Close Arts

Vico Equense - 27/09/2012 : 27/10/2012

Il Museo Mineralogico Campano è lieto di presentare Close Arts, una collettiva che mostra artisti e legami che dialogono, attraverso forme artistiche diverse.

Informazioni

  • Luogo: COMPLESSO MONUMENTALE SS TRINITA' E PARADISO
  • Indirizzo: Viale Rimenbranza, 1 – 80069 - Vico Equense - Campania
  • Quando: dal 27/09/2012 - al 27/10/2012
  • Vernissage: 27/09/2012 ore 18.30
  • Curatori: Maria Teresa Annarumma
  • Generi: arte contemporanea, collettiva
  • Orari: da mar al sab 9.30-13.00 / mar-giov-sab 16.30-19.00 Domenica su appuntamento lunedì chiuso
  • Patrocini: degli Assessorati alla Cultura ed al Turismo del Comune di Vico Equense

Comunicato stampa

Il Museo Mineralogico Campano è lieto di presentare Close Arts, una collettiva che mostra artisti e legami che dialogono, attraverso forme artistiche diverse.
Nata da una idea di Antonio Picardi a cura di Maria Teresa Annarumma, l’affascinante percorso espositivo del museo, diviene palcoscenico in cui vengono presentati un gruppo di artisti campani e non, a lui legati da una lunga relazione di amicizia e professionale


Da sempre la storia è segnata da collaborazioni, incontri e confronti fra artisti, Close Arts vuole essere l’occasione per rendere pubbliche parte di quelle dinamiche che spesso sono sottese alle speculazioni artistiche e di cui il più delle volte è possibile solo intuirne le tracce.
Le opere di Massimo Luccioli, Domenico Antonio Mancini, Umberto Manzo, Luigi Pagano, Angelo Ricciardi, Vincenzo Rusciano e Chiara Scarpitti insieme ai lavori recenti di Picardi, entrano in una conversazione fra media, in un confronto in cui le diversità pur marcate che caratterizzano gli artisti presenti, divengono nuovi tasselli di quella relazione di intelletto e di intenti che li unisce.
La mostra è quindi un repertorio versatile che spazia da opere grafiche a gioielli d’artista, per passare attraverso sculture o dipinti in cui, oltre a poter ammirare alcuni artisti ormai protagonisti dello scenario artistico italiano contemporaneo, è possibile avere uno sguardo privilegiato su quelle che sono le tematiche principali del dialogo fra artisti.