Corrado Delfini – Spazi contemporanei

Roma - 05/09/2014 : 11/09/2014

“Simmetrie contemporanee, titolo del ciclo di Corrado Delfini, si delinea come una visione complessa e sospesa del tempo e dello spazio. Temi che si legano e si scontrano, sono legate ai concetti tra le righe del racconto di Calvino “T con zero”.

Informazioni

Comunicato stampa

“Simmetrie contemporanee, titolo del ciclo di Corrado Delfini, si delinea come una visione complessa e sospesa del tempo e dello spazio. Temi che si legano e si scontrano, sono legate ai concetti tra le righe del racconto di Calvino “T con zero”.
T con zero è il tempo zero, è la frazione infinitesimale che corre tra l’azione, il suo avvenire e il suo passato, è l’attimo della sospensione di cui non si conosce la prosecuzione. Corrado vuole permanere in zero, e il suo permanere comporta una visione più complessa della realtà

Il tempo e lo spazio si proiettano verso altre innumerevoli dimensioni, simmetriche e contemporanee. Allora la sua arte si costella di frecce direzionali – temporali e spaziali ; l’andare e il tornare, il ritornare e l’andare. Linee interminabili che confluiscono in un punto, da cui altrettante ne partono.
Ma in questo contesto nulla è l’idea del passato e del futuro, il tempo procede e si ripete, in spazi differenti. Luoghi della realtà che si frantumano e si dissolvono, colori e forme che nell’istante – t con zero – smettono di pulsare per liquefarsi.
Lo spazio oggettivo, quotidiano con le sue case e le sue strade, si apre e si scompone, diviene linea retta e segno geometrico, diviene colore e gesto.
I piani si ribaltano e si penetrano, piani e punti simultanei, che entrano in contrasto col colore della realtà che perde la sua forma,per divenire materia liquida e astratta. La quotidianità che si ripete, l’oggettività delle forme e della vita, trova qui una sua rottura.
La realtà quotidiana, il nostro porto sicuro, si tramuta in universo incerto e silenzioso, dove lo stridìo delle linee e l’astrazione dei colori diviene universo dell’artista, una percezione altra che si proietta nell’intimo e nell’ individualità.
“Ogni secondo è un universo, il secondo che io vivo è il secondo in cui io abito, the second I live is the second I live in, bisogna che mi abitui a pensare il mio discorso contemporaneamente in tutte le lingue possibili se voglio vivere estensivamente il mio istante-universo. Attraverso la combinazione di tutti i dati contemporanei potrei raggiungere una conoscenza obiettiva dell'istante universo t con zero, in tutta la sua estensione spaziale me compreso”
Chiara Mastroianni