Ettore Lo Bianco – Volti dell’Asia Centrale

Palermo - 25/01/2020 : 16/02/2020

L'idea di questo progetto fotografico è nata nella città di Ishkashim nel Pamir Occidentale del Tajikistan.

Informazioni

  • Luogo: MAGNETI COWORK
  • Indirizzo: Via Emerico Amari, 148 - Palermo - Sicilia
  • Quando: dal 25/01/2020 - al 16/02/2020
  • Vernissage: 25/01/2020 ore 18,30
  • Autori: Ettore Lo Bianco
  • Generi: fotografia, personale

Comunicato stampa

L'idea di questo progetto fotografico è nata nella città di Ishkashim nel Pamir Occidentale del Tajikistan.
Qui ogni sabato mattina, tensioni politiche tra i due stati permettendo, si tiene un mercato coperto (Chorsu) transfrontaliero in una zona franca subito dopo il ponte sul fiume Punj, confine naturale tra i due paesi.
L'Asia centrale è un mosaico etnico, i Tajiki (Taj colui che parla persiano) sono considerati il gruppo etnico più antico dell'Asia Centrale, le cui origini possono essere fatte risalire ai Sogdiani (I millennio A.C

regione della Transoxisiana) ai Battriani (250 A.C.) e ai Samanidi (da Saman Khoda capostipite dell'antica aristocrazia persiana 819 - 1005 D.C.). La popolazione del Tajikistan occidentale ha origini indoiraniche con fattezze mediterranee, a colte con cocchi chiari e capelli castani lisci. La presenza di Kirghisi nella parte orientale del paese al confine della Cina fa sì che o tratti mongoli siano prevalenti nella popolazione. Un gruppo multietnico distinto, con forte identità religiosa e linguistica è quello dei Badakhshani. L'Oblast (regione) Autonoma del Gorno-Badakhshan (GBAO) occupa la parte sud orientale del paese sull'altopiano del Pamir. Di confessione islamica sono musulmani Ismaliti (Nizariti) corrente dell'Islam sciita introdotta nella regione da Naser-e Khosrow, poeta, teorico e missionario ismalita persiano dell'XI secolo. Ogni valle del Pamir ha gruppi etnici con ceppi linguistici differenti tra loro come gli Shugni, Rushani, Yazgulami, Wakhi, Ishkashimi, pur rimanendo il tajiko la lingua ufficiale del paese.

Un sentito ringraziamento alla nostra guida tajika, Azamat Mamatali Uulu, che ha fatto, con grande professionalità e trasporto, da interprete tra me e le persone consentendomi di avvicinarle e instaurare con loro un contatto.

Ettore Lo Bianco


La mostra verrà inaugurata sabato 25 gennaio alle ore 18.30 presso Magneti Cowork, sito in Via Emerico Amari 148 e sarà visitabile fino al 16/02 negli orari di apertura del locale, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 20. Sia l'evento di apertura con l'autore che la mostra nei giorni successivi saranno gratuiti per i visitatori di Magneti.

Info sull'autore:
Ettore Lo Bianco, di professione medico, viaggiatore e fotografo per passione, a Palermo ha presentato i suoi scatti in vari spazi espositivi. Alcune sue foto e reportage sono stati pubblicati sul portale di National Geographic Italia. Il suo ultimo lavoro, dal titolo Volti dell'Asia centrale, è stato realizzato in Tajikistan e Kirghizistan lungo la Pamir Highway, anticamente facente parte della via della seta.
Le immagini sono state scattate con pellicola B&W HP5, scansionate e stampate con tecnica digitale.