Atmosfera Zero – Great Expectations #2

London - 15/05/2015 : 15/06/2015

Atmosfera ZERO - Great Expectations #2 è la mostra inaugurale del spazio espositivo londinese della Cortesi Gallery, dopo la sede originaria di Lugano, Svizzera.

Informazioni

  • Luogo: CORTESI GALLERY
  • Indirizzo: 41 & 43 Maddox Street W1S 2PD - London
  • Quando: dal 15/05/2015 - al 15/06/2015
  • Vernissage: 15/05/2015 ore 18
  • Curatori: Marco Meneguzzo
  • Generi: arte contemporanea, collettiva
  • Orari: Monday - Friday: 10:00 a.m. – 6:00 p.m. Saturday: 12:00 p.m. - 6:00 p.m.

Comunicato stampa

ATMOSFERA ZERO - Great Expectations #2 is the inaugural exhibition in the new space in London of the Switzerland-based Cortesi Gallery.

Bernard Aubertin, Agostino Bonalumi, Enrico Castellani, Dadamaino, Lucio Fontana, Hermann Goepfert, Walter Leblanc, Adolf Luther, Heinz Mack, Piero Manzoni, Christian Megert, Gruppo MID, François Morellet, Henk Peeters, Otto Piene, Tomas Rajlich, Paolo Scheggi, Jan Schoonhoven, Jesús Rafael Soto, Günther Uecker, Paul Van Hoeydonck, Grazia Varisco, Nanda Vigo, herman de vries.

Cortesi Gallery is delighted to present an overview of the Zero movement as their inaugural London exhibition



Including a number of works by Europe’s top ‘Modern Masters’, including Enrico Castellani, Lucio Fontana, herman de vries, Jan Schoonhoven, Gunther Uecker and Paolo Scheggi, this exhibition will provide a valuable insight into the conceptual and formal affinities that crossed Europe’s contemporary art scene in the 1960s and 1970s, a period that lies at the heart of Cortesi’s interests. In the light of the recent exhibition at the Guggenheim Museum in New York that is currently housed within the Martin Gropius Bau in Berlin, the relevance of the Zero movement has of late become far more evident.

Consisting of a network of intellectuals and artists, the group was officially founded in 1958 in Düsseldorf, with Heinz Mack, Otto Piene and Günther Uecker as central figures. For its followers, Zero suggested ‘a zone of silence and of pure possibilities for a new beginning’: leaving behind their memories of World War II and its aftermath, Zero promoted new forms of expression and media often drawn from everyday life and nature, revealing an inclination to use pure colors next to new materials and technological advancements. The unpredictable results using tools such as light and movement were characteristic of the works of these artists.

Essentially European, Zero soon became the centre of what curator Marco Meneguzzo calls “a perpetually-moving galaxy of artists”, especially among the Dutch, Germans, Belgians, French, Swiss and Italians. "Zero was like a fluid that moved incorporating all those who showed the aspiration to freedom at all costs, even at the expense of the proper concept of artwork…We could define Zero as a futuristic version of Dada, where materials, forms and actions respond to new contemporary parameters of society and its hope for the future…There is a familiarity among these artists, who built expressive codes from the desire not to have codes.”

In the free trials of these artists we can find the beginnings or, at least, the first traces of numerous movements that will follow, such as Minimalism or Land Art. Having been ahead of their time in the past makes them relevant today, and the exhibition at Cortesi aims to present in London the cultural atmosphere (l’atmosfera) they shared.






Hermann Goepfert, Untitled, 1965, aluminium, steel spring, wood panel, 100 × 99.5 cm, photo by Bruno Bani.



Atmosfera ZERO - Great Expectations #2 è la mostra inaugurale del spazio espositivo londinese della Cortesi Gallery, dopo la sede originaria di Lugano, Svizzera.

Bernard Aubertin, Agostino Bonalumi, Enrico Castellani, Dadamaino, Lucio Fontana, Hermann Goepfert, Walter Leblanc, Adolf Luther, Heinz Mack, Piero Manzoni, Christian Megert, Gruppo MID, François Morellet, Henk Peeters, Otto Piene, Tomas Rajlich, Paolo Scheggi, Jan Schoonhoven, Jesús Rafael Soto, Günther Uecker, Paul Van Hoeydonck, Grazia Varisco, Nanda Vigo, herman de vries.

Cortesi Gallery è lieta di presentare una collettiva sul movimento Zero come mostra inaugurale del proprio nuovo spazio espositivo.

Comprendendo un numero di opere dei '‘Modern Masters’ europei, tra cui Enrico Castellani, Lucio Fontana, herman de vries, Jan Schoonhoven, Gunther Uecker e Paolo Scheggi, questa mostra si propone come una preziosa analisi sulle affinità concettuali e formali che hanno attraversato la scena artistica contemporanea in Europa tra il 1960 e il 1970, periodo storico che da sempre è stato al centro degli interessi della Cortesi Gallery.

La recente mostra tenutasi al Guggenheim Museum di New York, che è attualmente ospitata al Martin Gropius Bau di Berlino, dimostra come ultimamente il movimento Zero stia ottenuto una rilevanza sempre maggiore a livello internazionale.

Composto da una rete d’intellettuali e artisti, il gruppo Zero nasce ufficialmente nel 1958, e non sappiamo se e quando muoia. Movimento transnazionale, sostanzialmente europeo (ma con appendici negli Stati Uniti e in Giappone), vede in Heinz Mack, Otto Piene e Gunther Uecker gli animatori, attorno ai quali si sono riuniti artisti olandesi, tedeschi, belgi, francesi, svizzeri, italiani.

Zero ha suggerito una zona di silenzio e di possibilità pure per un nuovo inizio: lasciandosi alle spalle i ricordi della seconda guerra mondiale e le sue conseguenze, Zero ha promosso nuove forme di espressione e dei media, spesso tratte dalla vita quotidiana e della natura, rivelando una tendenza a utilizzare colori puri accanto a nuovi materiali e innovazioni tecnologiche, giungendo a risultati imprevisti, utilizzando strumenti come la luce e il movimento, che sono caratteristiche imprescindibili delle opere di questi artisti.

Zero divenne così il centro di ciò che il curatore Marco Meneguzzo chiama “una galassia perennemente in movimento, un blob che si muove inglobando tutti coloro che mostrano un’aspirazione alla libertà espressiva, anche a scapito del tradizionale concetto di opera. Mostrandosi simile a Fluxus, Zero diviene una bandiera irridente e allo stesso tempo operativa, fattiva, nuova, potremmo definire Zero come una nuova versione futuristica di Dada, dove i materiali, le forme e le azioni rispondono ai nuovi parametri della società, sottolineando la speranza per il futuro. Ogni artista di Zero sembra caratterizzarsi per la scelta di un materiale su cui lavorare, che diventa l’esempio di come si possa trasformare il mondo, con nuovi oggetti e nuove forme, ponendosi in un modo di essere invece che di ‘avere’. C’è aria di famiglia tra questi artisti e tra le loro opere, che hanno costruito codici espressivi partendo dal desiderio di non averne”.

L’intenzione è quella di suggerire una vera e propria atmosfera, un ambito d’azione e di riflessione ispirato al gruppo Zero: tutti gli artisti presenti alla mostra hanno dialogato, partecipato, condiviso l’attitudine libera che Zero andava gioiosamente diffondendo in Europa. Nelle opere di questi artisti si possono trovare le origini o, per lo meno, le prime tracce di numerosi movimenti che seguiranno, come Minimalismo o Land Art. Gli artisti appartenenti al gruppo Zero, hanno prodotto delle opere che guardavano verso il futuro e questo loro atteggiamento di precursori rende oggi le loro opere estremamente attuali. La mostra di Cortesi Gallery si propone di presentare a Londra il clima culturale - l’atmosfera appunto - che condividevano questi artisti.