Franko B – Fil Rouge

Milano - 18/02/2013 : 07/04/2013

"Fil rouge" significa letteralmente “filo rosso” e viene usato per esprimere un concetto di continuità, di legame. Franko B per la sua mostra personale da Nonostante Marras, propone ‘ricami’ e ‘opere d’oro’… Quadri, ricami, soldati e un bacio… sguardi e memorie e visioni di un cuore innocente.

Informazioni

Comunicato stampa

Tutto nasce dal corpo, quel corpo che, parafrasando Nietzsche, contiene più ragione della nostra migliore sapienza. E’ assoluto, totale, amoroso, intimo, il rapporto che Franko B instaura con lo spettatore. E sono molte e importanti le sue tematiche: la fragilità della condizione umana, l’amore, la solitudine, il senso di vergogna, la ribellione, che nella metamorfosi delle sue opere divengono gli elementi una visione dell’arte potente, forte, imponente, importante, autorevole, grande.
" Fil rouge" significa letteralmente “filo rosso” e viene usato per esprimere un concetto di continuità, di legame

Franko B per la sua mostra personale da Nonostante Marras, propone ‘ricami’ e ‘opere d’oro’… Quadri, ricami, soldati e un bacio… sguardi e memorie e visioni di un cuore innocente. I ricami sembrano raffigurare una bellezza fragile delineata sulla tela bianca da un susseguirsi di punti di cotone rosso. Rosso, come il sangue sul corpo imbiancato dell’artista delle performance degli anni novanta.

Rosso e oro sono i colori di questa mostra che crea un’ atmosfera immobile, e un’articolata visione antiretorica, un incendio visionario e una dimensione temporale vicina alla nenia di una preghiera antica. Affatto un capriccio, ma una lezione morale severa e necessaria, perché le opere non sono immagini, e perché le immagini smettano di essere inutilmente invadenti.

Una mostra fragile, delicata, poetica, languida, romantica. Una dichiarazione di amore, di arte, di poesia. Opere davanti alle quali ci si interroga. Molte le suggestioni: paura, fastidio, attrazione, sgomento, disagio, commozione. Franko B ha ricamato intorno al tema drammatico della guerra, immagini di soldati con le perdite che inevitabilmente si portano dietro: la perdita luttuosa di luoghi, affetti, relazioni, ambienti e desideri, “Le cose che tornano erano tue, quelle che non tornano, non le hai mai avute”, dice un antico proverbio, e Franko B vuole che torni tutta la bellezza sospesa, le cose dimenticate, quelle lasciate indietro, quelle sfregiate dalle armi, quelle definitivamente distrutte.

Franko B è egli stesso che tesse le trame dei propri ricami. Cuce ripercorrendo quasi ossessivamente la superficie bianca della tela con filo egiziano rosso, e questa ripetizione manuale, quella del ricamo, si rivela sia come tecnica artistica sia come una sorta di performance senza pubblico. Questa serie di opere è la conferma di quanta poesia sia capace di trasmettere Franko B tracciando, solo con ago e filo, le sagome di soldati di varie guerre. Nelle opere di Franko B i temi dominanti si intrecciano in maniera inestricabile: nulla è come sembra, e questa è una condizione dei grandi artisti, i quali sanno bene come far emergere da una scena apparentemente semplice significati nascosti. Dalla pittura ai video, dalla performance alla scultura, dalla pittura al ricamo, dalle installazioni alla fotografia, l’impatto con le opere di Franko B resta ugualmente denso, forte, coinvolgente. Poetico. Sempre.

E, per questa esposizione, sono diventati d’oro gli animali e gli oggetti, i ‘memento mori’ e le sedie e le bambole di un altro tempo. D’oro: “Della natura il primo verde è d'oro,
il più raro ed effimerò color. la prima foglia è un fior che dura un'ora sola. Poi, foglia cade a foglia, Cos' l'eden piombò nella doglia; Così l'alba nei giorni si cala. Ciò che è d'oro non dura”. (Robert Frost)

Un’esposizione in un’ambiente sicuro, caldo, protetto. Un posto che diventa una dichiarazione di appartenenza ad una comunità, la comunità di esseri che ogni giorno si meravigliano della bellezza delle nuvole, come nell’episodio di Pasolini Che cosa sono le nuvole? del 1967, in cui i due attori-marionette (Totò e Ninetto Davoli) vengono buttati nel camion della spazzatura e poi nella discarica. Semisepolti dai rifiuti, vedono sopra di loro il cielo azzurro cosparso di nuvole bianche. "Iiiiih, che so' quelle", chiede Davoli, "Sono le nuvole", risponde Totò "E che so' le nuvole? Quanto so' belle! Quanto so' belle!", esclama Davoli.


Franko B

Nato a Milano nel 1960 e trasferitosi a Londra giovanissimo, Franko B si diploma al Chelsea College of Art and Design e inizia a produrre le proprie opere fin dai primi anni Novanta, spaziando dal video alla fotografia, dalle performance alla pittura fino alla scultura. Protagonista indiscusso dell’ICA, epicentro londinese dei progetti artistici più radicali e d’avanguardia, il suo background è il romantic punk della capitale inglese degli anni ’90. Docente di scultura all’Accademia di Belle Arti di Macerata dal 2009, ha tenuto corsi e lezioni in alcune delle più importanti scuole d’arte internazionali.
Ha eseguito le sue performance in prestigiose sedi internazionali per l’arte contemporanea: Tate Modern, Londra, 2003; ICA, Londra, 2008; South London Gallery, Londra, 2004; Palais des Beaux- Arts /Palais voor Schone Kunsten, Bruxelles, 2005; Beaconsfield, Londra 2001; Galleria Luciano Inga-Pin, Milano, 1998, e ancora a Città Del Messico, Berlino, Copenhagen, Madrid e Vienna. La sua performance più recente si è tenuta al Royal College of Art di Londra nel 2010. Ha esposto inoltre a: RuArts, Mosca, 2007; Victoria And Albert Museum, Londra, 2006; Tate Liverpool, 2003; Contemporary Art Center, Copenhagen, 2002.
Nel 2010, il PAC di Milano, realizza la sua prima personale in uno spazio pubblico italiano, per l’inaugurazione della mostra dal titolo I Still Love, realizza la sua performance Love in times of pain.
Tra le monografie a lui dedicate: Franko B, monografia, Costa Nolan / Virus & Mutation, Italy, 1997; Franko B The Performance Work, monografia, Black Dog Publishing Ltd, London, 1997; Oh lover boy, photography by Manuel Vason, Black Dog Publishing Ltd, London,2001; Blinded by Love, monografia , Damiani, Italy, 2007;
I Still Love catalogo mostra personale PAC 2010, Italy, Curated by FAM, Published by 24 Ore Cultura, Italy
Nel 2003 ha pubblicato un progetto fotografico intitolato' Still Life '
Le sue opere sono presenti nelle collezioni della Tate, del Victoria and Albert Museum, della South London Gallery e del Modern Art Museum di Tel Aviv, del Museo di Arte Contemporanea di Milano