Art and technologies for Climate Change

Torino - 24/03/2021 : 24/03/2021

SE NE PARLA CON POLO DEL ‘900 E NESTA ITALIA NEL WORKSHOP ONLINE. DURANTE L’EVENTO SARÀ PRESENTATO ANTITESI, ORGANISMO CIBERNETICO NATO DALL’UNIONE TRA UNA PIANTA DI AGAVE E INTELLIGENZA ARTIFICIALE.

Informazioni

  • Luogo: POLO DEL '900
  • Indirizzo: via del Carmine 14 - Torino - Piemonte
  • Quando: dal 24/03/2021 - al 24/03/2021
  • Vernissage: 24/03/2021 no, olo evento online dalle ore 17,30
  • Generi: incontro – conferenza
  • Uffici stampa: STILEMA

Comunicato stampa

Arte, scienza, creatività e tecnologia insieme per combattere il cambiamento climatico. Se ne parla con il Polo del ‘900 e Nesta Italia nel workshop Art and technologies for Climate Change, mercoledì 24 marzo ore 17.30 sui canali social del Polo del ‘900 e di Nesta Italia.



A confronto esperti di arte del panorama nazionale e non, alla scoperta di approcci alternativi e soluzioni inedite a favore della transizione ecologica

Aprono l’incontro: Alessandro Bollo, direttore Polo del ‘900 e Simona Bielli, head of Programmes – Nesta Italia con la partecipazione di Joseph Grima, co-fondatore di Space Caviar e direttore creativo della Design Academy di Eindhoven; Marco Scotini, direttore artistico di FM Centro per l’Arte Contemporanea, direttore del Dipartimento di Arti Visive e Studi Curatoriali di NABA, Milano e Roma e curatore al PAV (Parco Arte Vivente) di Torino; Olga Kisseleva, artista, Università Sorbona Parigi; Andreco, Andrea Conte, artista e PhD in Ingegneria ambientale, Studio Andreco, Climate Art Project e Salvatore Iaconesi e Oriana Persico, artisti, fondatori del centro di ricerca HER: She Loves Data e Nuovo Abitare.



SALVATORE IACONESI E ORIANA PERSICO PRESENTERANNO ANTITESI



Durante il workshop sarà presentato Antitesi, organismo cibernetico nato dall’unione di una pianta di agave e un’intelligenza artificiale, in grado di ricevere donazioni e stabilire nuove relazioni con ambiente, esseri umani e mercato finanziario contro i cambiamenti climatici, ideato dai cyber-artisti Salvatore Iaconesi e Oriana Persico.



Da un lato, Antitesi è collegato a sensori digitali che osservano la pianta per intercettare i segnali del cambiamento climatico: la fioritura arriva in anticipo o in ritardo sul tempo? L'umidità, la temperatura, le condizioni dell’aria sono favorevoli? Raccogliendo questi e altri dati e confrontandoli con le serie storiche, con l’aiuto della sua IA tenta di capire se il cambiamento climatico è in atto.



Dall’altro, Antitesi è collegato in rete alla continua ricerca di articoli e post sui social media per capire quali sono le aziende più meritevoli in tema di politiche ambientali: chi combatte attivamente il cambiamento climatico? Chi mette sul mercato servizi e prodotti innovativi?



Se i parametri mostrano che il cambiamento climatico è in atto e la vita della pianta è a rischio, Antitesi diventa aggressiva e contrattacca, investendo in borsa sulle aziende virtuose che nel mondo combattono la crisi ambientale. Il progetto, attualmente allo stadio di prototipo, prevede la realizzazione di un kit open source che consentirà di trasformare ogni pianta – dentro un appartamento, un condominio, un orto urbano, un giardino botanico, una coltivazione o un bosco – in una nuova Antitesi connessa alle altre.

Antitesi sarà ospitata al Polo del ‘900 a Torino, Via del Carmine 14, nel mese di giugno.



Il workshop Art and technologies for Climate Change, realizzato dal Polo del ‘900 in collaborazione con Nesta Italia nell’ambito del progetto S+T+ARTS, inaugura i Venti dell’ambiente, rassegna del Polo del ‘900 dedicata alle sfide ambientali, in collaborazione con Festival CinemAmbiente, Università di Torino, Politecnico di Torino, Nesta Italia, Biblioteche Civiche di Torino, add editore, Nimbus, Musei Integrati, Museo Diffuso della Resistenza e Fridays For Future, nella cornice di Dove portano i Venti, programma culturale 2021 del Polo per intercettare sfide, transizioni e opportunità del nuovo decennio. Tutti gli aggiornamenti a www.polodel900.it.


Gli artisti di Antitesi



Salvatore Iaconesi è ingegnere robotico, designer e artista; Oriana Persico una cyber-ecologista, autobiografa ed esperta di inclusione digitale. Uniti nella vita e nel lavoro dal 2006, sotto il marchio [AOS - Art is Open Source] firmano opere e performance di interesse globale accomunate dall’esplorazione e dall’osservazione dell’uomo tecnologico contemporaneo e della sua continua mutazione. Promotori di una visione possibilistica del mondo in cui l’arte è il collante tra scienze, politica, antropologia ed economia, sono i fondatori dell’associazione Nuovo Abitare e di HER, i centri di ricerca che usano per studiare le implicazioni psicologiche e sociali dei dati e della computazione nelle società umane. Insieme hanno scritto Digital Urban Acupuncture (Springer, 2016), La Cura (Codice Editore, 2016), Read/Write Reality (FakePress Publishing, 2011), Romaeuropa FakeFactory (DeriveApprodi, 2010) e Angel_F: diario di vita di un’intelligenza artificiale (Castelvecchi, 2009).

Antitesi è un progetto finanziato dal centro di ricerca HER ed esposto in occasione del festival di quartiere di arte, dati e intelligenza artificiale “HER: she loves San Lorenzo” (Winter Edition 2018, Roma).



HER - Human Ecosystems Relazioni, è un centro di ricerca che usa l’arte e il design per creare nuove sensibilità ai fenomeni complessi del nostro mondo globalizzato e iperconnesso, esplorando le implicazione sociali e psicologiche dei dati e della computazione nelle società umane. Fondato a Londra nel 2013, nel 2016 si sposta in Italia, a Roma. Nel 2020, con l’esplosione della pandemia, il centro si evolve nell’associazione no profit Nuovo Abitare.