Antonio Pace – Outlines

Roma - 20/02/2015 : 10/03/2015

Con l'esposizione dei lavori di Antonio Pace, si inaugura il quarto evento d’arte dello Spazio Curva Pura, innovativo contenitore di arte, design ed architettura, all'ombra dell'iconica mole del Gazometro.

Informazioni

  • Luogo: SPAZIO CURVA PURA
  • Indirizzo: via Giuseppe Acerbi, 1/a - Roma - Lazio
  • Quando: dal 20/02/2015 - al 10/03/2015
  • Vernissage: 20/02/2015 ore 18,30
  • Autori: Antonio Pace
  • Generi: arte contemporanea, personale

Comunicato stampa

Con l'esposizione dei lavori di Antonio Pace, si inaugura il quarto evento d’arte dello Spazio Curva Pura, innovativo contenitore di arte, design ed architettura, all'ombra dell'iconica mole del Gazometro.
Antonio Pace si presenta nello scenario artistico italiano, con una speciale capacità di trasfigurare il segno verso tensioni ossessivamente "astratte", seducenti ed ammalianti, che si incidono nella memoria come la gestualità architettonica di Zaha Hadid.
Le opere di Antonio Pace, rigorosamente monocromatiche, declinano il tema della decostruzione del carattere tipografico e della “genesi” primordiale, per nobilitare linee e spazi che interagiscono fino a creare nuovi ecosistemi GEO-metrici


L'Outline, che dà il titolo alla mostra, appare come una lama che taglia la separazione tra uomo e natura, un limes “tipografico o topografico”, un gesto creativo arcaico che, molto prima della scrittura, inventa l’arte.
Di fronte alle opere di Antonio Pace, ci viene chiesto di sospendere l’abitudine a ricercare, trovare e dare senso a ciò che vediamo; ci viene chiesto di separare il grafema dal suo fonema, la parola dal suo significato e così, asetticamente, limitarci a "vedere".
Ci viene chiesto di fare la storia al contrario, di cadere come in ipnosi e precipitare nella prospettiva creata dalla “decostruzione alimentata dallo scioglimento dei vincoli semantico-funzionali di alfabeto, lettera, carattere”, citando il pensiero dell’artista; ci viene chiesto di addentrarci in una nuova ricerca estetica che genera, attraverso un’ossessionata mutazione in simultanea, un momento di quiete, di straniamento dall'intorno, dove restare sospesi.



Un’occasione imperdibile per ammirare l’arte e prendere contatto con il “Concept” di Curva Pura, unico nel suo genere a Roma, un luogo dove, da subito, si potrà ragionare da “protagonisti” in aperta dialettica con gli artisti ma anche gli architetti ed i designers che animano questo spazio.