ARType. Archetipi della videoarte contemporanea

Spoleto - 05/07/2014 : 27/07/2014

Una selezione di opere di trentasei artisti italiani contemporanei raggruppate in sei archetipi: il rito, il gioco, il territorio, il gesto, il viaggio, il Sé.

Informazioni

  • Luogo: PALAZZO COLLICOLA ARTI VISIVE - MUSEO CARANDENTE
  • Indirizzo: Piazza Collicola, 1, 06049 - Spoleto - Umbria
  • Quando: dal 05/07/2014 - al 27/07/2014
  • Vernissage: 05/07/2014 ore 16
  • Curatori: Paolo Granata, Silvia Grandi
  • Generi: arte contemporanea, collettiva, new media
  • Orari: Palazzo Collicola Arti Visive - Piazza Collicola –Spoleto – 5/13 luglio 2014 Officina d’Arte&Tessuti – Via Plinio il Giovane 6-8, Spoleto – 14/27 luglio 2014 Orario: la visione in galleria si effettua a richiesta, ad esclusione di lunedì e martedì

Comunicato stampa

Sabato 5 luglio alle ore 16 Palazzo Collicola Arti Visive e l’Officina d’Arte&Tessuti di Spoleto, in collaborazione con l’Alma Mater Studiorum Università di Bologna, presentano “ARType - Archetipi della videoarte contemporanea”, una iniziativa nata nel 2013 come emanazione del progetto “Videoart Yearbook - Annuario della videoarte italiana” promosso dal Dipartimento delle Arti dell’Ateneo bolognese a partire dal 2006.
ARType (neologismo che tiene conto dei due termini “arte + archetipo” nella loro variante anglofona) è un progetto curatoriale che propone temi e chiavi di lettura trasversali utili a comprendere la videoarte contemporanea

A riguardo, il gruppo di ricerca – formato da Guido Bartorelli, Paolo Granata, Silvia Grandi, Fabiola Naldi, Stefania Portinari, docenti nelle università di Bologna, Padova e Venezia – ha individuato sei archetipi, ovvero sei elementi primordiali della cultura umana da osservare attraverso lo sguardo della videoarte.
Attraverso i sei archetipi – il rito, il gioco, il territorio, il gesto, il viaggio, il Sé – è possibile ampliare le possibilità di lettura critica delle opere selezionate e organizzare al meglio la fruizione. Il team di ricerca agisce inoltre nella convinzione che il linguaggio sperimentale del video d’artista rappresenti una via d’accesso privilegiata per osservare la complessità degli assetti antropologici nel mondo d’oggi.
Per la rassegna di Spoleto, due dei curatori del progetto, Paolo Granata e Silvia Grandi, presenteranno una selezione di 36 opere di artisti italiani contemporanei. Queste opere aspirano a tracciare una mappa antropologica dell’immaginario contemporaneo, svelare alcuni tratti dell’inconscio visivo, evocare le esperienze primordiali dell’esistenza umana per riscoprire, in un mondo affollato di immagini, l’irresistibile fascino degli archetipi.
L’idea di archetipo, che abbraccia trasversalmente l’intera storia del sapere umano, dalla tradizione classica alle scienze umanistiche novecentesche, assume nel mondo dell’arte una valenza simbolica di proporzioni ancora maggiori, che attraverso l’intervento dell’artista traspare nella sua accezione mondana. Le forme archetipali dell’esistenza umana plasmano infatti, in maniera tacita e sommessa, le sfere dell’ordinario; condizionano le abitudini, influenzano gli atteggiamenti, i piccoli gesti quotidiani. E tutto ciò accade perché gli archetipi sono forme originali – arché/týpos –, manifestazioni ancestrali dell’immaginario simbolico, espressioni dell’inconscio collettivo radicate negli spazi reconditi del sé, che reiterano se stesse all’infinito.
Destino dell’arte è infrangere questa monotona sequenza. Gli artisti, da sempre, si sono fatti interpreti di una “visione” ed a ciò non si sottrae quell’ampia compagine di sperimentatori che opera attraverso il linguaggio del video, il mezzo espressivo che per vocazione tende a scardinare i meccanismi ordinari dell’assuefazione visiva.
Con questo appuntamento con la videoarte l’Officina d’Arte&Tessuti rafforza ulteriormente il suo intento di tessere una rete sempre più fitta e prolifera di collaborazioni e sinergie tra ambiti disciplinari ed espressioni artistiche differenti, in un dialogo costante fra tradizione e contemporaneità. Dopo il successo riscontrato nel marzo 2013 con la video installazione “Fai la cosa giusta” dell’artista Giovanna Ricotta, dopo la personale della fiber artist Lydia Predominato (nel luglio 2013) che pure utilizza la videoarte nel suo lavoro, la titolare della galleria spoletina ha pensato di proporre Spoleto come centro per la diffusione e conoscenza di questo particolare linguaggio espressivo, una vocazione che Spoleto, vetrina culturale d’eccellenza nel panorama internazionale, non poteva mancare di accogliere e nobilitare a sua volta. Questo si è reso possibile anche grazie alla disponibilità e sensibilità del Direttore di Palazzo Collicola Gianluca Marziani.
Gli artisti: Aldo Giannotti & Markus Hofer, Alessandra Caccia, Angelo Sarleti, Audrey Coïaniz, Basmati, Bianco Valente, Botto & Bruno, Bruno Muzzolini, Christian Niccoli, Danilo Torre, Davide Bertocchi, Debora Vrizzi, Diego Zuelli, Donato Sansone, Enrico Bressan, Filippo Berta, Gabriele Picco, Giovanna Ricotta, Giovanni Kronenberg, Karin Andersen, Kensuke Koike, Luca Coclite, Marcantonio Lunardi, Marco Morandi, Massimiliano Nazzi, Michael Fliri, Michela Formenti, Natalia Saurin, Rebecca Agnes, Riccardo Benassi, Sergia Avveduti, Silvia Camporesi, Stefano Cagol, T-Yong Chung, Virgilio Villoresi, Virginia Mori.