Berlino 1989: il suono dei muri che cadono

Torino - 09/11/2014 : 09/11/2014

Giovanni Sollima, grande violoncellista e compositore palermitano, porterà sul palco del Teatro Regio di Torino 100 violoncelli in ricordo di Mistislav Rostropovich, che improvvisò un concerto davanti al muro di Berlino la notte del 9 novembre 1989.

Informazioni

Comunicato stampa

Berlino 1989: il suono dei muri che cadono
Teatro Regio, ore 20.30 - Musica, parole, immagini.
Giovanni Sollima, grande violoncellista e compositore palermitano, porterà sul palco del Teatro Regio di Torino 100 violoncelli in ricordo di Mistislav Rostropovich, che improvvisò un concerto davanti al muro di Berlino la notte del 9 novembre 1989.
Lo spettacolo sarà trasmesso da Rai Cultura in diretta su Rai5 con l’obiettivo di raggiungere il grande pubblico nazionale attraverso un progetto di prestigio internazionale


Il progetto dei 100 violoncelli che coinvolgerà sia i grandi interpreti del violoncello di fama internazionale, sia giovani musicisti dell’Accademia Suzuki, dei Conservatori, della Scuola Civica Musicale, ha l’intento di usare il linguaggio della musica nella sua componente più partecipativa e democratica.

Lo sperimentatore Sollima proporrà con i suoi ‘100 Cellos’ (100 violoncellisti) una selezione di pezzi musicali intervallati da letture di testi scelti dallo scrittore Andrea Bajani, attualmente residente a Berlino dove collabora con la Freie Universität.

La lettura dei brani sarà affidata allo stesso Bajani e alla brava interprete Michela Cescon, attrice italiana diplomata alla scuola Teatro Stabile di Torino.

Cifra narrativa della serata è l’approccio emozionale, nel quale la musica, la parola e la fotografia diventeranno i linguaggi attraverso i quali rivivere una delle tappe più significative della storia europea e mondiale.

Il contributo fotografico allo spettacolo è garantito dalla collaborazione con Magnum Photos: il fondale del palcoscenico sarà creato da scatti, proiettati su un maxischermo, realizzati da grandi autori. testimonianze filmate sul tema, di grandi figure e autorevoli personalità della cultura ( tra i quali Volker Braun, Slavoj Žižek, Dubravka Ugrešić, Inge Feltrinelli, Claudio Magris, Ingo Schulze,…).