Fornasetti – Calendarium

Milano - 03/12/2015 : 31/12/2015

La serie dei piatti calendario è divenuta negli anni un marchio di fabbrica dell’atelier Fornasetti e proprio per questo Barnaba Fornasetti ha pensato – in occasione dell’uscita del 49° piatto – di dare la possibilità ad appassionati e collezionisti di vedere riunita l’intera raccolta.

Informazioni

  • Luogo: FORNASETTI STORE
  • Indirizzo: corso Venezia 21/a - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 03/12/2015 - al 31/12/2015
  • Vernissage: 03/12/2015
  • Generi: design

Comunicato stampa

La serie dei piatti calendario è divenuta negli anni un marchio di fabbrica dell’atelier Fornasetti e proprio per questo Barnaba Fornasetti ha pensato – in occasione dell’uscita del 49° piatto – di dare la possibilità ad appassionati e collezionisti di vedere riunita l’intera raccolta. Fornasetti Store ospiterà la mostra “Calendarium” dal 3 al 31 dicembre 2015.
Iniziata nel 1968 e pensata come strenna natalizia da regalare ad amici e clienti, questa serie di piatti ha origine da un’idea che Gio Ponti aveva commissionato a Fornasetti, sotto forma di libro soprammobile, negli anni ’40

Gli “annuari” erano di fatto dei libretti stampati a mano in edizione limitata donati esclusivamente a una ristretta cerchia di amici come auspicio per l’anno nuovo. Piero decise, a partire dal 1968, di sostituire gli “annuari” con i piatti “Calendario” che editò fino al 1988, anno della sua scomparsa. Ogni piatto riporta i giorni e i mesi dello specifico anno accompagnati da una grafica e da decori tipici dell’immaginario fornasettiano: soli, lune, carte da gioco, civette, gatti, segni zodiacali…
Barnaba Fornasetti ha mantenuto viva questa tradizione e dal 1989 ne ha continuato la produzione in tiratura limitata di 700 esemplari ogni anno.
Seppur creato per segnare il tempo, il piatto calendario di Fornasetti è un oggetto che in quasi 50 anni di esistenza ha dimostrato e dimostra di essere al di sopra delle mode e dei gusti dettati dalle tendenze poiché “atemporale”, come tutte le principali icone fornasettiane. Ha anche attirato l’attenzione del mercato antiquario e del collezionismo con quotazioni elevate che raggiungono picchi per le annate che sono andate esaurite e quindi quasi introvabili.