Confini e Conflitti

Milano - 30/03/2022 : 31/05/2022

BBS-Lombard e Lombard DCA presentano Confini e Conflitti Visioni del potere nel tappeto figurato orientale dalla Collezione Sergio Poggianella

Informazioni

  • Luogo: BBS LOMBARD DCA
  • Indirizzo: viale Premuda 46 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 30/03/2022 - al 31/05/2022
  • Vernissage: 30/03/2022 ore 18
  • Generi: arte contemporanea
  • Orari: Dal 31 marzo al 31 maggio 2022, dalle 10:00 alle 17:00 su prenotazione

Comunicato stampa

BBS-Lombard torna ad aprire i suoi spazi in occasione di Miart e della Milano Art Week con una mostra dedicata al tappeto figurato orientale del Novecento dalla collezione di Sergio Poggianella e che inaugura il 30 marzo.
Dal 31 marzo al 31 maggio lo studio di professionisti per l’arte e la cultura con sede a Milano e Prato espone 19 arazzi, realizzati tra il 1920 e il 2001 prevalentemente in Afghanistan, ma anche in Pakistan, Asia Centrale e Cina.

La mostra documenta le numerose varianti dei cosiddetti “war rug”, i tappeti di guerra afghani, divisi in quattro sezioni

Il punto di partenza sono le mappe geografiche, una tipologia di tappeto che il pubblico dell’arte contemporanea riconosce nelle interpretazioni di Alighiero Boetti. L’artista nei suoi viaggi a Kabul negli anni 70 si lasciò ispirare da questi manufatti ai quali lavorò a partire dal 1971 con le stesse maestranze per realizzare la famosa serie delle “Mappe”.
Seguono i tappeti di guerra, creati a partire dagli anni 80, dopo l’invasione dell’Unione Sovietica, che riprendono i motivi astratti e geometrici orientali mischiandoli con rappresentazioni di armi, e che sono anche stati esposti nella mostra “Ornament and Abstraction” alla Fondation Beyeler nel 2001. Poi ci sono i paesaggi, tra cui troviamo uno degli esemplari più antichi della collezione, un tappeto del Khotan del 1920, che mostra i primi segni della rivoluzione modernista, con i treni in velocità, le navi a vapore e gli aeromobili. Infine, i ritratti, che mostrano l’alternarsi dei personaggi al potere, da Amanullah Kahn, re dell’Afghanistan negli anni 20, noto come il grande modernizzatore del paese, fino al generale Massoud, comandante della resistenza afghana contro l’Unione Sovietica prima e i Talebani poi.

L’arte tessile di questi tappeti mostra la maestria orientale di narrare la storia attraverso oggetti di uso comune, a differenza della tradizione artistica occidentale, in cui la narrazione storica avviene sulla tela. L’origine di questi tappeti rimane ancora in gran parte da indagare, costituendo un esempio di drastica rottura con la tradizione del tappeto orientale. Tali artefatti – da considerarsi vere e proprie opere d’arte per le loro valenze estetiche, etiche e sociali – hanno goduto della massima fortuna e di un significativo interesse commerciale ben oltre i confini dello stesso Afghanistan nel periodo compreso tra l’invasione sovietica dell’Afghanistan (1979-1989) e la missione Enduring Freedom (2001-2006).

“Nei war rug si addensa un ampio repertorio di ‘visioni del potere’ che mette in scena i rapporti di forza tra gli Stati del mondo in un Afghanistan da decenni dilaniato dalle guerre” ha commentato il collezionista Sergio Poggianella, fondatore della Fondazione FSP di Rovereto. “Creati in un contesto di guerra, questi tappeti possono indicare la strada verso una cultura di pace, in cui i confini non vengano profanati, ma attraversati per esplorare spazi e condividere culture – un tema quanto mai attuale nel momento della guerra tra Russia e Ucraina. Indipendentemente dall’esito militare, difficilmente si potrà parlare di un qualche successo, quando la violenza si riversa sulla popolazione civile, lasciando incancellabili traumi e macerie”.

Per prenotare la visita
Tel 02-7788631
[email protected]


BBS-Lombard
BBS-Lombard è una società benefit di dottori commercialisti con sede a Milano e Prato che attraverso il connubio tra economia e cultura ridisegna le strategie e lo sviluppo di imprese e istituzioni culturali, curandone fiscalità, controllo di gestione, amministrazione, revisione e ogni loro aspetto economico e finanziario.
Nell’ambito dell’economia della cultura lo studio accompagna sia attività profit, come gallerie d’arte e case editrici, sia non-profit, come associazioni di categoria, musei, fondazioni, offrendo la conoscenza delle opportunità di sostenibilità economica e sociale, assieme a uno sguardo laterale che permetta di comprendere il panorama in cui si opera al fine di compiere le scelte più coerenti con la missione.
Nel 2020 BBS-Lombard è stato il primo studio italiano di commercialisti a diventare società benefit con lo scopo di inquadrare la propria attività non profit e di disseminazione di buone pratiche strategiche e gestionali dell'impresa culturale.

Fondazione FSP
La Fondazione Sergio Poggianella si è costituita a Rovereto nel 2013 per iniziativa del suo Presidente Sergio Poggianella per creare una struttura in grado di gestire la conservazione e la valorizzazione di oltre 3.000 opere d'arte e manufatti collezionati dal fondatore nel corso della carriera di gallerista e curatore di mostre e in occasione dei viaggi nei paesi extraeuropei. Fa parte della Fondazione anche la biblioteca specialistica con oltre 5.000 volumi di scienze antropologiche, di arte moderna e contemporanea, l'archivio personale, le raccolte di fotografie e i documentari di viaggio che confluiranno in una mediateca on line. La FSP è stata fondata per rendere accessibile questo patrimonio e per promuovere, a partire da esso, attività di studio e di ricerca che, mettendo a confronto e in dialogo le produzioni artistiche di culture e generazioni differenti, si configurino come occasioni di approfondimento scientifico e al tempo stesso di ampia divulgazione.