Fabio Romano – Level 7

Biella - 13/03/2015 : 12/04/2015

La mostra di Fabio Romano si intitola “Level 7”, un termine usato per indicare il livello di pericolo associato ad un incidente nucleare.

Informazioni

  • Luogo: BI-BOX
  • Indirizzo: Corso del Piazzo, 25 - Biella - Piemonte
  • Quando: dal 13/03/2015 - al 12/04/2015
  • Vernissage: 13/03/2015 ore 18
  • Autori: Fabio Romano
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: giovedì – venerdì – domenica 16-19 sabato 10-12 e 16-19

Comunicato stampa

La mostra di Fabio Romano si intitola “Level 7”, un termine usato per indicare il livello di pericolo associato ad un incidente nucleare. Se viene accertato il livello 7 significa che ci troviamo di fronte ad un evento catastrofico simile per disastro a quanto accaduto a Chernobyl e Fukushima.
Fabio Romano realizza sculture formate da sostanze particolari come polvere, nero fumo, legno combusto e materiali organici; sono scenari, evocazioni di apocalissi composte di paesaggi urbani dove l'uomo è assente, ma dove del suo esserci stato rimangono manufatti, architetture, strade, spazi vuoti


Sono mondi crollati, rovine non da contemplare, ma da guardare “ per fare esperienza del tempo, del tempo puro”, come ci suggerisce Marc Augè.
Il tempo in cui accade quello che Fabio Romano crea non ha una datazione, ma intuiamo che le rovine delle sue città sono tornate ad essere uno spazio della natura, pur essendo il risultato della storia.
Quando pensiamo a città abbandonate ci riferiamo a luoghi dove la catastrofe si è manifestata come a Cernobyl o Fukushima. Ma ci domandiamo: potrebbe di nuovo accadere? L'incubo di disastri nucleari, di attacchi atomici non è mai scongiurato e la distruzione della nostra precaria tranquillità è sempre in agguato.
Le maquettes di Romano sono una archeologia possibile del nostro quotidiano o una riflessione sulla memoria di una civiltà tecnologica che conosciamo ma che potrebbe trasformarsi in un fantasma.
Come l'origine dell'uomo è legata all'idea della polvere (“infatti polvere sei e polvere ritornerai”), così le sculture di Romano sono ricoperte di polvere, di materiale inerte che “conserva l'impronta di tutto ciò che metaforicamente è stato senza aver nulla perduto, come un immenso deposito o un'immensa matrice virtuale di ricostruzione” ( Paulo Barone).
Se la grande nuvola di polvere prodotta dal crollo delle Torri Gemelle erano le torri stesse, la polvere caduta sulle opere di Romano è essa stessa casa, persona, oggetto, memoria, a dare consistenza e spessore anche all'assente.