Conrad Marca-Relli – The Architecture of Action

London - 09/10/2012 : 24/11/2012

Ronchini Gallery di Londra, in collaborazione con Archivio Marca-Relli di Parma, presenta la prima esposizione monografica nel Regno Unito su Conrad Marca-Relli (Boston, 1913-Parma, 2000).

Informazioni

Comunicato stampa

Ronchini Gallery di Londra, in collaborazione con Archivio Marca-Relli di Parma, presenta la prima esposizione monografica nel Regno Unito su Conrad Marca-Relli (Boston, 1913-Parma, 2000). La mostra, curata da Kenneth Baker e David Anfam, pone all’attenzione del pubblico, dei galleristi e degli studiosi una selezione di opere realizzate, nel corso di sessanta lunghi anni di carriera, da uno dei più importanti esponenti dell’Espressionismo Astratto. Affermatosi a New York negli anni Cinquanta, il movimento pionieristico vide la partecipazione di artisti quali Jackson Pollock, Willem de Kooning, Philip Guston e Franz Kline


A Marca-Relli è associata dalla critica la tecnica del collage che l’artista ha rivisitato con modalità del tutto originali – e spesso su scala monumentale – rispetto a precedenti esperimenti come quelli cubisti di Pablo Picasso e Georges Braque, facendone uno strumento per la propria poetica, all’interno della quale non mancano mai forti richiami a un classicismo tutto europeo e una costante presenza della figura.

L’esposizione di Londra, allestita 45 anni dopo la prima retrospettiva tenuta nel 1967 al Whitney Museum di New York, percorre il lavoro di Marca-Relli e la sua ricerca sui media espressivi, sull’uso dei materiali quali la plastica, i ritagli di carta, alluminio e tessuto, fino ai collage realizzati con figure ricavate da riviste, tutti elementi che si uniscono a un cromatismo sobrio ed equilibrato.
Presso Ronchini Gallery verrà esposto anche Death of Jackson Pollock (1956), un collage di grandi dimensioni completato dopo la morte dell’amico pittore, deceduto a causa di un incidente d’auto; Marca-Relli, nel timore di trarre un vantaggio personale dall’amicizia che lo legava a Pollock, rifiutò di mostrare l’opera al pubblico fino al 2000.

I lavori di Conrad Marca-Relli sono oggi ospitati nelle collezioni dell’High Museum of Art, Atlanta; Museu d’Art Contemporani MACBA, Barcelona; Solomon R Guggenheim Museum, Bilbao; The Art Institute of Chicago; Los Angeles County Museum of Art; Smithsonian American Art Museum, Washington DC; National Gallery of Art, Washington DC; Collezione Peggy Guggenheim, Venezia; Seattle Art Museum; Carnegie Institute, Pittsburgh; Whitney Museum of American Art, New York; Museum of Modern Art, New York; Solomon R Guggenheim Museum, New York.

Con mostre organizzate nelle più significative istituzioni mondiali – dalla Collezione Peggy Guggenheim di Venezia (1998) al Metropolitan Museum of Art di New York (2008) o ancora al Solomon R. Guggenheim Museum (2009) della stessa città – Conrad Marca-Relli è considerato tra i più grandi artisti dell’Espressionismo Astratto nonché uno dei pittori più significativi in America.



Ronchini Gallery

Ronchini Gallery è una galleria di arte contemporanea fondata a Terni da Lorenzo Ronchini nel 1992; da febbraio del 2012 è stato aperto un nuovo spazio a Londra, nel quartiere di Mayfair. Le mostre promosse da Lorenzo Ronchini hanno indagato i principali movimenti italiani a partire dagli anni Settanta, orientandosi verso scelte estetiche che includono il Minimalismo, lo Spazialismo, l’Arte concettuale e l’Arte povera. La galleria è cresciuta in particolare su di un nucleo raccolto in vent’anni da Adriano Ronchini il quale sostenne artisti tra cui Alighiero Boetti, Daniel Buren, Joseph Kosuth, Frank Stella e Michelangelo Pistoletto. Mantenendo sempre alti standard curatoriali e di ricerca, la galleria mette a disposizione degli artisti un ambiente rigoroso e si dedica inoltre alla pubblicazione di cataloghi, testi critici e monografie sugli artisti.



I curatori

Kenneth Baker è critico d’arte per il “San Francisco Chronicle” dal 1985, dopo essersi occupato di arte per il “Boston Phoenix” tra il 1972 e il 1985 e aver collaborato con “Artforum”, “Art in America”, “Arts Magazine” e altre riviste. Autore di Minimalism: Art of Circumstance (Abbeville Press, 1989-1997), Baker ha scritto saggi per numerosi cataloghi di mostre e in particolare per esposizioni su Giorgio Morandi, David Rabinowitch, Manuel Ocampo e Edward Burtynsky, continuando inoltre a pubblicare su periodici internazionali quali “The Art Newspaper”, “ArtNews”, “Art + Auction” e “Parkett”. Nel 2009 la Yale University Press ha pubblicato il suo ultimo libro, The Lighting Field, il primo studio sulla land art di Walter De Maria.

David Anfam è un critico e storico dell’arte e collabora presso Phaidon Press. Si è dedicato in particolare a Mark Rothko (The Works on Canvas. A Catalogue Raisonne, 1998 e Abstract Expressionism. A World Elsewhere, 2008). Nel 2007 ha curato Ocean Without a Shore di Bill Viola per la 52a Biennale di Venezia. Anfam è membro dell’Advisory Board of the Clyfford Still Museum di Denver e le sue ricerche sono state premiate con il Mitchell Prize for the History of Art (2000) e l’Umhoeffer Prize for Achievement in Humanities (2009).