Fabiano De Martin Topranin – Return to the forest

Informazioni Evento

Luogo
GALLERIA FRANCO MARCONI
Corso Vittorio Emanuele 70, Cupra Marittima, Italia
Date
Dal al

lunedì-sabato dalle 16 alle 19.30

Vernissage
23/09/2012

ore 18

Artisti
Fabiano De Martin Topranin
Curatori
Carolina Lio
Generi
arte contemporanea, personale
Loading…

La Galleria Marconi di Cupra Marittima e Marche Centro d’Arte inaugurano la mostra personale di Fabiano De Martin Topranin, tra gli artisti vincitori della prima edizione del Premio ORA. Il progetto presenta una serie di lavori realizzati negli ultimi mesi dall’artista e preparati appositamente per la Galleria e per i suoi spazi.

Comunicato stampa

Domenica 23 Settembre alle ore 18.00, la Galleria Marconi di Cupra Marittima e Marche Centro d’Arte inaugurano la mostra personale di Fabiano De Martin Topranin, tra gli artisti vincitori della prima edizione del Premio ORA. Il progetto presenta una serie di lavori realizzati negli ultimi mesi dall'artista e preparati appositamente per la Galleria e per i suoi spazi. In mostra saranno visibili alcune tra le sculture principali della sua ricerca precedente e il nuovo progetto Return to the forest.
La mostra a cura di Carolina Lio potrà essere visitata fino al 21 ottobre 2012 presso gli spazi della Galleria Marconi (c.so Vittorio Emanuele, 70 - Cupra Marittma). Return to the forest fa parte degli eventi che si affiancano all’Expò di arte contemporanea Marche Centro d’Arte.

Come scrive il curatore della mostra, Carolina Lio: “Fabiano De Martin Topranin ricava fuori dal legno le figure di giovani uomini contemporanei e delle loro inquietudini, molto spesso legate alla vita sociale e alla sfida con le proprie fragilità. I suoi, sono personaggi che soffrono il male di una società liquida e hanno come risultato un carattere in divenire, senza ancora una chiara definizione di sè, che cerca di identificarsi attraverso simboli, mode, aggregazioni con gli altri”. Tutte le sculture sono scolpite nel tiglio in dimensioni che arrivano a quelle naturali. Sono caratterizzate molto poco fisicamente quando non addirittura lasciate in forma di bozza e talmente sintetiche da richiedere di essere intuite. La poca caratterizzazione fisica dei personaggi fa in modo che i vari ritratti si configurino non come rappresentazioni di persone specifiche, quanto di una società e dei suoi modelli.

In particolare, nella serie Return to the forest, teenagers in felpa e jeans cercano un'evasione dal mondo urbano e la conquista di un mondo naturale da scoprire per riscoprirsi. Sono spesso affiancati da attrezzi per lavorare la terra, simbolo della consapevolezza del bisogno di realizzare e di costruire qualcosa e di superare un'esistenza fatta di soli stereotipi. Cercando di ottenere un contatto reale con il mondo e di sentirsene parte integrante, cercano, come afferma lo stesso artista: “di approdare a un mondo non più falso e finto”.

NOTE BIOGRAFICHE
Fabiano De Martin Topranin è nato nel 1984 a S. Candido, Bolzano. Vive e lavora a Padola di Comelico, Belluno. Nel 2009 ha tenuto una mostra personale presso Palazzo Crepadona a Belluno. Ha recentemente partecipato ai progetti: (2012) Play by the rules presso il Museo Rimoldi di Cortina d'Ampezzo e a (2011) Vulpes pilum mutare presso il Museo Civico di Bassano del Grappa oltre che al progetto-laboratorio Dolomiti Contemporanee. Ha inoltre esposto presso Galleria Biagiotti di Firenze, Lion Fine Art di Belluno e Villa Miari Fulcis di Belluno.

“Ogni nuova stagione espositiva è come un nuovo inizio, un ripensare a quanto si è fatto per continuare a crescere sulle radici, si spera solide, che si sono messe. Arrivati alla soglia dei 18 anni (ma la maturità è ancora lontana a venire) voglio ringraziare quanti, magari solo per un attimo, un sorriso, una chiacchierata o una sigaretta, si sono avvicinati all’attività della Galleria. Continuo a lavorare per l’arte, nonostante tutte le difficoltà, perché spero ancora che possa salvarci. Un abbraccio” (Franco Marconi)

On Sunday 23rd September at 6.00 p.m. Marconi Gallery of Cupra Marittima and Marche Centro d'Arte are opening the solo exposition by Fabiano De Martin Topranin, one of the winning artists of the first edition of ORA Prize. The project presents a series of works realized by the artist in the last months and specially prepared for the gallery and for its spaces. Some of the most important sculptures of his previous research and the new project Return to the forest will be shown.

The curator of the exhibition, Carolina Lio says:” Fabiano De Martin Toprain gets out of the wood the figures of young contemporary men and their worries often related to the social life and to the challenge with their fragility.His characters suffer from the evil of a liquid society and have, as a result, a character in the making, without a clear definition of the self and which tries to identify through symbols, fashions and combinations with the others”. All the sculptures are carved in linden with sizes arriving to the natural ones.

They are characterized very little physically or even left in the form of draft and so synthetic that they need to be guessed. The lack of physical characterization of characters makes the various portraits as represantations of a society and of its models instead of specific people.

Particularly in the series Return to the forest, teenagers in sweatshirt and jeans look for an escape from the urban world and the conquest of a natural world to discover. in order to rediscover themselves. They are often accompanied by tools to work the land as symbols of the awareness they need to realize and build something and to overcome a life of only stereotypes. “They try to arrive at a world no longer fake”, as stated by the same artist, by getting a real contact with it and feeling themselves as an integral part of it.

BIOGRAPHY

Fabiano De Martin Topranin was born at San Candido, Bolzano in 1984. He lives and works at Padola of Comelico, Belluno. In 2009 he held a solo exhibition at Crepadona Palace in Belluno. He has recently taken part in the following projects: (2012) Play by the rules at the Museum Rimoldi of Cortina d'Ampezzo and in (2011) Vulpes pilum mutare at the Museum of Bassano del Grappa as well as in the workshop-project Contemporary Dolomites. He has also exhibited at Biagiotti Gallery of Florence, Lion Fine Art and Villa Milari Fulcis of Belluno.

“Every new exhibition season is like a new starting, a kind of rethinking of what has been done in order to go on growing on the roots we planted and which we hope solid.
Reached the threshold of the 18 years (but our maturity is far from being), I want to thank all those who have approached the work of the gallery even only for a moment, a smile, a chatting or a cigarette. I go on working for art neverthless all the difficulties, because I still hope it can save us. A hug” (Franco Marconi)