Christa Van der Poel – Arte in Sospensione tra il colore

Milano - 13/02/2018 : 25/02/2018

Il titolo dell'esposizione, l'arte in sospensione, richiama un percorso attraverso opere d'arte, il cui filo conduttore è proprio il colore dell'anima , "l L'immagine poetica nella Sospensione dello spirito critico ", che rappresenta un evento artistico inusuale nel parlare il linguaggio dell'arte contemporanea.

Informazioni

Comunicato stampa

CHRISTA Van der Poel : Primo evento espositivo che, grazie ad un approccio trasversale, mostra le sue tele in una luce completamente nuova.

Il titolo dell'esposizione, l'arte in sospensione, richiama un percorso attraverso opere d'arte, il cui filo conduttore è proprio il colore dell'anima , "l L'immagine poetica nella Sospensione dello spirito critico ", che rappresenta un evento artistico inusuale nel parlare il linguaggio dell'arte contemporanea.

In un Unico luogo si mostrera' una grande produzionee artistica dai Colori inconfondibili, tutte opere uniche di diverse dimensioni



In mostra sarà presente una selezione di oltre " 20 opere " dell'artista CHRISTA che attraverso il colore rende avanguardistico la proprietà della tela.

Sono stati fatti molti studi sulle luci ed i colori e l’influenza che questi determinano sui consumatori. CHRISTA Van der Poel attraverso i suoi lavori crea atmosfere di vita positiva in energia di luce che avvicina alla fede ed alla spiritualità , crea immagini che non confondono ma abbracciano il fruitore.


Nei lavori di Christa Van der Poel si osserva un equilibrio nell’utilizzo dei colori, una cromatica forma estetica. Questo “sentimento” di equilibrio tra i colori consente al fruitore delle sue opere di percepire una dimensione di appagamento e di soddisfazione sensoriale solitamente legata a concetti quali armonia, pace, simmetria e ordine.

Christa Van der Poel non riproduce ciò che già esiste, non copia la natura, ma usa liberamente i mezzi del suo linguaggio: colori, linee e materia. Si concentra sul puro colore per rappresentare la sua personale realtà.

Talvolta, pur non riconoscendo il soggetto del quadro, si rimane affascinati dalla sua bellezza. Non è importante che cosa sia rappresentato, “ciò che conta è il modo in cui esso è dipinto”, nonché l’effetto che produce su chi lo guarda.

Nelle sue opere si possono cogliere e “sentire” sprazzi, macchie o ancora forme libere di colore che l’artista ha disposto con l’evidente esperienza di chi conosce il funzionamento della percezione dell’occhio umano .

Christa Van der Poel intuisce che anche le emozioni suscitate dalla musica possono diventare immagini mentali, le sue opere paiono, in questo senso, un “distillato di armonia musicale”.
Per Christa i colori e le forme possiedono un “suono interiore” che influenza la psicologia di chi li guarda. Ogni colore, proprio come il tasto di uno strumento musicale, accende sensazioni differenti nell’osservatore: un colore placido come l’azzurro produce, ad esempio, una sensazione di calma, mentre il giallo squillante dà una nota di “allegretto”. I colori sono per Christa veri e propri “strumenti di emozione”.

Le sue sfumature di azzurri e blu, fondendosi con le tinte più calde, creano un’elegante composizione che ricorda orizzonti lontani, nostalgie del deserto, lande bagnate da nuda luce in tutte le sue sfumature, il cielo ed il mare si fondono nelle sue opere dalle palette di colori più accesi e caldi, come “un soffio di eterno spesso nascosto nella quotidianità”.

Christa Van der Poel crea opere moderne e uniche; questi lavori sono per Lei lo spazio circonciso del suo mondo , un modo di pensare manleabile di fronte al colore per dar vita a pezzi artistici basati su studio e ricerca e di grande effetto emotivo.

Ritengo che l'Arte di Christa sia in netta contrapposizione con il carattere dell'espressionismo Astratto che volge la propria attenzione ad una espressione di pensiero spirituale che è nel suo linguaggio.

Infatti l'arte di Christa non è atta a criticare il consumismo ma guarda al complesso di stimoli visivi che circondano l'uomo contemporaneo: il cosiddetto "folclore urbano".

È infatti un'arte aperta a tutte le forme di comunicazione attraverso le emozioni che provocano gli incroci di linee , forme , dimensioni e colori in un universo intrinseco all'artista , il suo sogno a metà , e necessity per essere completato, che venga completato dal fruitore per l'altra meta'.

L'appellativo "spirituale " deve essere inteso però non come arte del popolo o per il popolo, ma più puntualmente come arte divina, cioè prodotta attraverso la mano divina .

L'arte di Christa Van der Poel seppur astratta non è anonima: può essere compresa ed accettata con il "farsi attraversare" totalmente da essa.