Claudio Rotta Loria / Jorrit Tornquist – Le vibrazioni del colore

Casale Monferrato - 04/12/2021 : 31/01/2022

L’I.N.A.C., Istituto Nazionale d’Arte Contemporanea, in collaborazione con il Comune di Casale Monferrato e lo Studio d’Arte GR di Pordenone, promuove e realizza la doppia mostra personale di Claudio Rotta Loria (Torino, 1949) e Jorrit Tornquist (Graz, Austria, 1938), “Le vibrazioni del colore”.

Informazioni

Comunicato stampa

L’I.N.A.C., Istituto Nazionale d’Arte Contemporanea, in collaborazione con il Comune di Casale Monferrato e lo Studio d’Arte GR di Pordenone, promuove e realizza la doppia mostra personale di Claudio Rotta Loria (Torino, 1949) e Jorrit Tornquist (Graz, Austria, 1938), “Le vibrazioni del colore”, curata da Giovanni Granzotto e Anselmo Villata e allestita nello storico e suggestivo Castello del Monferrato di Casale (AL) dal 4 dicembre 2021 al 31 gennaio 2022


La mostra è composta da circa cinquanta opere dei due maestri che, pur lontani geograficamente di origine e di formazione, ma anche di età, presentano forti affinità nella ricerca e nei risultati estetici, formali, cromatici, luministici.
Per entrambi questi due Maestri dell’Arte Contemporanea, la percezione visiva è legata all’emozione che un’epifania cromatica o luministica riesce ad accendere in ogni spettatore.
Per Claudio Rotta Loria la mostra è incentrata soprattutto sulle Superfici a interferenza luminosa, ricerca iniziata alla fine degli anni ‘60 e poi continuata, pur con qualche digressione ed esplorazione in altri campi, fino ai giorni nostri. La costante del lavoro di Rotta Loria, è quella di andare a scovare le dinamiche e le possibilità delle superfici colpite e attraversate da una luce radente che, più che individuare le forme, riesce magicamente ad animarle attraverso impercettibili vibrazioni, e attraverso sottili e impalpabili fremiti luministici.
Nel caso Tornquist, austriaco naturalizzato bergamasco, si tratta di una lunga cavalcata che parte dai primi Opus: una ricerca mai interrotta che trova negli anni ‘60 e ‘70, un particolare approfondimento delle problematiche della luce in rapporto alla percezione cromatica. Tornquist poi continuerà l’approfondimento del discorso percettivo, sottolineando sempre di più le qualità e le caratteristiche del pigmento, utilizzato sia con diverse tipologie di addensamento dello stesso, sia in un continuo cambiare i supporti in cui esso si può riconoscere (tele, stracci, garze, legno, ecc.)
Il confronto anche fra i pieni e i vuoti, fra il totale e il parziale dell’opera, continuerà a sollecitare gli studi di Tornquist sulle possibilità cromatiche, per arrivare infine, ritornando quasi alle origini, a scoprire come il colore si dichiari e si nasconda nella stessa opera.
La mostra è corredata da un volume edito da Verso l’Arte contenente i testi critici dei curatori, le foto delle opere esposte, le biografie degli artisti.