Giancarlo Marcali – Intracorpi

Seregno - 14/06/2014 : 06/07/2014

Un’analisi del percorso artistico di Giancarlo Marcali (Richterwil – Svizzera, 1963) dal 2010 a oggi, attraverso le opere che hanno segnato ogni fase di quella che l’artista stesso definisce ”ebollizione” artistica di una visione.

Informazioni

  • Luogo: MUSEO VIGNOLI
  • Indirizzo: Via Santino de Nova – 20831 - Seregno - Lombardia
  • Quando: dal 14/06/2014 - al 06/07/2014
  • Vernissage: 14/06/2014 ore 18
  • Autori: Giancarlo Marcali
  • Generi: arte contemporanea, personale

Comunicato stampa

Da sabato 14 giugno a lunedì 6 luglio 2014, il Museo Vignoli di Seregno apre le sue porte al pubblico con la mostra “INTRACORPI... et nos cedamus amori”, un’analisi del percorso artistico di Giancarlo Marcali (Richterwil – Svizzera, 1963) dal 2010 a oggi, attraverso le opere che hanno segnato ogni fase di quella che l’artista stesso definisce ”ebollizione” artistica di una visione.

Una mostra fortemente voluta dall'artista e che come lo stesso Giancarlo Marcali racconta: "ha un grande valore emotivo e personale, oltre che professionale

È la mia “prima volta” nel territorio in cui sono cresciuto e in cui da più di quattro anni sono tornato a vivere e lavorare ed è un'importante opportunità per mostrare il mio percorso di artista alle persone con cui condivido la vita di tutti i giorni”.

L’inaugurazione si terrà sabato 14 giugno alle ore 18.00 e vedrà la speciale partecipazione della poetessa e performer Paola Turroni, accompagnata dal chitarrista Carlo Monti, con un reading multimediale di grande intensità emotiva: parola, musica e immagini per interpretare e presentare uno dei progetti inediti realizzati dall’artista.

In mostra, sette installazioni, di cui due realizzate per l’occasione. Grafia su cartoncino, radiografie, foto incisioni su pellicola Agfa, scatole specchio: i differenti mezzi espressivi dell’artista in-seguono la necessità di ri-velare un istante, quello in cui “tutto cambia, esplode e implode, per sempre”. Quell’istante che ha l’apparenza del momento doloroso che accompagna una fine, ma che si manifesta come l’apparizione della forza vitale di un inizio.

Didi-Huberman, filosofo e storico dell’arte, parla di “immagini che toccano qualcosa poi qualcuno. Immagini per andare al cuore delle questioni: toccare per vedere o, al contrario, toccare per non vedere più; vedere per non toccare più o, al contrario, vedere per toccare”. Giancarlo Marcali ricerca e modella la possibilità di senso delle sue opere, il loro “andare al cuore delle questioni” attraverso lo svelamento di rapporti sensibili e visibili nell’immagine di cui l’opera stessa è creatrice. E in una lotta corpo a corpo con la percezione ordinaria, in un’apertura delle dimensioni spazio-tempo, mette in movimento le emozioni, le azioni e le sensazioni corporee dello spettatore. Quella dell'artista è una “visione immaginale” che dischiude al visitatore mondi diversi di immagini e livelli diversi di esperienza, per creare un orizzonte di senso in cui il visibile e l’invisibile, il tangibile e l’immateriale, la presenza e l'assenza si ri-congiungono nel segno di un amore universale. Per riconsegnare a ognuno la visione del tessuto e dell’essenza di se stesso, per esplorare la visione ben oltre l’aspetto meramente estetico.

La mostra, organizzata da Mikeroart (Michelangelo Anastasi e Lucyna Erosa Marelli Raska) e patrocinata dal Comune di Seregno, sarà visitabile secondo i seguenti orari: mer-gio-ven: dalle 19.00 alle 21.00; sab: dalle 16.00 alle 20.00; dom: dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 16.00 alle 20.00. Catalogo in mostra, con testi di Stefano Migliorini e Flavia Lanza.