EuropaParadigmaEst 3

Trieste - 22/07/2015 : 30/11/2015

Terza edizione di “EuropaParadigmaEst” , una rassegna di arte contemporanea internazionale.

Informazioni

  • Luogo: INCE
  • Indirizzo: Via Genova, 9 - Trieste - Friuli-Venezia Giulia
  • Quando: dal 22/07/2015 - al 30/11/2015
  • Vernissage: 22/07/2015 ore 18
  • Curatori: Franco Rosso, Enea Chersicola
  • Generi: arte contemporanea, collettiva
  • Orari: La Mostra sarà visitabile fino alla fine di novembre 2015 e prevede visite guidate ogni primo venerdì del mese alle ore 16.00.

Comunicato stampa

Mercoledì 22 luglio alle ore 18.00 presso la sede triestina dell’INCE (Iniziativa Centro Europea- Via Genova 9 ) si inaugura la terza edizione di “EuropaParadigmaEst” , una rassegna di arte contemporanea internazionale , che sarà presentata da Giorgio Rosso Cicogna (INCE), dai curatori della Mostra Franco Rosso ed Enea Chersicola e da Ksenija Samardzija dell’Associazione Artistica belgradese PODR.UM.
L’evento fa parte di una serie di appuntamenti, promossi dall’INCE, che intendono sottolineare e confermare come gli artisti possiedano in maniera naturale quella sensibilità che spesso li fa intuire anticipatamente e poi visualizzare alcuni indirizzi della società

Ed è sintomatico che questo calendario di eventi si svolga a Trieste, capoluogo di quella regione Friuli Venezia Giulia che testimonia il paradosso vivente di un territorio di confine e di frontiera che ha saputo storicamente diventare un laboratorio in cui si sono sperimentati tutti i temi centrali della crisi novecentesca. L’obiettivo è anche quello di suggerire nuove ipotesi di lettura e di indagine sul fare arte nei territori di confine, tant’è che questa terza edizione coinvolge 5 artisti italiani e 12 artisti serbi: il che consegna alla rassegna una valenze di particolare attualità, inserendosi in una situazione epocale particolarmente combattuta, che vede contemporaneamente la Regione Friuli Venezia Giulia insediare a Belgrado “Casa FVG” e, contemporaneamente, l’Ungheria avviare la costruzione di una barriera lungo il confine con la Serbia al fine di bloccare l’ingresso di rifugiati provenienti dalla Siria e dall’Afghanistan. Ma l’arte sa bene che ai confini sempre si collegano lacerazioni , azzardi culturali, rimescolii ideologici, amori contrastati e tensioni forti che nascono da separazioni e spaccature, e anche in questa rassegna –tramite i suoi protagonisti- l’arte si conferma sensore intelligente di travagli, contrasti, aperture, filtrando, indagando e assorbendo gli stilemi e le istanze della cultura di frontiera.
Al progetto culturale dell’INCE hanno contribuito l’APA ( Art Projects Association) e Il Sestante di Trieste, assieme alla Associazione Artistica PODR.UM di Belgrado.
Artisti partecipanti: (Serbi) Nikola Božović, Dragan Đorđević, Tijana Knežević, Mina Radović, Ljubomi Vučinić, Stevo Mandić, diStruktura, Biljana Milenković, Vuk Vučković, TKV, Mile Šaula, Nina Standovi; (Italiani) Rossella Bianchi, Eva Ciuti, Isacco Macalli, Luisa Pineri, Elena Santoro.