Fabrizio Berti – Pop dittatori

Grigno - 09/06/2012 : 24/06/2012

“Ma cos'è la destra, cos'è la Sinistra?” è questa la domanda che poniamo ai dittatori del passato e del presente disegnati da Fabrizio Berti, ed esposti presso l’Antica Pieve di Grigno, all'interno della mostra curata da Aurora Minati e Francesco Azzolini.

Informazioni

  • Luogo: ANTICA PIEVE DI SS GIACOMO E CRISTOFORO
  • Indirizzo: Via Vittorio Emanuele 144, 38055 - Grigno - Trentino Alto Adige
  • Quando: dal 09/06/2012 - al 24/06/2012
  • Vernissage: 09/06/2012 ore 18
  • Autori: Fabrizio Berti
  • Curatori: Aurora Minati, Francesco Azzolini
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: Da martedì a domenica dalle 10.00 alle 12.00 e dalle .00 alle18.00
  • Email: grigno@biblio.infotn.it
  • Patrocini: Assessorato alla Cultura del Comune di Grigno Biblioteca Pubblica Comunale “Orlando Gasperini” Sistema Culturale Valsugna Orientale

Comunicato stampa

“Ma cos'è la destra, cos'è la Sinistra?” è questa la domanda che poniamo ai dittatori del passato e del presente disegnati da Fabrizio Berti, ed esposti dal prossimo 9 giugno presso l’Antica Pieve di Grigno, all'interno della mostra curata da Aurora Minati e Francesco Azzolini.
La risposta è celata in una serie di piccole tele dipinte con colori accesi, animate dai grandi personaggi del passato che stavolta appaiono svuotati di tutta la loro austerità e caricati invece di un'ironia insospettabile. Per riconoscerli basta un dettaglio: il copricapo di Saud, il punjabi di Traorè, i baffi di Hitler

Dietro al colore e all'ironia un'accurata ricerca bibliografica e un giovane col pizzetto nato a Torcegno, che ha scelto di fare il mestiere più antico del mondo... l'artista. Le sue opere nascono da piccoli schizzi realizzati a penna, appunti, pochi segni fatti con le matite colorate che prendono poi forma su tele povere, realizzate con vecchie lenzuola. “Col mio lavoro” spiega Fabrizio “cerco di trasmettere un’emozione, non importa se sia positiva o negativa. L’importante è che riesca a far pensare, a far emergere un ricordo, a far ridere o piangere, a far riflettere sul mondo in cui viviamo, agli errori fatti nel passato per evitare di farne altri o addirittura dimenticarsi di quelli fatti”.