Corpi Urbani/Urban Bodies - Festival Internazionale di Danza in Paesaggi Urbani propone performance di compagnie italiane e straniere provenienti da Belgio, Israele, Spagna e Svizzera, attraverso un interessante mix di forme e linguaggi del corpo.

Informazioni

  • Luogo: PALAZZO DUCALE DI GENOVA
  • Indirizzo: Piazza Giacomo Matteotti 9 - Genova - Liguria
  • Quando: dal 06/09/2014 - al 14/09/2014
  • Vernissage: 06/09/2014
  • Generi: performance – happening, serata – evento, danza

Comunicato stampa

Dal 6 al 14 settembre Corpi Urbani/Urban Bodies - Festival Internazionale di Danza in Paesaggi Urbani propone performance di compagnie italiane e straniere provenienti da Belgio, Israele, Spagna e Svizzera, attraverso un interessante mix di forme e linguaggi del corpo, per un totale di 23 spettacoli e 30 artisti. Un festival – giunto alla 12° edizione – che attraverso la danza invita alla riscoperta dello spazio urbano. A cura di Associazione Artu (Arti per la Rinascita e la Trasformazione Urbana

Dodicesimo festival.
Numero sacro il 12, che indica la conclusione di un ciclo completo

Il 12 segna l'ingresso nella pubertà e dunque induce l'idea di una trasformazione radicale che si fonda su un passaggio difficile e faticoso, che è il solo che davvero porta a crescere. È per questo che il 12 traduce implicitamente gli ostacoli, i passaggi difficili, gli enigmi da risolvere.
Nella maggior parte delle società, i riti iniziatici, destinati a far accedere allo stato di adulto, si praticano nel dodicesimo anno di vita.
E così ci accingiamo a chiudere un ciclo per dare vita a una trasformazione. Il percorso fatto fino a qui è sancito sulla nostra pelle, grazie alle meraviglie a cui gli artisti hanno dato vita in tutti questi anni e grazie ai luoghi della nostra città e della nostra regione che li hanno ulteriormente valorizzati.
Tracce di memoria. Tracce di scoperta. Così mi piace definire il nostro festival.
Ora si apre una nuova distesa sabbiosa davanti a noi. Forse c’è molta strada da fare, "ma non importa, la strada è la vita". (JACK KEROUAC)
Eliana Amadio