Algoritmo 2016

Bagnoregio - 08/12/2016 : 11/12/2016

Algoritmo, che anche quest’anno, ha il suo ‘dove’ immerso sullo sfondo di una città senza tempo, icona delle radici e della storia che ci ha portato al qui e ora, che ci impone di guardare al presente e al futuro.

Informazioni

Comunicato stampa

Algoritmo
arte contemporanea

Diamoci un senso
#d1s
8 – 10 – 11 dicembre 2016
Bagnoregio

(Viterbo)


I sensi consentono di interagire con il mondo che ci circonda, sono i nostri ricettori, anche solo uno di loro ci aiuta a capire, identificare, scoprire o riconoscere ciò che sta accadendo intorno a noi. Il nostro corpo riceve informazioni dall’interno o dall’esterno, le elabora e mette in moto delle reazioni; questo aspetto puramente fisico, permette ad ogni individuo di acquisire esperienza, consapevolezza e di ampliare la propria conoscenza


Cibo per l’anima
Ogni senso è associato alla mente che ci permette di identificare cosa stiamo toccando, annusando, ascoltando, vedendo e assaporando, ma c’è né un altro… il sesto. L’Intuizione, qualcosa di indefinibile, un’intelligenza divergente, istintiva che sfugge ai parametri convenzionali della logica razionale, e si avvicina di più alla creatività. L’intuito legge i messaggi che ci arrivano dall’inconscio liberando la mente dagli schemi di ragione.
L’arte è coscienza intuitiva, e può aiutarci nel darci un senso.
Algoritmo, che anche quest’anno, ha il suo ‘dove’ immerso sullo sfondo di una città senza tempo, icona delle radici e della storia che ci ha portato al qui e ora, che ci impone di guardare al presente e al futuro.
Sedersi dentro una ex chiesa per ascoltare, guardare o agire, essere se stessi, per condividere, per donare e allo stesso tempo arricchirsi, questo avviene nell’Auditorium Taborra (Bagnoregio).
Il 10 e l’11 dicembre ci saranno artisti in performance come Silvia Giambrone, Nicola di Croce, Simone Cametti e Paolo Buggiani; mentre interverranno a parlare Stefano Monti, Barbara Martusciello, Alberto Dambruoso, Marco Trulli, Antonio Pavolini, Giovanni Boccia Artieri, Lorenza Fruci, Andrea Alessi, Giorgio De Finis, Sabrina Vedovotto, Federico Palmaroli, Massimiliano Capo, Iginio De Luca, Antonio Rocca.
All’entrata dell’Auditorium ‘Spoiler’ di Marcello Mantegazza, mentre in una sala dell’interno saranno proiettate le Gif animate vincitrici del concorso ‘Un bacio in bocca: tutte le sfumature della passione’ per Caffeina Festival.


Dall’8 ll’11 dicembre all’ingresso di Civita di Bagnoregio un’installazione site specific di Alessandro Valeri ‘Universal Keyboard’ e sarà inaugurato (a partire dalle ore 16,00 dell’8 dicembre) un piccolo percorso, che accompagnerà Algoritmo fino all’11 dicembre. Come se da Bagnoregio partisse una ideale ragnatela per raggiungere: il Castello Costaguti di Roccalvecce, dove ci saranno alcune opere della serie ‘Casa di Mumma’ di Luca Padroni e un’istallazione luminosa di Alessandro Valeri; poi Villa Lais di Sipicciano, dove in collaborazione della 3)5 ArteContemporanea, si potrà vedere l’ultima produzione di Marco Grimaldi ‘Satelliti in attesa’, ed una proiezione di Marcello Mantegazza.
Algortimo a cura di Serena Achilli.
Le performance di Simone Cametti, Nicola Di Croce e Silvia Giambrone sono a cura di Sabrina Vedovotto.
Evento realizzato dal Comune di Bagnoregio grazie al contributo della Regione Lazio.
Programma: https://www.facebook.com/algoritmofestival/
www.algoritmofestival.it
Info: [email protected]
MediaPartner: Art a Part of cul(ture) (http://www.artapartofculture.net)

Auditorium Vittorio Taborra, Piazza Biondini (Bagnoregio)
Palazzo Costaguti, Piazza Umberto I , Roccalvecce (VT)
Villa Lais ,via San Bernardino 49, Sipicciano (VT)