All I Wanted to Say

Milano - 15/12/2011 : 15/12/2011

Antonio Colombo presenta in galleria All I wanted to say, una performance multimediale sulla tecnologia, la comunicazione e i suoi paradossi. Di e con Silvia Girardi.

Informazioni

Comunicato stampa

Antonio Colombo presenta in galleria All I wanted to say, una performance multimediale sulla tecnologia, la comunicazione e i suoi paradossi. Di e con Silvia Girardi.

Tutto quello che avresti sempre voluto dire... ma...?

Attraverso le discipline * attraverso i media * attraverso gli oceani

Dare voce ad un collettivo inespresso

(Con Giuliano Pirotello su schermo. In una collaborazione internazionale con: poetessa Allison DeLauer, casa di produzione cinematografica Cinematique - Milano, coreografo Folawole, video artist Seng Chen, digital artist Tim Roseborough, musicista Matt Venuti)





All I wanted to say è un viaggio multidisciplinare attraverso il teatro, la danza, la poesia, il video, l’ arte digitale e la musica che parla del come “scegliamo” di comunicare nell’era digitale e di come questi mezzi siano cambiati nel tempo. Uno sguardo più accurato alla poesia, alle lettere, agli sms, e alle e-mail che inviamo, rivela quanto rimane “non-detto”.

Pochi sarebbero discordi nell’affermare che l’ossessione del social networking online sia una benedizione sotto mentite spoglie: paradossalmente unisce ed alimenta la comunità e allo stesso tempo fomenta l’accumulo virale di relazioni superficiali. Gli oggetti mondani che caratterizzano le nostre vite digitali sono sia sacri che profani. Ma alla fine questi strumenti non sono che al servizio di quel contatto vero al quale si aspira. Le parole che mandiamo nell’etere come un sospiro, un sms, o un messaggio su carta, non sono che alla ricerca di una presenza.

Con un'enfasi sulla componente emotiva ed evocativa piuttosto che su una narrazione lineare, utilizziamo testi in italiano ed inglese, interviste, lettere di figure storiche, conversazioni in chat, aggiornamenti da Twitter e Facebook, versi di Saffo, Bertold Brecht, Amy Lowell e dal Teatro dell’ Assurdo.



http://www.silviagirardiacting.info/dettaglio.php?ID=169



http://vimeo.com/20569879



http://www.silviagirardiacting.info/galleria.php?SEZIONE=DIRECTING&ID=152&IDARTISTA=



http://www.silviagirardiacting.info/elenco.php?SEZIONE=NEWS&TIPONEWS=PRESS





Silvia Girardi è una performer e regista italiana con sede a San Francisco dal 2005. Si dedica alla creazione di teatro fisico e di performance art ispirandosi ai valori di rischio creativo, sperimentazione, accessibilità del linguaggio, e alla collaborazione con artisti multidisciplinari internazionali. Girardi si diploma alla Scuola Drammatica Paolo Grassi di Milano nel 1998. In Italia ha collaborato con: Teatro Dell’ Elfo, Teatro Litta, Teatro Verdi, Teatro CRT, ATIR, AIDA. Negli Stati Uniti ha partecipato a residenze artistiche presso Kunst-Stoff Arts, The Garage and Shotwell Studios. Il suo lavoro è stato presentato presso: The Exit Theatre, FuryFactory, The Garage, Kunst-Stoff Arts, Shotwell Studios, TJT, San Francisco Theatre Festival, Red Poppy Art House, Subterranean Art House, Women On The Way Festival, Central Market Arts, TJT, Brava Theatre, Noh Space Theatre, and San Francisco Shakespeare Festival.