Eugenio Magno – Tra Realtà e Fantasia

Sant'Arpino - 02/04/2022 : 25/04/2022

la Pinacoteca “Massimo Stanzione” del Palazzo Ducale Sanchez De Luna di Sant’Arpino ospiterà le opere dell’artista partenopeo.

Informazioni

Comunicato stampa

Un nuovo appuntamento con l’arte animerà i locali della Pinacoteca “Massimo Stanzione” sita nel Palazzo Ducale Sanchez De Luna di Sant’Arpino (CE), che ospiterà dal 2 al 25 aprile 2022, la mostra personale di Eugenio Magno, dal titolo “Tra Realtà e Fantasia”, scelto dal curatore dell’iniziativa Gianpaolo Coronas. Le opere del Maestro, che hanno come soggetto principalmente paesaggi Partenopei, rappresentano un perfetto equilibrio tra queste due dimensioni, da cui l’autore estrapola fiabesche visioni dalle meravigliose vedute napoletane. Quando le atmosfere partenopee incontrano i pennelli, nascono sinfonie di colori nei cieli rannuvolati, nei riflessi marini, nelle sfumature della flora

Un lungo, caldo e lento respiro che si lascia vivere in tutta la sua produzione di stampo impressionista. L’artista nasce a Napoli nel 1944. Fortemente attratto dal paesaggismo dei grandi maestri partenopei dell’Ottocento e del primo Novecento, si cimenta precocemente nel campo pittorico producendo opere di un certo rilievo artistico che vengono giudicate positivamente dal pittore Francesco Galante. Proprio Galante, così come Giuseppe Buono, Giacinto Gigante, Eduardo Dalbono, Giuseppe Casciaro possono considerarsi come i veri e propri Maestri putativi di Eugenio Magno. Attualmente vive e lavora a Napoli dove continua a dipingere e ad esercitare la sua professione di perito esperto di opere pittoriche del Novecento napoletano e di consulente tecnico per il restauro antico e moderno. L’iniziativa è organizzata dal Dama Museum, congiuntamente con l’Archivio Eugenio Magno, e con la collaborazione dell’Amministrazione Comunale di Sant’Arpino e dall’APS Pro Loco Sant’Arpino. Al vernissage, in programma sabato 2 aprile, alle ore 18,00, interverrà Ernesto Di Mattia, Sindaco di Sant’Arpino e la Dott.ssa Silvia Giovanardi, cui è affidata la critica della mostra. L’ingresso all’evento e alla mostra è gratuito, previa prenotazione e nel pieno rispetto delle vigenti normative e protocolli anti COVID-19. Sarà predisposto un catalogo della mostra.