Gerald Thomaschütz – Bilderwelten

Bologna - 10/05/2014 : 18/06/2014

Nella pittura di Tomaschutz l’incomunicabilità ed alienazione dal prossimo si rivela totale, ossessiva e palese al punto da non richiedere di venire colta razionalmente e descritta con alcuna ironia o altro sentimento, di reazione o compassione che sia.

Informazioni

  • Luogo: GALLERIA B4
  • Indirizzo: Via Vinazzetti, 4B - Bologna - Emilia-Romagna
  • Quando: dal 10/05/2014 - al 18/06/2014
  • Vernissage: 10/05/2014 ore 18
  • Autori: Gerald Thomaschütz
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: dal martedì al sabato dalle 17.00 alle 20.00.

Comunicato stampa

Nei quadri di Tomaschutz non vediamo ritratti assorti nei loro pensieri, i sopraffatti di una società moderna alla Hopper, né una travolgente se non talora violenta polemica sulle sue fondamenta vuoi perché ipocritamente borghesi vuoi perché preda dell’inumana Realpolitik del dopoguerra, ma il tormento scaturente dal riconoscersi un prodotto devoto del suaccennato, autentico canone euro-occidentale. La brama di vivere e la ricerca della verità si scontrano cioè con una realtà di sofferenza sia esterna che interiore, sovente personificata dalla inquietante presenza del proprio sosia


Nella pittura di Tomaschutz l’incomunicabilità ed alienazione dal prossimo si rivela comunque totale, ossessiva e palese al punto da non richiedere di venire colta razionalmente e descritta con alcuna ironia o altro sentimento, di reazione o compassione che sia.

Gerald Thomaschütz nasce nel agosto del 1953 a Grades nella Carinzia nell ‘Austria meridionale. Tra il 1969 e il 1970 studia pianoforte al Conservatorio di Klagenfurt. Nel 1974 si trasferisce a Vienna dove frequenta l'Accademia delle Belle Arti e si diploma in pittura con il professor Wolfgang Hollegha. Dopo di che si dedica a tempo pieno alla pittura. Ha vissuto a Berlino, Slovenia e Venezia. Attualmente vive e lavora a Sankt Veit an der Glan ( vicino a Klagenfurt) con la moglie Monika e le due figlie.
Mostra in collaborazione con il Forum Austriaco di Cultura di Milano
“Der Film ist aus” (il film è finito), 70x100, 2013, olio su tela.