BAF – Bergamo Arte Fiera 2019

Bergamo - 11/01/2019 : 14/01/2019

Il polo fieristico ospita la 15a edizione di BAF - Bergamo Arte Fiera.

Informazioni

  • Luogo: NUOVA FIERA BERGAMO
  • Indirizzo: Via Lunga - Bergamo - Lombardia
  • Quando: dal 11/01/2019 - al 14/01/2019
  • Vernissage: 11/01/2019 su invito
  • Generi: arte moderna e contemporanea, fiera
  • Orari: Sabato e Domenica: 10:00 – 20:00 Lunedì: 10:00 – 12:30
  • Biglietti: Biglietteria all’ingresso Giornaliero: €10,00 Parcheggio: € 3.00
  • Sito web: https://www.bergamoartefiera.it

Comunicato stampa

Al via le edizioni 2019 di IFA(Italian Fine Art) e BAF(Bargamo Arte Fiera), i due prestigiosi appuntamenti firmati Promoberg dedicati nell’ordine all’eccellenza dell’Alto Antiquariato e dell’Arte Antica italiana, e dell’Arte moderna e contemporanea, in scena alla Fiera di Bergamo dal 12 al 20 gennaio, la prima, e dal 12 al 14 gennaio, la seconda. Per promuovere l’arte a tutto tondo, nelle giornate di sabato 12 e domenica 13 gennaio, con un unico biglietto si potranno visitare entrambe le mostre.

Anche per quest’anno entrambe le manifestazioni si caratterizzano come punti di riferimento per i relativi settori

In un’area espositiva di circa 13.000 mq coperti con l’adesione di 160 espositori– equiripartiti tra antiquariato e moderno– “le mostre, sottolinea Sergio Radici, curatore artistico di entrambe le iniziative– offrono esemplari e pezzi tra i più ricercati, capaci di soddisfare interesse degli appassionati più curiosi. Nella rassegna dedicata all’antiquariato prevale una forte presenza dell’Alta Epoca mentre nel padiglione dedicato all’Arte contemporanea la coesistenza di gallerie di estrazione nazionale ed internazionale attesta come Bergamo sia considerata una piazza importante e degna di nota per il settore”.



Di non secondaria importanza la presenza delle due collaterali. Parliamo delle due mostre personali di Mario Sironi (Sassari, 1885 – Milano, 1961) e di Piero Cattaneo (Bergamo, 1929-2003).

La mostra di Mario Sironi è una collezione dei piccoli studi dell’autore e della grande decorazione. Composta da 80 opere realizzate dal 1915 agli anni Trenta di cui l’80% inedite, la kermesse consta di piccole opere personali (studi di pubblicità, copertine e grandi quadri; scorci di paesaggio e ritratti di proporzioni ridotte conservate dalla famiglia e catalogate) oltre a alcune opere preparatorie per i mosaici e gli affreschi della grande decorazione in cui l’autore eccelleva.

La persona di Piero Cattaneo sollecita un inaspettato e stimolante confronto tra l’opera scultorea, lo spazio che l’accoglie e la sua fruizione pubblica. I bronzi datati dal 1967 al 2000, si danno gradualmente allo spettatore, attraverso una modalità linguistica che sovverte i convenzionali sistemi segnici, procedendo in codici formali fantastici, capaci di rompere le lisce e calde superfici del bronzo e facendo emergere una narrazione che parla dell’attività febbrile dell’uomo e che ci immette nel vivo della nostra realtà quotidiana.

La ricerca di Cattaneo dunque non è astratta ma si nutre delle impronte di tutti quei frammenti di oggetti, ingranaggi, motori, modanature, che hanno fatto parte della realtà vissuta in prima persona dall’artista; lo stesso orizzonte condiviso in cui ci troviamo a trascorrere la nostra esistenza. Ma se per noi ciò che ci circonda ha una fine materiale determinata, il gesto di Cattaneo conferisce a questi stessi elementi una capacità espressiva nuova, offrendone un’altra visione in un tempo che si prolunga all’infinito, oltre noi stessi.

Con l’introduzione dell’acciaio inox tirato a specchio, l’artista sperimenta una nuova realtà: i suoi bronzi si specchiano e perdurano in un tempo e in uno spazio non conosciuto e indefinito, trovando una loro compiutezza in una terza dimensione illusoria. Il suo linguaggio fuso nella solida lega, si protende in una verità artistica che non possiamo conoscere perché non fa parte del nostro vivere concreto, ma di cui siamo chiamati a darne testimonianza attraverso la proiezione della nostra stessa immagine e di tutto ciò che ci circonda. Ecco quindi che Cattaneo non solo ha messo in atto una sua ricerca formale metastorica, oltre la storia, espressa nei suoi bronzi ricercati, ma è riuscito a portarci all’interno del suo immaginario, in quello spazio intimo e surreale in cui si completa e continua la sua opera.

“Con IFA e BAF– evidenzia Ivan Rodeschini, Presidente di Ente Fiera Promoberg- portiamo da anni a Bergamo due eventi di alto profilo che, oltre a dare lustro al nostro territorio, sono diventati degli appuntamenti nazionali di riferimento per tutto il movimento dell’arte e della cultura. La risposta del pubblico, sempre più competente e interessato, e con arrivi anche dall’estero, premia lo sforzo organizzativo che mira ad alzare costantemente il livello qualitativo delle due mostre. Forti dei risultati sin qui ottenuti– conclude Rodeschini -continueremo a investire sui due progetti, per promuovere l’arte e la cultura ad una platea sempre più vasta, pensando in particolare alle nuove generazioni”.