David Douard – Kura

Milano - 27/09/2018 : 30/11/2018

Con una nuova produzione di lavori, sculture, suoni, video, testi, oggetti trovati, manufatti, materiali rubati dalla sfera reale e virtuale, e ancora metalli, stoffe, vernici, specchi, la scoperta del bronzo e l’alluminio, David Douard crea un Merzbau privato e personalissimo, che lungi dal cercare una dimensione netta e definita evidenza piuttosto il processo, sfugge al controllo della codificazione e crea un limbo di sospensione tra ciò che sappiamo e ciò che siamo ancora pronti a conoscere.

Informazioni

  • Luogo: FONDERIA ARTISTICA BATTAGLIA
  • Indirizzo: Via Oslavia 17 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 27/09/2018 - al 30/11/2018
  • Vernissage: 28/09/2018 ore 18
  • Autori: David Douard
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: su appuntamento

Comunicato stampa

maddalena bonicelli

20 set 2018, 17:06 (7 giorni fa)

a Ccn: me
KURA.
DAVID DOUARD
BLINDF’OLD

OPENING 27 SETTEMBRE
18,00–21,00
FINO AL 30 NOVEMBRE, 2018

C/O FONDERIA ARTISTICA BATTAGLIA
VIA STILICONE 12
20154 MILANO



“Le cose più interessanti sono quelle che non si vedono”.

Artista anti-narrativo, inafferrabile e antisistemico, David Douard (Perpignan, Francia, 1983) apre a Milano negli spazi di KURA. la sua nuova personale BLINDF’OLD



Con una nuova produzione di lavori, sculture, suoni, video, testi, oggetti trovati, manufatti, materiali rubati dalla sfera reale e virtuale, e ancora metalli, stoffe, vernici, specchi, la scoperta del bronzo e l’alluminio, David Douard crea un Merzbau privato e personalissimo, che lungi dal cercare una dimensione netta e definita evidenza piuttosto il processo, sfugge al controllo della codificazione e crea un limbo di sospensione tra ciò che sappiamo e ciò che siamo ancora pronti a conoscere.

David Douard nasce a Perpignan, Francia, nel 1983. Vive e lavora a Aubervilliers, Francia. Ha recentemente completato la residenza all'Accademia di Francia di Roma a Villa Medici (2017–2018) e ha vinto il Premio Fondazione Ettore Fico ad Artissima nel 2017. Tra le mostre personali selezionate: BLOOD O’ US, Rodeo, Londra (2017); Horses, Kunstverein Braunschweig, Germania (2016); Bat-Breath. Battery, Galerie Chantal Crousel, Parigi (2015); S’, Union Pacific, Londra (2015); The Reason we No Longer Speak, Fahrenheit, FLAX Foundation, Los Angeles (2015); SO, Basement Roma, Roma (2015); )juicy o’f the nest, Sculpture Center, New York (2014); Mo’Swallow, Palais de Tokyo, Parigi (2014).
Tra le mostre collettive selezionate: Today Will Happen (programma off-site della Biennale di Gwangju 2018) Gwangju Civic Center, Gwangju, Corea del Sud (2018); CHILDHOOD - Another banana day for the dream – fish, Palais de Tokyo, Parigi (2018); Take Me (I’m Yours), Villa Medici, Roma (2018); Strange Days, Musée de la Ville de Paris, Le Plateau, Parigi (2016); Inhuman, Friedericianum, Kassel, Germania (2015); Co-workers, Musée d’Art Moderne de la Ville de Paris, Parigi (2015); The Great Acclaration, a cura di Nicolas Bourriaud, Biennale di Taipei (2014); Meanwhile, Suddenly… and Then, Biennale di Lione, Lione (2013). David Douard è rappresentato da Rodeo Gallery (Londra-Atene) e da Galerie Chantal Crousel (Parigi), dove avrà una sua personale nel 2019.

-----

HI DAVID, WHEN ARE YOU OPENING?
SEPTEMBER 27.

WHERE?
AT KURA. IN MILAN.

WHAT IS THE TITLE OF THE SHOW?
BLINDF'OLD.

WHAT DOES BLINDF'OLD MEAN?
I DON'T HAVE AN EXPLANATION FOR THE TITLE. THINGS HAPPEN.

IS THIS A NEW PRODUCTION?
YES.

DID YOU WORK AT THE VENUE?
YES

WHAT MEDIA DID YOU USE? DID YOU CREATE AT THE FOUNDRY?
OBJECTS, BOTH MADE AND FOUND, AND OTHER DIFFERENT MEDIA. FOUNDRY, YES, I’M WORKING THERE.

THE MASK IS A RECURRENT ELEMENT OF YOUR WORK. WHAT DOES IT REPRESENT FOR YOU?
THE PRESENCE OF AN ABSENCE, WHICH IS HOW I SEE ART. THE MOST INTERESTING THINGS ARE NOT VISIBLE.

IN YOUR PREVIOUS PRODUCTION YOU FOCUSED ON INTERSTICES (OF SPACE AND TIME). ARE INTERSTICES STILL PART OF YOUR INTERESTS AND YOUR RESEARCH?
YES, THE DOUBLE IS GREAT. IT CREATES A BODY WITH CONTRADICTION. I WORK TOWARD THAT DIRECTION. ALWAYS.

BLINDNESS, REFLECTION, MIRRORS, THE IRIS, THE AMBIGUITY OF WHAT WE SEE AND WHAT WE DON’T, ARE ALL ELEMENTS WHICH YOU OFTEN REFER TO…
YES, IT’S ABOUT THE SURFACE AND THE PRESENCE. SOMETIMES WE JUST CAN’T EXPLAIN, WE CAN’T REACT TO ALL THE INFORMATION WE HAVE. SO BLINDNESS, AS WELL AS REFLECTION, COULD HELP UNDERSTAND. THE MEDIA, THE NERVOUS BREAKDOWN, THE NARCISSISM ONLINE…

WHAT WILL WE SEE (OR NOT SEE) AT THE EXHIBITION?
I THINK LIFE IS BETTER THAN ART. BUT ART MAKES LIFE BETTER. THE ONLY THING I CAN SAY IS THAT WE WILL SEE A REPRESENTATION OF SOMETHING INTERESTING AND WE WILL KNOW THAT THIS IS IMPOSSIBLE TO REPRESENT.

-----

A CURA DI ILARIA MAROTTA, ANDREA BACCIN

PRODUCTION CURA.

THANKS TO
FONDERIA ARTISTICA BATTAGLIA

LOGISTIC SUPPORT
ACADEMIE DE FRANCE A' ROME
GALERIE CHANTAL CROUSEL, PARIS

PARTNER
UNTITLED ASSOCIATION

KURA.
C/O FONDERIA ARTISTICA BATTAGLIA
VIA STILICONE 12
20154 MILANO
mercoledì - venerdì, ore 16 - 19
e su appuntamento
[email protected]
www.k-u-r-a.it

OPENING THE SAME NIGHT:
FONDERIA ARTISTICA BATTAGLIA
OPEN STUDIO
BENNI BOSETTO - LE STREGHETTE
IN COLLABORAZIONE ADA, MASSIMO ADARIO ARCHITETTO, DIMITRI BORRI.

KURA. è il programma espositivo diretto da CURA. negli spazi della Fonderia Artistica Battaglia.
E’ lo spazio fisico e l’estensione di CURA. che si affianca alla programmazione di mostre già curate da Andrea Baccin e Ilaria Marotta, founding directors della rivista, nello spazio di BASEMENT Roma.
Inaugurato il 5 luglio con la mostra GRAND OPENING(Summer Rapsody), si avvale di un board di artisti e curatori tra cui David Reinfurt (Dexter Sinister), Lorenzo Benedetti (Kunstmuseum St.Gallen), Luìs Silva e João Mourão (Kunsthalle Lissabon), Samuel Leunberger (Salts Birsfelden), Anthony Huberman (CCA Wattis Institute).

----

Ufficio stampa