Andreia Santana – Hollow Hands

Milano - 18/02/2020 : 08/05/2020

Hollow Hands, prima mostra personale di Santana in Italia, nasce dall’interesse per i reperti archeologici che sono stati marginalizzati e banditi dalla storia, negandogli lo status di artefatti museali.

Informazioni

  • Luogo: SPAZIO LEONARDO
  • Indirizzo: via della Liberazione 16/a, 20124 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 18/02/2020 - al 08/05/2020
  • Vernissage: 18/02/2020 ore 18,30 su invito
  • Autori: Andreia Santana
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: lunedì - venerdì 09:00 am – 6:00 pm

Comunicato stampa

Il lavoro di Andreia Santana (1991, Lisbona) si sviluppa a partire da un'indagine sulle relazioni tra archeologia e pratica artistica; appropriandosi di tecniche specifiche di entrambi gli ambiti, l'artista analizza la produzione contemporanea di cultura materiale e affronta temi come il lavoro e la capacità degli oggetti di divenire testimoni del tempo.

Hollow Hands, prima mostra personale di Santana in Italia, nasce dall’interesse per i reperti archeologici che sono stati marginalizzati e banditi dalla storia, negandogli lo status di artefatti museali

L’artista, portando alla luce questi Outcast Manufactures (titolo di un suo recente corpo di lavori), pone l’accento sul regime del potere e degli interessi culturali nel tramandare e comunicare il passato.

Per la mostra a Spazio Leonardo, Santana presenta una nuova serie di sculture in acciaio e rame, le cui forme ricordano parti del corpo umano, reperti archeologici e utensili, sviluppate attraverso una ricerca sull'alienazione del lavoro e delle sue condizioni in ambito archeologico nel corso della storia.
Le opere sono concepite come elementi in divenire, che racchiudono e “performano” diversi momenti di tempo (passato, presente e futuro), dando voce e spazio a contributi alternativi alle grandi narrazioni (la Storia, l'Archeologia e l'Archivio), facendo scaturire nuove storiografie.

La mostra sarà accompagnata da un catalogo con un testo critico di Sofia Lemos.