Fabio Adani – Metamorfosi dello sguardo

Bologna - 07/05/2021 : 12/06/2021

Campogrande Concept nell’ambito di ART CITY Bologna 2021 invita ad ammirare le opere dell’artista Fabio Adani "Metamorfosi dello sguardo" a cura di Francesca Baboni .

Informazioni

  • Luogo: CAMPOGRANDE CONCEPT
  • Indirizzo: Via Castiglione 7 - Bologna - Emilia-Romagna
  • Quando: dal 07/05/2021 - al 12/06/2021
  • Vernissage: 07/05/2021 ore 17-20
  • Autori: Fabio Adani
  • Curatori: Francesca Baboni
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: Orari di apertura nei giorni di ART CITY Bologna (7-8-9 maggio 2021) Apertura VENERDI 7 MAGGIO dalle 17alle 20 ( con la presenza dell'artista) orari SABATO E DOMENICA dalle 10,30 alle 19

Comunicato stampa

Campogrande Concept nell’ambito di ART CITY Bologna 2021 invita ad ammirare le opere dell’artista Fabio Adani "Metamorfosi dello sguardo" a cura di Francesca Baboni .
La mostra sarà ospitata da Regus, il nuovo centro business in Via Del Monte, nel Palazzo del Monte di Pietà, edificio quattrocentesco che confina con la Cattedrale di San Pietro.
L’apertura al pubblico si terrà Venerdì 7 maggio dalle 17.00 alle 20.00


Una mostra monografica dell'autore che torna ad esporre a Bologna dopo il diploma all'Accademia, che comprende tutto il percorso artistico fino ai lavori recenti , in particolare i diversi cicli affrontati dall'autore nel corso degli anni che rimandano ad uno sguardo soggettivo che si modifica nella rielaborazione mnemonica che approdano all'utilizzo della fotografia e al libro d'artista.
Come scrive la curatrice : "La realtà talvolta ci appare diversa da come la interpretiamo e muta a seconda del punto di vista. La verità concreta si sedimenta nella nostra memoria assumendo forme nuove, legate ad una precisa metamorfosi del vedere. Fabio Adani riesce con efficacia, mediante pochi cromatismi e tratti pittorici, a metterci davanti agli interrogativi spirituali che tormentano la nostra esistenza, ribaltando la situazione nel momento in cui davanti a quel muro impossibile da valicare siamo noi stessi, con le nostre reticenze, le nostre difficoltà nell'andare al di là dei nostri limiti, spettatori davanti a barriere mentali e interiori che non sono nient'altro che quelle che ci costruiamo da soli.
Coi suoi non -luoghi e limiti che pone come barriere allo sguardo, l'artista fa riferimento al concetto di Dominique Laugè legato allo straniamento e allo spaesamento subito dall’uomo contemporaneo nel suo rapporto con il mondo circostante”
Finissage sabato 12 giugno dalle 17.00 alle 20.00 con la presenza dell'artista.