoco, in terra.

La personale di Gianluca Murasecchi presenta un'esplorazione di tutte le possibilità tecnico-espressive del polistirene, estruso ed espanso ad alta densità, in relazioni segniche e materiche dagli esiti stratificati. L'artista, che ha indagato questo particolare linguaggio pittorico, grafico e insieme scultoreo negli ultimi venti anni, ha così inteso conferire ad una materia normalmente assoggettata ad utilizzi industriali una vitalità espressiva che le è strettamente propria


E' qui presentata una campionatura del percorso di tali indagini comprendente venti opere pittoriche di vario formato le quali racchiudono l'evocazione del percorso impiegato dalle forze naturali utilizzate in tale indagine visiva per il compimento dell'opera.
L'intento dell'esposizione, infatti, è proprio quello di porre in felice dialogo segno, materia e colore; le opere, compiute con l'utilizzo dell'acqua, di getti di aria calda, di fiamme e di terriccio, esprimono la rarefazione di un compimento organico simultaneo ad una visione interiore del dato naturale e del suo incessante farsi e disfarsi. Nella panoramica delle opere si assiste pertanto ad una verosimile genesi della geometria nella quale si incontrano le astrazioni organiche, con principi di costituzione legati ai mondi in movimento, e quelle razionali legate ai principi assoluti o meglio ai motori immobili.


Tra le sue esposizioni personali si ricordano: Contemplazioni/ Gianluca Murasecchi - Luca Padroni. Sala Santa Rita, a cura di Guglielmo Gigliotti, Roma, 2012-2013 | Ibidem/Kelly Driscoll-Gianluca Murasecchi, AB 23, a cura di Stefania Portinari, Vicenza, 2011 | La Pensée du Dehors, 2010, Torre normanna di Cisternino (Br), a cura di Luca Arnaudo e Roberto Lacarbonara | Materia Seconda, 2008 a cura di Luca Arnaudo, Giovanni Carandente, Alessio Verzenassi, spazi della Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea presso l’ex Monte di Pietà, Spoleto | Segnario, 2008, Galleria Il Bulino artecontemporanea, Roma, a cura di Giuseppe Appella e Guido Strazza | Prova d’Autore, 2006, Galleria d’Arte Open Space, Catanzaro, a cura di Lara Caccia | Atto primo, 2004, Teatro Masciari, Catanzaro, a cura di Guglielmo Gigliotti | Gianluca Murasecchi, 2002, Galleria Massenzio Arte, Roma, a cura di Alessia Muroni | Vortex, 2000, Centro Luigi Di Sarro, Roma, a cura di Guglielmo Gigliotti | Gianluca Murasecchi, 1997, Palazzo delle Nazioni, con il patrocinio dell’O.N.U. Ginevra, Svizzera, a cura di Alessandro Vattani.
Tra le sue esposizioni collettive degli ultimi tre anni si ricordano: Segni Puri, Galleria d’Arte Peccolo, a cura di Demetrio Paparoni e Roberto Lacarbonara, Livorno, 2014 | XLVII Premio Vasto - L'Icona ibrida. a cura di Gabriele Simongini, Scuderie di Palazzo Aragona, Vasto|Xilografia italiana del ‘900, Kunstmuseum Bayreuth, a cura di M. Ratti e Giancarlo Torre, Bayreuth, Germania | Passeggiata di Primavera, Galleria Edieuropa artecontemporanea a cura di Raffaella Bozzini, 2012, | Quadratonomade, 2012, Palazzo delle Esposizioni, a cura di Donatella Pinocci, Roma | Lo stato dell’Arte – Umbria, 2011, Padiglione Italia della 54° Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia, Spoleto, a cura di Vittorio Sgarbi, Gianluca Marziani | I Triennial of Ulus, Pavillion Cvijeta Zuzorick 2011, Belgrado, Serbia | Boille, Murasecchi, Napoleone, Strazza - Nel segno della differenza, 2009, Sala Orsini di Palazzo Chigi, Formello, a cura di Patrizia Ferri.