Carla Gugi – Trame

Informazioni Evento

Luogo
GALLERIA IL SAGGIATORE
Via Margutta 83B, Roma, Italia
Date
Dal al
Vernissage
16/05/2012

ore 18

Artisti
Carla Gugi
Curatori
Andrea Romoli Barberini
Generi
arte contemporanea, personale
Loading…

L’esposizione, curata da Andrea Romoli Barberini, presenta una ricca selezione di opere che ripercorre l’intero e articolato percorso dell’artista dagli anni Settanta ad oggi.

Comunicato stampa

Da martedì 15 maggio (fino a martedì 29 maggio 2012), la Galleria “Il Saggiatore” di Via Margutta, a Roma, ospita la mostra personale di pittura di Carla Gugi, Trame.
L’esposizione, curata da Andrea Romoli Barberini, presenta una ricca selezione di opere che ripercorre l’intero e articolato percorso dell’artista dagli anni Settanta ad oggi.
La mostra è supportata da un catalogo con testo di presentazione del curatore e antologia critica.

“Per Carla Gugi, […], la pittura corrisponde, tra le altre cose, alla volontà di intervenire direttamente nella vita sociale e culturale. E, per rispondere a questa intenzione, ha definito nel tempo, pur con le variazioni scandite dai diversi momenti della sua indagine artistica, una forma pittorica funzionale al proprio farsi portatrice di un contenuto che vada al di là dell’ambito squisitamente estetico, per trovare un nesso con le esperienze e le problematiche di più ampia condivisione, senza peraltro rinunciare all’individuazione di una caratterizzazione connotante, riconoscibile in certe sue ambientazioni vagamente fantastiche. […]E, a ben vedere, volendo rintracciare nell’intero suo corpus un comune denominatore, un tratto unico, distintivo e pressoché costante, è possibile appellarsi proprio a quel clima narrativo funambolicamente sospeso tra realtà e fantasia, malinconia e stupore, ironia e partecipazione. Un clima vagamente felliniano, che ha consentito all’artista di affrontare argomenti gravi e centrali in una sua personalissima chiave interpretativa basata su una fluidità di racconto che, proprio restando sul crinale che separa la narrazione favolistica dalla “cronaca”, riesce ad evitare certe esasperazioni, certe durezze […].”
(dal testo in catalogo di Andrea Romoli Barberini)