Proiezione di Ecstatic, video prodotto e realizzato da Amilcar Packer e Helmut Batista, con una performance del poli-strumentista SIRI, un’iniziativa che nasce dalla partnership tra il programma di residenza brasiliana CAPACETE Entertainments e il Museo Marino Marini.

Informazioni

  • Luogo: MUSEO MARINO MARINI - PALAZZO DEL TAU
  • Indirizzo: Piazza Di San Pancrazio - Firenze - Toscana
  • Quando: dal 13/10/2013 - al 13/10/2013
  • Vernissage: 13/10/2013 ore 21
  • Generi: performance – happening, serata – evento
  • Biglietti: ingresso libero

Comunicato stampa

Per IL TEATRO DI MARINO, il Museo Marino Marini domenica 13 ottobre, alle ore 21.00, ospita la proiezione di Ecstatic, video prodotto e realizzato da Amilcar Packer e Helmut Batista, con una performance del poli-strumentista SIRI, un’iniziativa che nasce dalla partnership tra il programma di residenza brasiliana CAPACETE Entertainments e il Museo Marino Marini.

Il video fa parte del progetto CAPACETE attualmente in mostra, fino al 20 ottobre 2013, al Portikus di Francoforte

L’esposizione raccoglie più voci di una ricerca che dura ormai da sedici anni, dimostrando un coinvolgimento interdisciplinare a lungo termine sull’indagine e la documentazione dei processi estetici, sociali e politici del Brasile contemporaneo. L’attività di CAPACETE viene condotta proprio a Rio de Janeiro, come importante laboratorio che riattualizza ogni complessità brasiliana. Ampliando dunque l’interesse nel campo della produzione culturale in Brasile, il progetto mira a "cannibalizzare" la cultura specifica del paese - lavorando sulle apparenze così come sui cliché, come quelli relativi ai concetti di Cannibalismo e Tropicalismo, entrambi profondamente radicati nella trattazione della cultura brasiliana - e così solleva questioni sugli aspetti paradossali dello status quo dell’economia e della politica della regione.

Il video Ecstatic è stato girato da un elicottero sorvolando uno dei luoghi storici del Brasile, la monumentale statua del Cristo Redentore a Rio de Janeiro, stabilendo un dialogo con il film “Static” di Steve McQueen girato intorno alla Statua della Libertà a New York. La performance di SIRI farà da colonna sonora unica e sperimentale al film di Batista e di Packer. Durante la sua proiezione SIRI utilizzerà il Berimbau, lo strumento principale della Capoeira afro-brasiliana danza marziale.
Il progetto CAPACETE è stato recentemente costretto a sospendere le sue attività a causa di un insufficiente sostegno finanziario locale.


Il Teatro di Marino è un format che accoglie una serie di appuntamenti con contributi di artisti, autori, critici, performers e musicisti. L'idea nasce dalla volontà di mettere in gioco lo spazio, le opere e la storia di Marino Marini con protagonisti della scena artistica contemporanea. Il museo verrà pervaso ogni volta, per un giorno al massimo, da presenze che porteranno le loro esperienze, la loro poetica la loro identità all'interno dello spazio di San Pancrazio a Firenze.



Amilcar Packer è nato in Cile nel 1974 e si è trasferito in Brasile nel 1982. Si è laureato in Filosofia presso l'Università di São Paulo, porta avanti una pratica artistica in cui sposta, sovverte e ri-contestualizza gli oggetti di uso quotidiano, l'architettura e il corpo umano. Le sue azioni e gli interventi mirano a modificare la grammatica degli spazi sociali stabiliscono campi relazionali e a descostruire discorsi e dispositivi egemonici e dispositivi, storicamente installati e cristallizzati all’interno del linguaggio, nell’organizzazione urbana dello spazio, e nelle norme di comportamento. Packer collabora regolarmente con Como Clube ed è il co-direttore del programma di residenze artistiche “Capacete Entertainment”. Negli ultimi anni si è dedicato anche allo sviluppo di dinamiche collettive basate sulla costruzione di momenti di orizzontalità come condizione per l'apprendimento e la produzione di senso, e ha partecipato a programmi educativi come quello del “Centro de Investigaciones artistico” a Buenos Aires nel 2013, “History Matter” al CCA-Lagos, Nigeria in 2012, “Summer University” nel 2012 e nel 2013 a Rio de Janeiro; “The Harbor” al Beta Local di San Juan nel 2011; “Agulhas Negras: the Summer Session” al Campos do Jordao, in Brasile in 2008; “SPA das Artes Recife”nel 2001 a Pernambuco.
Tra le sue personali recenti ricordiamo “Entre” all’Usina do Gasometro di Porto Alegre, Brasile nel 2008, “Manuseio do Mundo”, al Oi Futuro di Rio de Janeiro (2007), “Polisemiose” presso il Centro Cultural Banco do Brasil di São Paulo nel 2006, “Grave” alla Galeria Vermelho di São Paulo nel 2005 e “Vídeo #00: Em Repouso” al CCSP di São Paulo nel 2002. Il suo lavoro è stato inserito in molte mostre collettive: in “Susan Vérité, des Méthodes” al Centre Rhénan d’Art Contemporain di Altkirch nel 2013; in “Tro-pi-cal” al Akershus Kunstsenter nel 2012; in “Modify as needed” al Museum Of Contemporary Art di Miami nel 2011; in “Electrified: Hacking the public space” allo S.M.A.K. di Ghent nel 2010; in “Praxis: Art in Times of Uncertainty”, all’interno della 2° Biennale di Arte Contemporanea di Salonicco nel 2009; in “Farewell to Post-Colonialism” alla 3° Triennale di Guangzhou nel 2009; in “L’autre Amérique: Art Contemporain du Brésil” al Passage de Retz di Parigi nel 2005; in On reason and emotion” all’interno della Biennale di Sydney nel 2004 e in - “Panorama da Arte Brasileira 1999” al Museu de Arte Moderna di São Paulo nel 1999.

Helmut Batista è nato nel 1964 a Rio de Janeiro, in Brasile. È direttore dello spazio non-profit di arte contemporanea “Capacete” presso la Escola de Cinema e Audiovisivo Darcy Ribeiro nel centro di Rio de Janeiro. Tra il 1985 e il 1997 ha lavorato come artista, scenografo e assistente alla regia a Parigi, Vienna e Milano. Batista ha esposto in tutto il mondo e tenuto conferenze per numerose istituzioni culturali. Ha pubblicato "Public Intervention" (1991), "The Interventionist" (1994) e "You Do Not Need to Pay, But You Have to Consume It" (1997).

SIRI è un artista sonoro brasiliano e il suo lavoro si sposta tra musica, performance, installazioni e video arte. Il suo training di percussionista risale al 1995. Ha suonato con artisti come Sivuca, Hermeto Pascoal, Lenine e Fausto Fawcett prima di iniziare il suo lavoro da solista nel 2000. Ha inciso 3 CD / DVD, che riceve l’Award for Best Music CD per 21° Brazilian Music Award nel 2010.
Ha partecipato ad alcuni dei più importanti festival musicali in Europa, Giappone e America. Le sue performance sono emerse al palco, attraverso di esse i suoi strumenti si sono trasformati in sculture sonore.