Collecting People/Apnea – Giorgia Vian

Torino - 14/04/2012 : 14/04/2012

Più la dimensione dello sport diventa una scommessa interessante e impegnativa nella piena coscienza della sua convenzionalità, più l'artista si trova a saccheggiare gli spazi e i metodi aperti dall'arte per creare l'ambiente, il fisico e la psicologia migliore per la pratica d'eccellenza.

Informazioni

  • Luogo: TRAM DIOGENE
  • Indirizzo: Corso Verona - Torino - Piemonte
  • Quando: dal 14/04/2012 - al 14/04/2012
  • Vernissage: 14/04/2012 ore 17
  • Autori: Giorgia Vian
  • Generi: incontro

Comunicato stampa

Giorgia Vian

QUANDO L’ASTICELLA NON CADE

Il salto con l’asta e l’allenamento dell’opera d’arte.

Secondo incontro

Sabato 14 Aprile 2012 ore 17:00

TRAM DIOGENE

C.so Regio Parco angolo C.so Verona, TORINO

Giorgia Vian a ventiquattro anni inizia l'attività agonistica del salto con l'asta. Ricerca parallelamente la creazione del record personale e l'allenamento dell'opera d'arte originale.

Ciascuna disciplina aiuta l'altra pur rimanendo ambedue distinte nelle loro specifiche diversità.

L'inizio di un'attività sportiva in età matura comporta una dimensione sproporzionata occupata dal ragionamento cosciente che assieme ai vantaggi implica notevoli difficoltà

La disciplina del salto con l'asta richiede qualità irrazionali e qualità estremamente ponderate e lucide. Occorre quindi una capacità coordinativa sia fisica che mentale e una semplicità-spontaneità di fondo.

Col passare del tempo l'allenamento ha portato ad una conoscenza del corpo più raffinata e funzionale, come efficacia atletica e come immagine coordinata di sé. Parallelamente, in campo artistico ha realizzato una serie di disegni sfruttando la gestualità connessa all’atto sportivo.

Più la dimensione dello sport diventa una scommessa interessante e impegnativa nella piena coscienza della sua convenzionalità, più l'artista si trova a saccheggiare gli spazi e i metodi aperti dall'arte per creare l'ambiente, il fisico e la psicologia migliore per la pratica d'eccellenza.


E' nata a Genova nel 1984. A Milano vive oggi le sue più grandi passioni. E' del 2010 la partecipazione al Premio Termoli a cura di Miriam Mirolla, del 2011 quella alla Biennale di Venezia nel Padiglione Italia, sezione The State of The Art, a Cose Cosmiche 1 e 2, Galleria Artra, Milano e la residenza per artisti a Ruinas, Sardegna, a cura di Mauro Cossu. Nel 2012 il record personale a 3.80 m di salto con l'asta. Sperimenta il suo lavoro d'arte della palestra della scuola secondaria. Misura i suoi progressi sul campo di atletica.

Calendario prossimi incontri:

21/04/2012: Marco Olmo, campione ultrasessantenne di corsa estrema .

09/06/2012 : Gianluca Sirci, campione europeo di chess boxing.

16/06/2012: Monica Barbero, campionessa mondiale di apnea.

30/06/2012 : Fabio Calzia, etnomusicologo.

---------------------------------------------------------------------------------------------------------
E' online il bando per Diogene Bivaccourbano 2012

---------------------------------------------------------------------------------------------------------



Giorgia Vian

WHEN THE BAR DOESN'T FALL

The pole-jumping and the artwork's training

Second meeting

Saturday, April 14th, 2012 5 pm

DIOGENE TRAMWAY

C.so Regio Parco corner of C.so Verona, TURIN



At twenty-four years of age, Giorgia Vian starts to do competitive sports as a pole-jumpinger. Her research of a personal record is parallel with the original artwork's training.

Each sport helps the other one, staying distinct in its own specificities.

To start a sport in a ripe age entails a disproportionately high consciousness, which brings both advantages and remarkable difficulties. Pole-jumping requires both irrational qualities and extremely cool-headed ones. It is then necessary to have physical and mental coordinative abilities, and basic simpleness.

As time goes by, training brought her to know her body in an extremely refined and practical way, in both athletic effectiveness and organised image of herself. The ability to see herself developed an artistic series of drawings related to sports’ gestural expressiveness.

The more sport becomes an interesting and demanding bet, in the full awareness of its orthodoxy, the more the artist is pushed to sack methods opened by art to create environment, physic, and the best psychology to practice excellence.



Giorgia Vian was born in Genoa in 1984. Today, she is living in Milan her greatest passions. In 2010 she took part in Permio Termoli, curator Miriam Mirolla; in 2011, she's at the Biennale di Venezia, Italian Pavillon, section The State of The Art; at Cose Cosmiche 1 e 2, Artra Gallery, Milano, and at the rartist residency in Ruinas, Sardinia, curator Mauro Cossu. In 2012, she set her personal record in pole-jumping at 3,80 mt. She is experiencing her artwork on secondary school's gym. She is measuring her progresses on the athletic field.


Meetings calendar:

21/04/2012: Marco Olmo, ultra-sixty year old champion of extreme walk race.

09/06/2012: Gianluca Sirci, chess-boxing European champion.
16/06/2012: Monica Barbero, apnea world champion.

30/06/2012: Fabio Calzia, ethnomusicologist.