Contrasts. Architetture milanesi a confronto

Milano - 11/06/2015 : 10/07/2015

Il titolo di questa mostra riprende quello di un libro famoso pubblicato nel 1836 da Augustus Welby Pugin, Contrasts or a Parallel between the Noble Edifices of the Fourteenth and Fifteenth Centuries and Similar Buildings of the Present Day, nel quale l’architetto neogoticista inglese – attraverso una serie di confronti tra immagini di architetture, monumenti e città riferite alle due epoche – intendeva polemicamente dimostrare la «decadenza del gusto attuale».

Informazioni

Comunicato stampa

La guida di Milano
Nel 2013 GIZMO ha curato per Hoepli la “Guida all’architettura di Milano 1954-2014”. A seguito del successo del volume, è stata pubblicata la seconda edizione e una nuova guida in lingua inglese, “Milan Architectual Guide”, che estende lo spettro temporale dal 1945 al 2015. La Guida è un’opera collettiva, frutto della collaborazione di alcuni studenti del Politecnico di Milano, guidati dai proff. Marco Biraghi, Gabriella Lo Ricco e Silvia Micheli, e di diversi giovani storici e studiosi, i quali hanno curato la stesura dei testi critici

Il risultato è un lavoro capace di offrire un panorama critico di quanto realizzato a Milano negli ultimi settant’anni, per far emergere le “buone” ragioni che rendono apprezzabili certi edifici e per converso quelle in assenza delle quali altri edifici risultano invece criticabili.

Le fotografie
Le fotografie sono state realizzate in larga parte da Paola Di Bello, la quale si è avvalsa della collaborazione di alcuni dei suoi migliori studenti del Biennio Specialistico di Fotografia dell’Accademia di Brera. Il corso è stato strutturato con una multidocenza dei fotografi Gabriele Basilico, Mario Cresci, Vincenzo Castella e Franco Vaccari, che hanno seguito e supervisionato le fotografie degli studenti. L’apparato fotografico costituisce un patrimonio prezioso per molteplici ragioni: per la qualità artistica degli scatti, realizzati appositamente per queste pubblicazioni; perché le immagini ritraggono la condizione attuale degli edifici, costituendone una documentazione aggiornata e rigorosa; perché la selezione degli scatti è avvenuta attraverso un confronto multidisciplinare tra gli autori delle fotografie, i supervisori e i curatori dei libri.

La mostra
Il titolo di questa mostra riprende quello di un libro famoso pubblicato nel 1836 da Augustus Welby Pugin, Contrasts or a Parallel between the Noble Edifices of the Fourteenth and Fifteenth Centuries and Similar Buildings of the Present Day, nel quale l’architetto neogoticista inglese – attraverso una serie di confronti tra immagini di architetture, monumenti e città riferite alle due epoche – intendeva polemicamente dimostrare la «decadenza del gusto attuale».
La mostra fa proprio, in questo senso, il metodo comparativo: paralleli e confronti qui presentati, ben lungi dal voler dimostrare la «decadenza del gusto attuale», cercano di mettere in luce aspetti degli edifici milanesi compresi tra gli anni ’50 e ’70 e tra gli anni ’80 e oggi che, se analizzati separatamente, sarebbero probabilmente destinati a sfuggire.

L’inaugurazione sarà l’11 giugno 2015 alle 18 presso la sede dell’Ordine degli Architetti P.P.C. della provincia di Milano, in via Solferino 19.