Archivio Libri d’Artista Milano

Milano - 29/11/2012 : 23/12/2012

Questa rassegna vuole essere un omaggio alla sua lunga attività, che ha ordinato circa cinquanta esposizioni internazionali. Ogni mostra è stata concepita con criteri e scelte corrispondenti al punto di vista degli artisti fondatori, che si pongono come curatori e depositari di un fondo di oltre mille opere-libro, di volta in volta esposte con criteri e scelte di ordine poetico o tecnico. L’Archivio,

Informazioni

  • Luogo: AUDITORIUM - FONDAZIONE CARIPLO
  • Indirizzo: Largo Gustav Mahler - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 29/11/2012 - al 23/12/2012
  • Vernissage: 29/11/2012 ore 18.00 foyer del bar
  • Curatori: Fernanda Fedi, Gino Gini
  • Generi: arte contemporanea, collettiva
  • Orari: con i seguenti orari: giovedì dalle ore 19.30, venerdì dalle 19.00, domenica dalle 15.00

Comunicato stampa

RASSEGNA PER IL 29.MO ANNIVERSARIO
ARCHIVIO LIBRI D’ARTISTA MILANO
ARTISTS’ BOOKS ARCHIVE MILAN

a cura di Fernanda Fedi e Gino Gini
presentazione di Amedeo Anelli

Auditorium di Milano Fondazione Cariplo - largo Mahler

Inaugurazione

Giovedi 29 novembre 2012 ore 18.00
foyer del bar

(l’esposizione sarà aperta fino a domenica 23 dicembre, con i seguenti orari: giovedì dalle ore 19.30, venerdì dalle 19.00, domenica dalle 15.00)

L’Archivio Libri d’artista è uno tra i più significativi Archivi Italiani, creato e diretto dal 1983 dagli artisti Gino Gini e Fernanda Fedi

Suo principale scopo sono la divulgazione e la conoscenza di questo ‘intermedia’ attraverso mostre, rassegne, conferenze, in cui Gini e Fedi si sono prodigati per ventinove anni.
Questa rassegna vuole essere un omaggio alla sua lunga attività, che ha ordinato circa cinquanta esposizioni internazionali. Ogni mostra è stata concepita con criteri e scelte corrispondenti al punto di vista degli artisti fondatori, che si pongono come curatori e depositari di un fondo di oltre mille opere-libro, di volta in volta esposte con criteri e scelte di ordine poetico o tecnico. L’Archivio, infatti, ha suddiviso i libri in proprio possesso per tipologie tecniche individuando oltre dieci modelli di “messa in forma”, dal Libro-oggetto, ai Libri a fisarmonica, Libri monotipi, Libri preziosi, Minilibri, che evidenziano sostanziali differenze tra loro.
Da molti anni il libro d’artista vive una felice stagione con sempre più frequenti mostre e con nuovi artisti che vogliono misurarsi con questo intermedia. Tutto ciò può portare a sconfinamenti che inducono a dare qualche chiarimento e precisazione. Il Libro d’artista, pur nelle varietà di forme e di materiali, deve mantenere costantemente il proprio riferimento alla tipologia del “Libro”.
Le trasgressioni e provocazioni tanto care alle Avanguardie storiche sono un lontano ricordo. Oggi si nota un lavoro di ordine più poetico che polemico e sempre più si evidenzia la riscoperta e il piacere di un atteggiamento quasi artigianale, spesso colto e prezioso.
Per questa ricorrenza l’Archivio, che ha la sua storica ‘piccola’ sede nel Palazzo Galloni sul Naviglio Grande, la rassegna di un percorso creativo poco conosciuto, ma degno di grande rispetto e attenzione, soprattutto perché in netta opposizione a quei principi di spettacolarità che sembrano dominare oggi l’arte contemporanea. Questi particolari mini-libro si pongono altresì come uno specchio fedele di quanto avviene nel mondo del Libro d’artista, secolo XXI.
Sono esposte opere, fra gli altri,di Bruno Munari, Lamberto Pignotti, Fernanda Fedi, Gino Gini, Sarah Bodman, Andras Butak, Silvia Cibaldi,Vito Capone Anwyl Cooper-Willi, Franco De Bernardi, Mavi Ferrando, Kumi Korf, Pierre Joinul, Lucia Marcucci, Stelio Maria Martini.