Fiamma Montezemolo – Entanglements

Roma - 14/12/2019 : 31/01/2020

Magazzino è lieta di inaugurare Entanglements, la nuova mostra personale di Fiamma Montezemolo a cura di Matteo Lucchetti

Informazioni

  • Luogo: MAGAZZINO
  • Indirizzo: Via Dei Prefetti 17 - Roma - Lazio
  • Quando: dal 14/12/2019 - al 31/01/2020
  • Vernissage: 14/12/2019 ore 19
  • Autori: Fiamma Montezemolo
  • Curatori: Matteo Lucchetti
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: su appuntamento

Comunicato stampa



Magazzino è lieta di inaugurare Entanglements, la nuova mostra personale di Fiamma Montezemolo a cura di Matteo Lucchetti. La mostra aprirà al pubblico sabato 14 dicembre 2019 e resterà visibile fino al 31 gennaio 2020.

La parola entanglements, mutuata dall’inglese per mancanza di un equivalente efficace in lingua italiana, esprime il senso di un aggrovigliamento di temi, concetti e punti di vista che bene rappresenta la complessità contemporanea e la conseguente difficoltà di districarsi in grandi narrazioni collettive

I nodi che si creano all’incontro di stratificazioni storiche, politiche e antropologiche sono al centro del lavoro di Fiamma Montezemolo, che utilizza le proprie installazioni come spazi di riorganizzazione del senso che associamo alle immagini, dipanando le costruzioni culturali che le accompagnano e rivelando l’interdipendenza dei contesti dai quali provengono. All’interno della nuova personale presso Magazzino, l’artista presenta una nuova produzione accompagnata da altri due lavori recenti – Progetto Perucatti e Green White Red (Mediterranean Blue) –, volti a prendere posizione rispetto alla brutale polarizzazione del dibattito pubblico attorno a temi quali la migrazione, l’identificazione e la reclusione delle supposte alterità.

La nuova installazione Il Serpente (2019) prende corpo da una visita dell’artista al museo torinese dedicato alla problematica figura di Cesare Lombroso, criminologo ottocentesco ante litteram che basò i propri studi su fisiognomica e frenologia, condannando centinaia di persone alla galera per la loro supposta predisposizione genetica al crimine. Figlio di un’epoca positivista dove la classificazione diventa metodo pseudo scientifico di oppressione delle masse che vivevano in povertà, Lombroso nel 1876 pubblica L’uomo delinquente nel quale prende in esame il ruolo dei tatuaggi come segni identificativi dell’atavismo di certi soggetti. Montezemolo fa cortocircuitare l’idea coloniale primitivista europea recuperando dalla tradizione messicana la figura di Quetzalcoatl, il dio serpente piumato. Nell’animazione video, si vede liberarsi il rettile aggrovigliato nel corpo tatuato di un carcerato lombrosiano e trasformarsi nella divinità mesoamericana del vento, protettrice della conoscenza e delle arti.

Fiamma Montezemolo è nata a Roma nel 1971, vive e lavora a San Francisco. È artista (MFA, San Francisco Art Institute) e antropologa culturale (Dottorato, Università l'Orientale di Napoli). Insegna nel dipartimento di cinema e studi digitali dell'Università della California, Davis. Ha esposto il proprio lavoro presso numerose istituzioni tra cui: Laboratorio Arte Alameda, Mexico City (2019), Herbert Johnson Museum of Art, Cornell University (2019), Munich Jewish Museum, Germany (2019), La Galleria Nazionale, Roma (2019), Headlands Center for the Arts, California (2018), ASU Art Museum, Arizona (2019), Kadist Art Foundation, San Francisco (2016), Armory Center for the Arts, Los Angeles (2014).

Il significato del serpente. Fiamma Montezemolo a Roma

Magazzino, Roma – fino al 31 gennaio 2020. La galleria romana ospita la mostra di Fiamma Montezemolo, in cui l’artista dipana alcuni nodi del nostro immaginario.