Il festival di Bologna che unisce arte e poesia è pronto per la seconda edizione. Organizzato dal Gruppo 77, è ospitato in un ex complesso industriale dell’800 nel quartiere della Cirenaica.

Informazioni

Comunicato stampa

Tre giorni di performance (13-14-15 maggio 2016) – incentrate sulla vicinanza e condivisione delle differenti forme artistiche – presso lo showroom Santevincenzidue, ex fabbrica di cappelli e borsette di paglia di fine ’700.
La rassegna DialogArti nasce da un’idea del Gruppo 77, collettivo letterario indipendente bolognese attivo giá da anni nel panorama culturale locale e nazionale



Esposizioni di fotografie, sculture in filo di ferro, opere d’arte, videoinstallazioni, street art, concerti acustici e balletti interpreteranno - ognuno a suo modo - un tema comune: l’apnea esistenziale, l’affanno (fisico, sociale, civile) che costringe la nostra società ad essere sempre in debito di fiato.

Il luogo che ospita il festival DialogArti è lo splendido Santevincenzidue (nell’omonima via del quartiere Cirenaica), gli ospiti dell’edizione 2016 eccellenti: i fotografi Nicola Casamassima, Mario Beltrambini e Sauro Errichiello, il collettivo WakeUp AndSleep, e poi gli artisti Opiemme e Alessandra Maio, la scultrice e illustratrice Chizu Kobayashi, il videomaker Matteo Russo… il tutto affiancato dalle musiche al pianoforte del compositore Fabrizio Sirotti e dalle performance con i magnetici passi di danza di Sissj Bassani, Camilla Neri e Sara Magnani.
collagedialo2collageDialosito1
La manifestazione ha il patrocinio del Quartiere San Vitale e dell’Ufficio Cultura del Comune di Bologna.
L’Associazione Handmedia (www.handmedia.org) sarà presente con le sue telecamere per tutta la durata della manifestazione per produrre un documento filmico sul festival.