Angelo Volpe – Acid fairytale

Napoli - 23/10/2015 : 08/11/2015

È una fiaba acida e allucinata quella che racconta Angelo Volpe con la sua più recente produzione artistica: un ciclo di 10 opere ad olio su tela, arricchita da una video-istallazione, che prende spunto da un genere letterario antico e popolare come la fiaba.

Informazioni

  • Luogo: GALLERIA SINISCALCO
  • Indirizzo: Via Carlo Poerio 116 (80121) - Napoli - Campania
  • Quando: dal 23/10/2015 - al 08/11/2015
  • Vernissage: 23/10/2015 ore 19
  • Autori: Angelo Volpe
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: lunedì: h 17.00-20.00 martedì – sabato: h 10.00-13.30 / 17.00-20.00

Comunicato stampa

Venerdì 23 ottobre 2015 alle ore 19.00, nello spazio espositivo della GALLERIA SINISCALCO in via Carlo Poerio 116 a Napoli, sarà inaugurata la personale di pittura di Angelo Volpe dal titolo “acid fairytale”, a cura di Maurizio Siniscalco. L’esposizione è organizzata dall’Associazione Culturale ArteAs in collaborazione con la UERJ - Universidade do Estado do Rio de Janeiro e la Femptec - Fundação de Gestão de Projetos di Rio de Janeiro


È una fiaba acida e allucinata quella che racconta Angelo Volpe con la sua più recente produzione artistica: un ciclo di 10 opere ad olio su tela, arricchita da una video-istallazione, che prende spunto da un genere letterario antico e popolare come la fiaba. Dissacrante e spietato, Volpe descrive la sua personale verità morale attraverso un linguaggio espressivo ispirato al mondo fantastico che pervase l’opera letteraria di Giovambattista Basile, il quale usò la fiaba, considerato genere “leggero”, per sfuggire al controllo politico, con lo scopo di intrattenere e raccontare la società.
Ci si imbatte in una galleria di personaggi incantatori (per certi versi familiari all’universo Disney) attraverso i quali ammaliare e assopire adulti e bambini diviene assoggettamento ad un modello di “sottocultura”, ovvero ad una civiltà del consumo che rischia di creare una “omogeneizzazione culturale”. Le opere si susseguono e si rimandano in un unico racconto, in cui è ritratto un mondo che riassume gli opposti della vita: l’ordinario e l’anomalo, il magico e il quotidiano, il regale e l’osceno, l’orribile e il soave, usando il linguaggio fantastico della fiaba per evidenziare la condizione dell’individuo “de-soggettivizzato”.
Ritratti antropomorfi di personaggi storico-politici e opere che analizzano la condizione sociale contemporanea hanno l’obiettivo di incantare, stupire, sorprendere ma anche divertire: il linguaggio fantastico adottato intende instaurare un dialogo con l’osservatore, inducendolo a riflettere su alcune manipolazioni socio-culturali che influiscono inconsciamente sul vivere quotidiano condizionandone l’esistenza.