Donata Lazzarini e Bruno Muzzolini – Déladelmur

Verona - 16/10/2021 : 30/11/2021

Artericambi è lieta di presentare la mostra Déladelmur in cui il sodalizio umano e intellettuale tra gli artisti Donata Lazzarini e Bruno Muzzolini torna a incrociarsi. La mostra è accompagnata da un testo di Maria Rosa Sossai.

Informazioni

  • Luogo: ARTERICAMBI
  • Indirizzo: Via Leida 6/A - Verona - Veneto
  • Quando: dal 16/10/2021 - al 30/11/2021
  • Vernissage: 16/10/2021 ore 19
  • Autori: Bruno Muzzolini, Donata Lazzarini
  • Generi: arte contemporanea, personale

Comunicato stampa

Artericambi è lieta di presentare la mostra Déladelmur in cui il sodalizio umano e intellettuale tra gli artisti Donata Lazzarini e Bruno Muzzolini torna a incrociarsi per rivendicare, con una tensione emotiva comune, una libertà espressiva e civile in sintonia con la natura, oggi compromessa dalla tossicità dei nostri stili di vita.

La mostra comprende installazioni video, sculture, fotografie e disegni



Scrive Maria Rosa Sossai: “Pur nella diversità delle rispettive pratiche artistiche, la loro sintonia di intenti li ha guidati nella scelta delle opere da esporre in mostra, con cui costruire una relazione orizzontale e sostenibile con le altre specie viventi attraverso il linguaggio dell’arte, senza tuttavia pretendere di comprendere tutto ma cercando piuttosto di immaginare un rapporto leale tra gli esseri viventi e il mondo naturale. Lo studio della natura attraverso il linguaggio dell’arte rappresenta da sempre una grande sfida, soprattutto oggi che l’allarme per la sopravvivenza del pianeta convive con un senso di stordimento avvolgente di fronte alla sua bellezza e intensità. I due artisti sono ben consapevoli che la relazione con la natura è un’invenzione che esiste da quando il genere umano è comparso sulla terra. L’arte tuttavia è un linguaggio ancora in grado di ricreare mondi e di entrare in relazione con le altre specie viventi. La pandemia ci ha insegnato quanto sia importante coltivare e includere nel nostro orizzonte speculativo l’imprevedibile perché aiuta a salvaguardare la libertà di pensiero e a coltivare l’astensione come pratica di vita sostenibile”.

La mostra è accompagnata da un testo di Maria Rosa Sossai che insieme agli artisti incontrerà il pubblico nel corso di un talk in galleria Lunedì 8 Novembre 2021 alle ore 18.00.

_______________________________________________________________________________________

In ottemperanza alle normative vigenti per la prevenzione da Covid-19, durante l’inaugurazione l’accesso sarà permesso solo ai visitatori in possesso della Certificazione Verde COVID-19, da esibire all’ingresso della galleria.

_______________________________________________________________________________________
BIO

Donata Lazzarini ha tenuto una serie di mostre presso istituzioni pubbliche e private: Museo di Castelbuono, Quadriennale di Roma, Museo della Permanente Milano, Fondazione Bevilacqua La Masa a Venezia, Galleria Civica di Modena, Biblioteca Braidense Milano, Galleria Nazionale Ljubljana, Palazzo Forti a Verona, Premio Suzzara, il Premio Fondazione Zanotto, Cicognani Galerie Kohl, Cavenaghi Arte Milano… Costruisce progetti legati all’ ambiente e allo spazio abitato, che declina in forme poetiche di paesaggio o talvolta in territori di relazione utilizzando mezzi diversi come il disegno, la scultura, l’installazione. L’attività artistica e didattica sono comunicanti: insegna Scultura all’Accademia di Belle Arti di Brera ed è co-fondatrice di ‘fuoriregistro quaderno di pedagogia e arte contemporanea’, Boîte Editions.

Bruno Muzzolini ha esposto le sue opere presso istituzioni pubbliche e private tra le quali: Listasafni ASI, a Reykjavik, National Gallery of Kosovo a Prishtina, SOMA a Città del Messico, National Gallery of Arts Tirana, Centrale di Fies, Dro, Biennale di Venezia corderie dell’arsenale, MAGA di Gallarate, Fabioparisartgallery di Brescia, MAMM di Medellin in Colombia, Gallery On the Move di Tirana, Museo di Santa Giulia, Brescia, Office Projet Room Milano… Il suo lavoro articolato tra video, fotografia, disegno, scardina le abitudini di un immaginario prefigurato e consolatorio lasciando emergere contraddizioni che riconducono alla costitutiva fragilità umana. Insegna Video all’Accademia di Belle Arti di Brera.

Maria Rosa Sossai è responsabile scientifica del Dipartimento Progetti Partecipativi del Museo Civico di Castelbuono (PA). Come ricercatrice nel campo delle pratiche artistiche partecipative, delle politiche dell’educazione e del video e film d’artista, nel 2018 ha cofondato ‘fuoriregistro quaderno di pedagogia e arte contemporanea’, Boîte Editions; nel 2012 l’Accademia Libera delle Arti, www.alagroup.org, piattaforma indipendente di educazione e arte contemporanea. Ha curato mostre e progetti in musei, fondazioni, gallerie in Italia e all’estero. E’ autrice di numerose pubblicazioni, tra le quali Vivere insieme l’arte come azione educativa, Torri del vento, 2017; Arte video, storie e culture del video d’artista in Italia, Silvana Editoriale, 2002; Film d’artista, percorsi e confronti tra arte e cinema, Silvana Editoriale, 2009.