Fausto Melotti – Tema e variazioni

Milano - 06/06/2019 : 27/09/2019

Nelle due sale espositive verranno esposte dieci sculture che coprono l’attività svolta dal Sessantotto agli anni Ottanta.

Informazioni

  • Luogo: C+N CANEPANERI
  • Indirizzo: Foro Buonaparte 48 20121 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 06/06/2019 - al 27/09/2019
  • Vernissage: 06/06/2019 ore 18
  • Autori: Fausto Melotti
  • Generi: personale, arte moderna
  • Orari: lunedì-venerdì: 10.00 - 13/14.30 - 18.30 sabato su appuntamento

Comunicato stampa

La galleria C+N Canepaneri e’ lieta di presentare una retrospettiva dedicata a Fausto Melotti
(Rovereto, 1901 - Milano, 1986), che si terrà nello spazio di Milano dal 6 giugno al 27 settembre.
Nelle due sale espositive verranno esposte dieci sculture che coprono l’attività svolta dal Sessantotto agli anni Ottanta.

Italo Calvino ha detto di essersi ispirato alle sculture sottili, leggere, piene di vuoti di Fausto Melotti quando ha scritto Le Città Invisibii

Basterebbe questo per sottolineare la grandezza di un artista che ha interpretato la scultura in un modo e con una concezione che forse solo un altro grande come Calder è riuscito a condividere. Il progressivo scollamento e distacco dal plasticismo classico ha portato Melotti ad essere l’unico scultore italiano ed internazionale a collocarsi in quella “terra di nessuno” che sta tra l’iconografia imperante e l’avanguardia duchampiana Neo-Dada.
L’Installazione che non è ready made, la figura che non è leggibile nell’accezione più formale, un aggiornamento e un azzeramento linguistico che mette sullo stesso livello Melotti, Calder e Tinguely.
Sottili, leggere, piene di vuoti, come diceva Calvino. Si potrebbe aggiungere destabilizzanti con il loro equilibrio precario, ma definito, circoscritto in uno spazio ben preciso risolto con estrema abilita’ e perizia, con utilizzo di materiali per lo più fragili come fili, reti, garze, palline penzolanti, scale perlopiù evocative. Metafore infinite e ricche di significati che sfociano nella poesia, nell’immaginifico e in significati improbabili che ci permettono di sognare o immaginare un vissuto o un divenire ricco di emozioni.
La scultura di Melotti si configura come una fusione tra concreto e astratto, connotata da una matericità impalpabile che si esalta sostanzialmente tramite l’utilizzo di materiali talvolta poveri e deperibili, simbolo di quella stessa poetica di fragilità che le opere lasciano trapelare.
Innegabile il legame con la musica e la sua rigorosa struttura basata su di un calcolo geometrico, su di una statica perfezione, quasi come se vi fosse un tentativo di trasferire nella scultura il valore assoluto delle melodie di Bach.
Ed è ancor più il richiamo alla cultura classica ed alle memorie arcaiche che restituisce alle sculture una funzione quasi votiva, un senso di immortalità tradotto in forme perlopiù totemiche e ridotte all’essenziale. Il rigore Neoellenico delle strutture serba in sé un connotato armonico che la legge dei numeri e dei segni algebrici richiede e che si ricollega alla stessa metodica ed elegante precisione che una composizione di note imprime sullo spartito musicale.
Cover: Fausto Melotti, Schematica, 1973, ottone, 107x105x22 cm