Arte e matematica 2019 – Il bello dello sguardo il bello del pensiero matematico

Roma - 08/02/2019 : 08/02/2019

Le Gallerie Nazionali di Arte Antica in collaborazione con il Dipartimento di Matematica della Sapienza Università di Roma e con l’Université de Lille presentano l’edizione 2019 del progetto “Arte e matematica”, a cura di Michele Di Monte, curatore del museo e Enrico Rogora, Professore di Matematiche complementari della Sapienza Università di Roma.

Informazioni

Comunicato stampa

enerdì 8 febbraio 2019, alle ore 16.00, le Gallerie Nazionali di Arte Antica in collaborazione con il Dipartimento di Matematica della Sapienza Università di Roma e con l’Université de Lille presentano l’edizione 2019 del progetto “Arte e matematica”, a cura di Michele Di Monte, curatore del museo e Enrico Rogora, Professore di Matematiche complementari della Sapienza Università di Roma

Il progetto, avviato nel 2016 mira a sperimentare un modello didattico coinvolgente e proficuo per gli studenti delle classi di matematica e storia dell’arte delle scuole superiori, attraverso un approccio concretamente interdisciplinare ai problemi che possono accomunare l’insegnamento e l’apprendimento delle due discipline.

L’intento è quello di promuovere un confronto tra gli aspetti euristici, immaginativi e interpretativi che possono prospettarsi tanto nell’analisi dei problemi matematici quanto nell’esame delle opere d’arte figurativa, al fine di valorizzare il momento dell’esplorazione e della scoperta personale, rispetto a istanze didattiche tradizionali.

L’edizione 2019 del progetto sarà concentrato su “Il bello dello sguardo, il bello del pensiero matematico”, cioè sulla ricerca della bellezza in ambito matematico e artistico, delle sue diverse forme di attualizzazione e dei modi in cui queste possono essere rilevate, giudicate, condivise, discusse ed eventualmente diventare oggetto di un particolare tipo di apprendimento.

La presentazione sarà svolta dai due curatori, Michele Di Monte e Enrico Rogora, è rivolta a insegnati e studenti e aperta al pubblico (ingresso libero fino ad esaurimento posti).