FotoDesign Polacco Anni ’50 e ’60

Roma - 20/02/2013 : 26/03/2013

La mostra presenta una selezione di scatti, che rendono omaggio al design della Polonia degli anni ‘50 e ‘60 inquadrato dall’occhio acuto di alcuni fra i più interessanti fotografi dell’epoca, artisti famosi i cui cicli legati al design sono parte di un patrimonio meno conosciuto.

Informazioni

Comunicato stampa

FOTODESIGN POLACCO
Design Polacco degli anni 50/60 nella fotografia d'autore

Fotografie di: Zbigniew Dlubak, Wojciech Plewinski, Tadeusz Suminski, Eustachy Kossakowski, Wojciech Zamecznik, Jerzy Lewczynski

Inaugurazione a Roma: 20 febbraio - ore 19 – Istituto Polacco di Roma

Fino al 26 marzo all'Istituto Polacco di Roma - Va Vittoria Colonna 1 – 00193 Roma
Orario visite: lunedì-giovedì 10-17 e su appuntamento
nell’ambito della Mostra Internazionale del Design DOS – Disegnare Oggetti Sonori
E:

Inaugurazione a Milano: 5 aprile - Frigoriferi Milanesi
Fino al 15 aprile – Frigoriferi Milanesi - Via G.B

Piranesi, 10 - 20137 Milano
nell’ambito di Gallery Weekend e Salone del Mobile. Fino al 20 aprile 2013.

La mostra FOTODESIGN POLACCO - Design Polacco degli anni 50/60 nella fotografia d’autore- presenta una selezione di scatti, che rendono omaggio al design della Polonia degli anni ‘50 e ‘60 inquadrato dall’occhio acuto di alcuni fra i più interessanti fotografi dell’epoca, artisti famosi i cui cicli legati al design sono parte di un patrimonio meno conosciuto. La mostra ha il doppio intento di rivalutare lavori fotografici meno noti e al contempo testimoniare la genialità del design polacco di quel ventennio. In mostra i cicli più significativi, come Supersam, con le fotografie di Eustachy Kossakowski (autore delle immagini fotografiche delle performance e di molti spettacoli di Tadeusz Kantor), sull'inaugurazione del grande e primo supermercato di Varsavia (1962); il ciclo Negozio Adam, fotografato da Zbigniew Dlubak, uno dei più affermati fotografi polacchi, con gli interni del negozio di abbigliamento maschile di Varsavia; il ciclo di Tadeusz Suminski sulle stazioni moderniste di Varsavia (1963); una serie di fotocollage del fotografo d'avanguardia Jerzy Lewczyski, destinati a promuovere presso gli operai una adeguata istruzione di sicurezza sul lavoro (1958). Uno ciclo dei più interessanti in mostra è quello dei bozzetti preparatori fotografici di Wojciech Zamecznik per la creazione dei poster dei Festival d’Autunno Varsaviano del 1963 e del 1965 – il festival di musica contemporanea di Varsavia molto importante e tutt'oggi esistente, e gli studi fotografici dello stesso artista sulla copertina del disco della composizione fra le più importanti di Krysztof Penderecki del 1960 'Threnodia per le Vittime di Hiroshima' sulla tragedia di Hiroshima. I bozzetti di Wojciech Zamecznik, uno dei rappresentanti della famosa scuola del poster polacca, la cui tecnica si basava sull'utilizzo della fotografia nei poster, fatto che lo avvicinava agli artisti del Costruttivistmo russo, sembrano nel loro tratto lirico e musicale, seguire passo per passo le fasi della composizione del grande musicista polacco.
Sarà anche in mostra inoltre un ciclo di fotografie su un incontro/laboratorio di jazz fatte dal fotografo cracoviano Wojciech Plewinski, tra primi a giungere e fotografare l'Italia durante il periodo del disgelo negli anni '50.
L'aspetto più interessante di questi cicli fotografici e che pone la mostra Fotodesign Polacco riguarda la relazione intercorsa all’epoca tra il prodotto artistico e la sua destinazione commerciale, un aspetto che bene si evidenzia nella fotografia d’autore di quegli anni dove il design emerge in tutta la sua modernità.