Dae – Dobiarteventi 2014

Staranzano - 19/08/2014 : 23/08/2014

Uno spazio di totale libertà creativa, aperto alle novità e alle sperimentazioni. Da dodici anni il ritrovo dei sperimentatori in arte e musica è a Dobialab, centro multifunzione di Staranzano, tranquilla località nella provincia Goriziana.

Informazioni

  • Luogo: LABORATORI CREATIVI DOBIALAB
  • Indirizzo: Via Vittorio Veneto 32 - Staranzano - Friuli-Venezia Giulia
  • Quando: dal 19/08/2014 - al 23/08/2014
  • Vernissage: 19/08/2014 ore 21
  • Generi: serata – evento
  • Biglietti: ingresso libero previo tesseramento
  • Email: federica.marchesich@gmail.com

Comunicato stampa

Uno spazio di totale libertà creativa, aperto alle novità e alle sperimentazioni. Da dodici anni il ritrovo dei sperimentatori in arte e musica è a Dobialab, centro multifunzione di Staranzano, tranquilla località nella provincia Goriziana. Un edificio dapprima usato come sede di una scuola, ha mantenuto il suo fondamentale scopo didattico e di formazione per giovani e adulti. Perché la cultura e ciò che di nuovo si muove al suo interno è anche occasione di formazione e riflessione collettiva

Non è un caso che la manifestazione si apra martedì 19 agosto con l’incontro tra Dobialab e IRWIN - Neue Slowenische Kunst e la cerimonia ufficiale della consegna dei passaporti di NSK State a Dobialab.
Irwin è un collettivo di artisti sloveni facenti parte dell'organizzazione Neue Slowenische Kunst. NSK è stata fondata nel 1984 assieme ai Laibach e al gruppo teatrale Gledališče Sester Scipion Nasice.
Neue Slowenische Kunst fonda nel 1992 NSK State in Time: “una formazione utopica, priva di un territorio fisico e che non si riconosce in alcuno degli stati nazionali esistenti.[...]“. NSK distribuisce passaporti ad ogni cittadino che ha voluto identificarsi nei principi fondamentali dello Stato nel Tempo. Dobialab ha richiesto collettivamente la cittadinanza. Irwin, cofondatori di NSK State in Time, consegneranno personalmente i documenti durante la cerimonia ufficiale organizzata per l'apertura di DAE - Dobiarteventi. Parallelamente e durante tutta la durata del festival il progetto di Irwin “TEMPO PER UN NUOVO STATO. Si dice che là puoi trovare la felicità” saranno esibiti a richiesta i NSK Passports da parte dei cittadini presenti e verranno affissi cartelloni e poster.
Giovedì 21 agosto si continua nel solco della piacevole tradizione instaurata nel corso delle recenti edizioni con una serata interamente dedicate al mondo dell’animazione curate da PAOLA BRISTOT, docente di Linguaggi dell’Arte Contemporanea e Teoria e tecnica degli Audiovisivi presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna.
A DAE 2014 Paola Bristot presenta un’anteprima del nuovo DVD “Animazioni 3”, che raccoglie le produzioni di cortometraggio di vari autori italiani in uscita a ottobre. Saranno introdotti e proiettati lavori di Ursula Ferrara, Magda Guidi, Alvise Renzini, Fabio Tonetto, Donato Sansone. Dalle magie dell’animazione si passerà quindi alle note delle kalimbe di NAJOUA, ovvero Samo Kutin & Ana Kravanja. Il duo si è autocostruito tredici di questi antichissimi strumenti a percussione africani che utilizzeranno durante la loro esibizione a Dobialab. La serata continuerà con il ricercato set di musica elettronica e visuals dell’artista sonoro polacco Maciej Baczyk che proporrà N_A_G__R___A. L’intera serata avrà per sfondo le videoproiezioni ambientali di GIULIANO CESCO.
Venerdì 22 agosto avrà come tema portante l’indagine attorno alle nuove espressioni musicali nell’ambito della musica elettronica con il duo russo-tedesco ASTMA di Alexei Borisov e Olga Nosova che sposa psichedelia, spoken word, live electronics, minimalismo, free jazz, noise, dub in un set basato in gran parte sul lavoro improvvisativo; continueranno la serata i TOP BANANA, duo pordenonese dedito alla sperimentazione sonica e visiva che nel loro intenso live show combina la sintesi audio a quella video creando paesaggi di suoni e luce coinvolgenti nell’ambito della sperimentazione modulare autogenerativa. Le performance si chiuderanno con il DOBIALAB SOUNDSYSTEM e un djset all’insegna della sperimentazione e con un occhio al contemporaneo della musica elettronica non tralasciando una ricerca verso le sonorità dub e afro.
L’ultima giornata della manifestazione 2014 sarà sabato 23 agosto con il chitarrista milanese MAURIZIO ABATE in una performance a base di blues e psichedelia, di grande interesse per il musicista che è guidato nella sua ricerca musicale soprattutto dalla fascinazione per gli strumenti a corde. Sarà seguito dai goriziani MOTHERFUCKHERTZ. Franz - live electronics, Bari - drums, è1genio – bass, non conformi al concetto di deejaying, hanno scelto di non utilizzare alcuna base ma solo strumenti acustici elettrici ed elettronici per arrivare a proporre un live set che richiama le sonorità della musica dubstep, d’n’b ed electro.
Ultima eccezionale esibizione di Dobiarteventi sarà quella di FRANKO B, artista di fama internazionale che si occupa di disegno, installazioni, scultura, performance art. Negli anni Novanta è stato una delle figure di spicco della body art a livello mondiale. Negli anni ha lavorato con numerose istituzioni come Tate Modern, Tate Britain, ICA:UK, Le Palais Des Beaux-Arts, Pac e molte altre. Dobialab avrà l’onore di ospitare Franko B in una nuova veste di dj con un set di techno ed elettronica.
Per tutta la serata e come da consuetudine l’associazione Hybrida di Tarcento curerà l’allestimento visivo degli spazi di Dobialab usando video e diaproiettori software digitali e strumenti analogici per dare al visitatore di DAE una differente percezione dello spazio.
Per tutta la durata della manifestazione gli spazi espositivi di Dobialab ospiteranno le installazioni di VLADIMIR ISAILOVIC e EEVA KUKKONEN.
“Kome ćeš se privoleti carstvu? - What wilt thou choose to be thy kingdom?” di Isailovic è un videogioco realizzato a partire dalla mitologia medioevale sulla quale sono basate alcune dottrine nazionaliste contemporanee. Il gioco esplora il dualismo della posizione del giocatore nel suo ruolo di infedele o di guerriero di Dio, di civilizzato o di barbaro, illuminato o idolatra. Il ruolo definisce il punto di partenza, orientale oppure occidentale, sottolineando così le estetiche dominanti della parte scelta. Il 'clash' di diverse culture diventa un campo di battaglia iconografico. Ancora arte in digitale anche nel lavoro di Eva Kukkonen che a Dobiarteventi presenterà un gioco interattivo di badminton composto da rete ricamata e racchette. Gli spettatori sono invitati a partecipare all'installazione giocando e quindi cambiando le ombre riflettenti del ricamo della rete e la racchetta e diventando parte integrante dell'opera stessa, con la propria immagine.
Il lavoro si basa sul ricamo tradizionale di Carelia, una regione che si estende dalla Russia alla Finlandia, e che è l'origine della famiglia dell'artista. Anche se la rete con ricamo è visibile come oggetto fisico guadagna piena dimensione attraverso ombre che diventano visibili solo con la presenza della luce. Essa mostra immagini che esistono e non esistono allo stesso tempo, “qualcosa di instabile come un ricordo sbiadito del passato”.



Tutti gli eventi saranno ad ENTRATA LIBERA previo tesseramento.

L’ ora di inizio è prevista per le 21:00 di ciascuna giornata in calendario.

DAE – Dobiarteventi è possibile grazie a Comune di Staranzano, Provincia di Gorizia, Dobialabel, ass. culturale Mattatoioscenico, ass. culturale Hybrida, LIVE_Musiche di Sconfine, Brda Contemporary.

Per maggiori informazioni o contatti c’è il sito www.dobialab.net.