Gerhard Richter – Edizioni 1965-2012

Torino - 31/01/2013 : 21/04/2013

“Gerhard Richter - Edizioni 1965-2012” presenterà le stampe, le edizioni fotografiche, i multipli, le edizioni dei dipinti, i libri e i poster d'artista di Richter. La mostra offrirà al pubblico un'opportunità unica per esplorare il corpus, sorprendentemente eterogeneo, delle sue edizioni.

Informazioni

  • Luogo: FONDAZIONE SANDRETTO RE REBAUDENGO
  • Indirizzo: Via Modane 16 - Torino - Piemonte
  • Quando: dal 31/01/2013 - al 21/04/2013
  • Vernissage: 31/01/2013 ore 19
  • Autori: Gerhard Richter
  • Generi: fotografia, arte contemporanea, personale, disegno e grafica
  • Orari: Giov: 20-23, Ven-Sab-Dom: 12-19
  • Biglietti: Intero: 5 euro, ridotto: 3 euro.

Comunicato stampa

La Fondazione Sandretto Re Rebaudengo presenta le edizioni 1965 - 2012 di Gerhard Richter (Dresda, 1932), uno dei più importanti e acclamati artisti tedeschi del nostro tempo. La mostra è a cura di Wolfgang Schoppmann e Hubertus Butin.
Le edizioni fanno parte della Collezione Olbricht.
L'artista è noto soprattutto per i suoi dipinti, ormai presenti nelle collezioni museali di tutto il mondo. Negli ultimi anni, tuttavia, sono le sue edizioni ad attirare sempre più spesso l'interesse di collezionisti, curatori di musei e appassionati d'arte


Le edizioni sono opere d'arte originali realizzate non come pezzi unici, ma in un certo numero di copie.
“Gerhard Richter - Edizioni 1965-2012” presenterà le stampe, le edizioni fotografiche, i multipli, le edizioni dei dipinti, i libri e i poster d'artista di Richter.
La mostra offrirà al pubblico un'opportunità unica per esplorare il corpus, sorprendentemente eterogeneo, delle sue edizioni.
Nell'ambito delle edizioni, si trova una varietà di media: stampe (in prevalenza litografie offset e serigrafie), fotografie, oggetti, dipinti su tela, su carta e su alluminio, libri e poster. Questa gamma di media, a sua volta, offre gli strumenti per riflettere e riconsiderare una molteplicità di generi artistici molto diversi fra loro. Alcuni dei generi esplorati da Richter includono il ritratto, il dipinto storico nell'era del fotogiornalismo, i paesaggi, le nature morte e i nudi.
Verranno esposte circa 150 opere, fra cui soggetti noti al grande pubblico, che si rifanno a quadri famosi: le edizioni fotografiche Ema (Nude on a Staircase) e Uncle Rudi, stampe come Mao, Elisabeth, Betty, Canary Landscapes e Colour Fields, e multipli come Sphere e Mirror, ma anche edizioni di dipinti come Grey e Fuji.

Nel 1998, in una lettera indirizzata al Museum of Modern Art di New York, Gerhard Richter esprimeva un'idea nata essenzialmente dall'obiettivo sociopolitico che si affermò sul finire degli anni 1960, ossia il tentativo di democratizzare l'arte: “Consideravo, e tuttora considero, le edizioni come una gradita alternativa alla realizzazione di dipinti, che sono pezzi unici. Le edizioni rappresentano una fantastica opportunità per presentare la mia opera a un pubblico più ampio.”