Debito Crisi Potere

Milano - 12/01/2012 : 12/01/2012

Introduce l’incontro Marco Scotini, Direttore del Dipartimento di Arti Visive NABA, che invita Alfabeta2 al terzo appuntamento che NABA dedica al rapporto tra riviste e analisi delle forme del capitalismo cognitivo (dopo l’uscita di No Order. Art in a Post-Fordist Society e la presentazione dell’ultimo numero di Millepiani, dedicato al tempo della crisi).

Informazioni

Comunicato stampa

NABA, Nuova Accademia di Belle Arti Milano e «alfabeta2» invitano a un dibattito su
Debito Crisi Potere
e alla presentazione del nuovo sito della rivista.

Introduce: Marco Scotini
Intervengono: Andrea Fumagalli, Christian Marazzi
e Franco Berardi Bifo
Modera: Andrea Cortellessa


Giovedì 12 Gennaio 2012 ore 18.00
NABA – Nuova Accademia di Belle Arti Milano



Il Dipartimento di Arti Visive NABA - Nuova Accademia di Belle Arti di Milano e Alfabeta2 promuovono l’incontro pubblico DEBITO|CRISI|POTERE

La dittatura della Finanza a partire dall’uscita dell’ultimo numero della rivista, per discutere dell’attuale fase di capitalismo finanziario che è stata definita come la “fabbrica dell’uomo indebitato”.

L’incontro, a cui partecipano Andrea Fumagalli (economista e docente, Università di Pavia), Christian Marazzi (economista e docente, Scuola universitaria della Svizzera italiana e NABA) e Franco Berardi Bifo (filosofo e scrittore, fondatore della rivista «A/traverso») moderati da Andrea Cortellessa (docente all’Università Roma Tre e redattore di Alfabeta2), oltre ad affrontare il problema dell’estrema “finanziarizzazione” dell’economia globale, che ha ormai investito il tempo del lavoro e ogni aspetto della vita, sarà il momento per una riflessione sulla pervasività di una crisi non solo economica ma sistemica, che riguarda l’intero regime capitalista contemporaneo, nelle sue ultime vicende politico-economiche che, sotto la pressione di importanti correnti speculative, sta delegando ogni governance politica alle gerarchie finanziarie. Christian Marazzi, Andrea Fumagalli e Franco Berardi Bifo non sono solo tra i maggiori interpreti dell’attuale crisi finanziaria ma sono anche tra gli esponenti di quella Italian Theory che è ora al centro dell’attenzione del pensiero teorico internazionale.

Introduce l’incontro Marco Scotini, Direttore del Dipartimento di Arti Visive NABA, che invita Alfabeta2 al terzo appuntamento che NABA dedica al rapporto tra riviste e analisi delle forme del capitalismo cognitivo (dopo l’uscita di No Order. Art in a Post-Fordist Society e la presentazione dell’ultimo numero di Millepiani, dedicato al tempo della crisi). Concludono l’incontro Jan Reister, Manuela Gandini e Nanni Balestrini che presentano il nuovo sito internet e l’edizione e-book di «alfabeta2» nuova serie della storica rivista culturale «alfabeta».



Per informazioni rivolgersi a Nicolas Martino
[email protected]








DEBITO|CRISI|POTERE
Giovedì 12 Gennaio 2012
Ore 18.00
Aula Magna Spazio Elastico - Edificio Amaranto
NABA, Via Darwin 20, Milano
(www.naba.it)



NABA
NABA, Nuova Accademia di Belle Arti Milano, è un’Accademia di formazione all’arte e al design: è la più grande e la più innovativa Accademia privata italiana e la prima ad aver conseguito, nel 1980, il riconoscimento ufficiale del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR). Offre corsi di primo e secondo livello nel campo del design, del fashion design, della grafica, delle arti multimediali, delle arti visive, della scenografia, per i quali rilascia diplomi accademici equipollenti ai diplomi di laurea universitari. Nata per iniziativa privata a Milano nel 1980 per volontà di Ausonio Zappa, Guido Ballo e Gianni Colombo, ha avuto da sempre l’obiettivo di contestare la rigidità della tradizione accademica e di introdurre visioni e linguaggi più vicini alle pratiche artistiche contemporanee e al sistema dell’arte e delle professioni creative. Dal 2009, NABA è entrata a far parte di Laureate International Universities, un network internazionale di oltre 50 istituzioni accreditate che offrono corsi di laurea di primo e secondo livello a più di 600.000 studenti in tutto il mondo.