Daniele Papuli – Cartometria

Varallo Pombia - 25/03/2012 : 22/04/2012

La mostra ruota intorno ad un progetto dell’artista per i tre spazi di Villa Soranzo: tre sale, tre luoghi, tre racconti per un lavoro composto da installazioni e sculture e chiamato dall’artista Cartometria. Parola che, dice Papuli, è formata da “carto, che chiaramente rimanda alla materia cartacea da me indagata e metria che è misura.

Informazioni

  • Luogo: PINACOTECA COMUNALE - VILLA SORANZO
  • Indirizzo: Piazza Giuseppe Mazzini 1 - Varallo Pombia - Piemonte
  • Quando: dal 25/03/2012 - al 22/04/2012
  • Vernissage: 25/03/2012 ore 17.30
  • Autori: Daniele Papuli
  • Curatori: Cristina Moregola, Matteo Rancan
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: Per visite su appuntamento
  • Patrocini: Promossa dalla Pinacoteca Comunale Cesare Belossi e dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Varallo Pombia

Comunicato stampa

Inaugura domenica 25 marzo 2012 presso Villa Soranzo di Varallo Pombia la mostra “DANIELE PAPULI. CARTOMETRÌA Installazioni e sculture”, a cura di Cristina Moregola e Matteo Rancan.
Promossa dalla Pinacoteca Comunale Cesare Belossi e dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Varallo Pombia, la mostra ruota intorno ad un progetto dell’artista per i tre spazi di Villa Soranzo: tre sale, tre luoghi, tre racconti per un lavoro composto da installazioni e sculture e chiamato dall’artista CARTOMETRIA. Parola che, dice Papuli, è formata da “carto, che chiaramente rimanda alla materia cartacea da me indagata e metria che è misura

Una sorta di misurazione del luogo e dello spazio attraverso una serie di azioni di strutturazione e destrutturazione della materia di origine, il foglio di carta, appunto”.
Le opere di Daniele Papuli sono infatti volumi scultorei costruiti a partire dalla carta che viene tagliata, scomposta, elaborata per essere trasformata in complesse ma leggerissime strutture spaziali in continuo dialogo con i luoghi in cui si vengono a trovare. ll foglio di carta diventa leggera struttura lamellare, la sua consistenza diventa ancora più fragile e delicata per poi acquistare tra le mani dell’artista nuove potenzialità strutturali ed espressive, nuove possibilità non solo visive ma anche tattili e sensoriali. “Tre sale, tre luoghi, tre racconti” in cui dice Papuli “la materia cartacea trasforma la propria fisicità e diviene dapprima fluida, a terra, distesa come un’isola, nera e inchiostrata poi come in un paesaggio di forme in controluce e infine strutturata in volumi e monoliti”.

Biografia

Daniele Papuli, 1971, Maglie, Puglia. Dopo il diploma in Scultura all’Accademia di Belle Arti di Brera, si stabilisce e lavora a Milano.
Al ’91 risale l’approccio alla scultura con i primi manufatti in pietra, legno, gesso. Nel ’93 a Berlino, in occasione di un workshop internazionale, apprende i metodi di fabbricazione del foglio della carta. E’ un’esperienza decisiva, che spiega come dal ’95 sia proprio la carta la materia che sente più adatta alla propria ricerca e al proprio linguaggio. Sperimenta la produzione di carte a mano e dal ’97 realizza le prime sculture con diverse tipologie di materiale cartaceo. Sibille, Soprani e Volumerie sono strutture e calcolate composizioni lamellari basate sulla ripetitività dei singoli moduli ottenuti con tagli manuali.
A questo stesso periodo risale l’incontro con l’editore Vanni Scheiwiller che gli affida la produzione straordinaria di fogli realizzati a mano per i supporti grafici del libro d’arte in 300 esemplari Trittico tre poesie di Wislawa Szymborska tre collage di Alina Kalczynska.
Nel ’98 l’editore scrive di lui: “…Le sue sono composizioni astratte, che entrano nello spazio per dialogare con esso alla pari. Non un ‘oggetto’, ma una aperta costruzione spaziale…”.
La sua ricerca entra nelle gallerie d’arte con una serie di mostre collettive e personali. La continua indagine intorno alla materia e la sperimentazione di nuovi materiali, affini alla carta, proposti per le loro potenzialità strutturali e tattili, lo portano a continue interconnessioni dalla scultura, al design, all’installazione, agli impianti scenografici per fiere e mostre internazionali.
“Più che da designer procedo come un esploratore, trasferendo e amplificando passaggi e suggestioni di un percorso progettuale intrapreso con la materia cartacea”. Gli oggetti proposti, per lo più edizioni numerate e pezzi unici, dialogano con le molteplici esperienze del design contemporaneo. Dal 2002 espone da Dilmos, a Milano.
Nel 2009 per la Triennale di Milano progetta e realizza l’allestimento per la mostra internazionale Gioielli di carta e disegna uno dei sei gioielli pop-up in carta a mano allegati al catalogo.
Nel 2010, su invito dello scultore Kengiro Azuma, espone alla Fondazione Calderara di Vacciago di Ameno.
Per Flux Laboratory di Ginevra, fondazione di arte, danza e discipline sperimentali, mette in scena nella mostra personale del 2011 ,Le Gèant de Papier projections de la matière, quattro installazioni che dialogano con le performance di danza costruite ad hoc.
A Ischia, nello stesso anno, nel Castello Aragonese, espone, nella personale Scultografie oltre alle sculture recenti, Cartoframma, un’installazione site specific composta da 173 moduli lamellari in carta, che prosegue l’indagine dei rapporti tra lo spazio, la materia, la luce, il suono e la danza.
I suoi lavori sono presenti in collezioni private e pubbliche in Italia e all’estero, ed in pubblicazioni specifiche anche nell’ambito della Paper Art.




mostre personali


2011 Scultografie, Castello Aragonese di Ischia
Le Gèant de Papier, Projections de la matière, Flux Laboratory, Ginevra
2010 Vis à Vis carte sculture, Fondazione Calderara, Vacciago di Ameno, Novara
2009 Le Visionomie, Galleria Luciano Colantonio, Brescia
2008 Fibre Garden, Dedon, Milano
2007 Tutto scorre, Giardino Segreto, Roma
2005 Wall e Paper, opening home gallery, Milano
2004 Freewies, Steelcase, Milano
2003 Visionomie, spazio Fabriano, Milano


mostre collettive


2011 7th Triennale Internazionale Du Papier, Musèe de Charmey, Suisse
Superfici Attive, a cura di Anna Comino, Spazio Temporaneo, Milano
H3O, a cura di Elisabetta Longari, Acquario Civico, Milano
2010 Artisti per la salute, Galleria Derbylius, Milano
Cartodendrometrìa, Galleria Dilmos, Milano
Miarti, Design Cafè, Palazzo della Triennale, Milano
Caccia all’uovo, Galleria dell’Incisione, Brescia
Babilonia, Triennale Design Museum, Milano
MiArt, Galleria Derbylius, Milano
Il segno del designer, Palazzo della Triennale , Milano
Arte Fiera, Galleria Soleluna, Bergamo
2009 Leggere/non leggere, Galleria Derbylius, Milano
Gioielli di carta, Palazzo della Triennale, Milano
Roma Souvenir: la città e il verde, opere di piccolo formato,
Galleria d’arte Istituto Portoghese, Roma
Skulpturen Von, Galleria Axel Holm, Germania
2008 Rrripp!! Paper Fashion, Mudam, Lussemburgo
Le regge, Galleria Dilmos, Milano
AAM, La Fiera dell’Arte Accessibile, Superstudio Più, Milano
One artist , Art Karlsruhe, Galleria Axel Holm, Germania
2007 Salon der schönen Bilder V, Galleria Axel Holm, Ulm
A.F. Artigianato Artistico di Eccellenza in Lombardia, a cura
di Ad Arte, Fieramilanocity, Milano
In cattedrale, Castello Aragonese, Ischia
The New Italian Design, Palazzo della Triennale, Milano
2006 Tuttolibri, Galleria Milano, a cura di Lea Vergine, Milano
2004 Margò’ , Galleria Dilmos, Milano
2003 Pitti uomo, Padiglione centrale della Fortezza, Firenze
Gap’s, Gap space, Asti
2002 Talea e fleur, Galleria Dilmos, Milano
2000 Carta bianca, Galleria Solaria Arte, Piacenza
Ukulele Oro Subito, itinerante, Cedan, Bologna
Vanni Scheiwiller e la scultura, a cura di G. Appella,
Circolo La Scaletta, Matera
1999 Là in mezzo al mar…, Palazzo Ducale, Martano
1998 Vie di mezzo, Palazzo de Judicibus, Casarano
1997 Origini, Monopoli Arte Contemporanea, Pavia
Passaggio a Nord-Ovest Installazioni, Biella
Puliamo il mondo, happening, Lecce
1996 Biennale del mare, Palavela, Diano Marina
1995 Salon 1’95, Galleria Arte Borgogna, Milano
Tracciati, Castello Aragonese, Otranto
Puliamo il mondo, happening, Lecce
Artisti in strada, happening, Brindisi
1994 Ho scritto t'amo sulla sabbia, happening, Marina di Carovigno




allestimenti ed eventi


2010 Ghirigori, Citterio, Salone del mobile, Milano
2009 Monolitico, Salon du packaging des produits de luxe,
Fedrigoni, Principato di Monaco
Il collezionista, Giampiero Mughini, sculture in scena,
Teatro Studio, Parco della musica, Roma
2008 Gold on air, Glamroom Vicenza-oro, per Studio Cibic
On air, Citterio, Salone del mobile, Milano
2007 Zippi, Citterio, Salone del mobile , Milano
2006 Non solo design, boutique Maliparmi, Padova, Verona, Venezia
Volumerie, Citterio, Salone del mobile, Milano
Libera, scenografie, Teatro Grassi, Milano
Bubussettete, Hermès boutique, Milano, Roma
2005 Le mani di chi ama terminano in angeli, testo di Maura Pizzorno,
Teatro della Memoria, Milano
Amur, Hermès boutique, Milano, Roma
Panta rei, Hermès boutique, Milano
2001 KrugTime, circuito nazionale, Maison Krug
2001 Fleur , Salon du packaging des produits de luxe, Gruppo Cordenons,
Principato di Monaco
2000 Please Touch, boutique Missoni, Milano
Sunset Krug, circuito nazionale, Maison Krug
Eclissi, Giorgetti showroom, Milano


bibliografia


1997 Vanni Scheiwiller, Trittico tre poesie di Wislawa Szymborska tre collage di Alina Kalczynska,
Milano 1997.
2000 Giuseppe Appella, Scheiwiller un ricordo tra i sassi, “Il Sole 24 ore”, 2 luglio 2000.
2003 Alessandra Albano, L’uomo di carta, “Spazio Casa”, XV, n. III, 2003, pp. 30-34.
2004 Cecilia Cecchini, Plastiche i materiali del possibile, Firenze 2004.
2006 Arianna Lelli Mani, Questa poesia è in 3d, “DCasa”, n. DXII, 2006, pp. 78-82.
Barbara Malipiero, Artifici di carta, “Elle Decor”, XVII, n. V, 2006, pp. 90/95.
DeniSe Bonenti, Il sottile fascino della carta, “ Marie Claire Maison”, IV, 2006, pp. 53-56.
Franziska Musgrave Sykes, Der Papier Poet, “ Decoration”, n. VI, 2006, pp. 132-138.
2007 Cristina Morozzi, The New Italian Design Il paesaggio mobile del nuovo design italiano,
catalogo della mostra (Milano, Palazzo della Triennale, 20 gennaio 25 aprile), a cura di
Andrea Branzi, Segrate 2007.
Lucia Maffei, Quando la casa diventa leggera, “Perini Journal”, n. XXVIII, 2007, pp.144-150.
2008 Mandy Kleewein, Passie Voor Papier, “Eigen Huis & Interieur“, n. IV, 2008, pp. 234-239.
Antonella Ferrari, La carta. L’arte di Daniele Papuli, “In Excellence Puglia”, n. unico, 2008,
pp. 50-55.
Cedric Beeg, One Artist Art Karlsruhe, catalogo della mostra ( Karlsruhe, 28 febbraio).
2009 Alba Cappellieri, Bianca Cappello, Paper Jewellery Gioielli di carta, catalogo della mostra
a cura di A. Cappellieri e B. Cappello, Verona 2009.
Alessandro Mendini, Quali Cose Siamo III Triennale Design Museum, catalogo della mostra
a cura di A. Mendini, Verona 2010.
2010 Lena Seeman, L’Atelier de Papier, “AD France”, n. XCV, 2010, pp. 124-129.
Luciano Caramel, Scultura e presente, catalogo della mostra Vis a Vis (Vacciago di Ameno,
Fondazione Calderara, 5 giugno - 15 ottobre), a cura di Kengiro Azuma, Novara 2010.
Luisella Mazzetti, Costruzioni spaziali di carta, “Ecorisveglio”, 21 luglio 2010.
Marco Maiocchi, Artisti per la salute, catalogo della mostra (Milano, Galleria Derbylius,
25 novembre – 15 gennaio), a cura di Marco Maiocchi, Milano 2010.
Marco Veneziano, Il segno del Designer, catalogo della mostra (Milano, Palazzo della
Triennale, 17 dicembre – 17 gennaio), a cura di Gianni Veneziano, Verona 2009.
2011 Anna Comino, Superfici Attive, catalogo della mostra (Milano, Galleria Spazio Temporaneo,
19 gennaio – 19 febbraio), a cura di Anna Comino, Milano 2011.
Christine Antaya, Book Art Iconic Sculptures and Installation made from books, Berlino 2011.