Gabriele Boccacini – Alter

Torino - 04/06/2021 : 04/07/2021

ALTER testimonia la costante interazione tra arti visive e performative che definisce le produzioni di Stalker Teatro, caratterizzate da una competenza autoriale nel percorso creativo tra oggetto artistico e performance

Informazioni

  • Luogo: ACCADEMIA ALBERTINA DI BELLE ARTI
  • Indirizzo: Via Dell'accademia Albertina 6 - Torino - Piemonte
  • Quando: dal 04/06/2021 - al 04/07/2021
  • Vernissage: 04/06/2021 ore 17
  • Autori: Gabriele Boccacini
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: ORARI E SEDI: ALTER sarà aperta al pubblico dal 5 giugno al 4 luglio 2021 Via Accademia Albertina 8: venerdì orario 14/18 (ultimo ingresso ore 17.30) sabato e domenica: orario 10/18 (ultimo ingresso ore 17.30) ingresso libero Piazza Montale 18a, Officine CAOS: dal lunedì al giovedì, orario 14/18. Ingresso libero VISITE IN GRUPPO: è possibile su prenotazione organizzare visite in gruppo all’Accademia Albertina accompagnate da azioni dei performer di Stalker Teatro.

Comunicato stampa

ALTER mostra di Gabriele Boccacini
a cura di Impasse

Nell’ambito del progetto METROPOLITAN ART di Stalker Teatro

Ipogeo della Rotonda del Talucchi - Accademia Albertina di Belle Arti, Torino

Spazio espositivo Fiorenzo Alfieri


ALTER testimonia la costante interazione tra arti visive e performative che definisce le produzioni di Stalker Teatro, caratterizzate da una competenza autoriale nel percorso creativo tra oggetto artistico e performance. Una sorta di ritorno a casa per la compagnia, il cui nucleo originario si formò negli anni ’70 all’Accademia Albertina


L’esposizione si svolge in due sedi: alcune opere infatti sono esposte alle Officine CAOS, piazza Montale 18a, quartiere le Vallette, dove il 4 luglio si terrà il finissage.
ALTER presenta 11 installazioni realizzate da Gabriele Boccacini, artista e regista di Stalker Teatro, e fa parte del progetto METROPOLITAN ART, fondato sulla collaborazione con il Dipartimento Educazione del Castello di Rivoli – Museo d’Arte Contemporanea e alcuni tra i maggiori Musei della Città Metropolitana: GAM Galleria Civica D’arte Moderna e Contemporanea, La Venaria Reale, PAV Parco Arte Vivente Centro Sperimentale d’Arte Contemporanea e Palazzo Madama Museo d’Arte Antica.
Le installazioni presentate da ALTER sono materiali che possono non solo essere osservati ma utilizzati e talvolta modificati dai visitatori.
“Nelle sue diverse edizioni” scrive Gabriele Boccacini nella prefazione del catalogo di ALTER “Metropolitan Art ha consentito a centinaia di persone di avvicinarsi attivamente all’arte, spesso per la prima volta: da una parte vi è la possibilità di recepire proposte artistiche e dall’altra di reagire con la propria energia creativa. Visite ai musei, workshop, laboratori di creatività condivisa, produzioni collettive di performance multidisciplinari, allesti¬mento di mostre e infine percorsi turistico/culturali nel territorio hanno permes¬so di comunicare le esperienze ad altri ancora, dando occasione di unirsi a una avventura concreta nel campo dell’imma¬ginario artistico”.
Tra le installazioni presenti in mo¬stra alcune sono collegate a esposizioni dei Musei che hanno partecipato al progetto Metropolitan Art, visitate dai performer di Stalker Teatro con i gruppi coinvolti nei laboratori. Altre, in una prospettiva antologica, riguardano esperienze del passato, altre ancora sono novità assolute.
“La contaminazione tra le discipline, l'ampliamento dei contesti di produzione e fruizione culturale e la capacità di renderne protagoniste fasce sociali che ne sono abitualmente escluse caratterizzano le pratiche partecipative oggi“, commentano le curatrici di ALTER Nicoletta Daldanise e Irene Pittatore. “Le vie che le hanno condotte dallo stato di avanguardia all'entrata a pieno titolo nella scena artistica contemporanea raccontano una lunga storia di sperimentazione. ALTER tiene traccia di una di queste strade, percorsa insieme da un artista e dalla sua comunità.”
Le installazioni presentate da ALTER sono materiali che possono non solo essere osservati ma utilizzati e talvolta modificati dai visitatori.
Alcune delle opere in mostra:
Dialettico
Dall’installazione del gruppo Wurmkos,
realizzata al PAV - Parco Arte Vivente, Centro Sperimentale d’Arte Contempo¬ranea, che consiste in una vigna a per¬golato che diviene un luogo praticabile.

Identità Multiple
Dalla mostra dal titolo Andrea Mantegna. Rivivere l’antico, costruire il moderno a Palazzo Madama Museo d’Arte Antica.
Lux in Tenebris Lucet
Alla Reggia di Venaria è stata realizzata la grande mostra Sfida al Barocco, con oltre duecento capolavori realizzati tra il 1680 e il 1750 provenienti da musei e col¬lezioni di tutto il mondo.
Porta via il colore!
In relazione alla ricerca portata avanti da Giulio Paolini, sviluppata sullo studio de¬gli elementi costitutivi del quadro e della pittura (la tela, la cornice, il modello, la prospettiva, etc.), presentata nella mo¬stra al Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea.
Dentro Fuori
In relazione alla mostra Pittura, Spazio, Scultura. Opere di artisti italiani tra gli anni Sessanta e Ottanta presentata alla GAM - Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea.

Dal testo in catalogo di Anna Pironti, Responsabile Capo Dipartimento Educazione Castello di Rivoli, a proposito dell’opera “Olive Verdi Giganti”, alla quale il pubblico in mostra sarà chiamato a contribuire.
“Tanti tasselli per configurare la memoria individuale e collettiva, frutto della ricerca/raccolta, delle interazioni e degli scambi tra l’artista Gabriele Boccacini e le tante persone coinvolte nel suo percorso creativo. Un’opera mondo, fatta di barattoli pieni di cose, allestita per aiutarci a ripensare alla complessità dell’universo e dei suoi elementi, per dare ordine al caos, per ricercare e ritrovare splendore e bellezza, ovunque.”

All’inaugurazione di ALTER, venerdì 4 giugno alle ore 17, Stalker Teatro realizzerà la performance “Steli”, recentemente rappresentata a IPER - Festival delle Periferie di Roma, di cui il pubblico è invitato a diventare protagonista.
ALTER METROPOLITAN ART è un progetto sostenuto da: Città di Torino, Regione Piemonte e EXHIBIT program - Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura, che premia l’innovazione, l’autorialità e la dimensione corale della produzione artistica.
Il catalogo della mostra, a cura di Impasse - Nicoletta Daldanise e Irene Pittatore - è realizzato da Prinp editore di Dario Salani.