Alfabeto. Cromatismi del quotidiano

Bernareggio - 27/05/2016 : 16/07/2016

Il titolo della mostra allude all’idea del colore come a quella di un alfabeto complesso, parola proveniente dalla luce e radicata nella storia dell’umanità. Le opere degli artisti, infatti, trovano proprio nell’indagine cromatica un comune denominatore fatto di complessità simbolica, capacità comunicativa, psicologia e sensorialità.

Informazioni

  • Luogo: GATTAFAME ART GALLERY
  • Indirizzo: Via Roma, 90 20881 - Bernareggio - Lombardia
  • Quando: dal 27/05/2016 - al 16/07/2016
  • Vernissage: 27/05/2016 ore 18,30
  • Curatori: Mariapia Cassago, Sandro Mandelli
  • Generi: arte contemporanea, collettiva
  • Orari: DA MARTEDÌ A SABATO, DALLE 10:00 ALLE 12:30 - DALLE 15:00 ALLE 19:00 (DOMENICA E LUNEDÌ SU APPUNTAMENTO)

Comunicato stampa

ALFABETO
Cromatismi del quotidiano
Max Bi, Bonomo Faita, Tiziano Finazzi, Enzo Forese, Walter Gadda, Mimmo Iacopino, Luca Moscariello


Il 27 maggio 2016 inaugura presso la nuova Gattafame Art Gallery di Bernareggio un’importante mostra collettiva composta da circa cinquanta opere di Max Bi, Bonomo Faita, Tiziano Finazzi, Enzo Forese, Walter Gadda, Mimmo Iacopino e Luca Moscariello, dal titolo Alfabeto. Cromatismi del quotidiano


La mostra è a cura di Mariapia Cassago e Sandro Mandelli, con testi critici di Maria Chiara Cardini
L’incontro tra Sandro Mandelli, collezionista da più di trent’anni, e Mariapia Cassago, avviene quattro anni fa, complice un’opera di Enrico Baj. Nasce così la galleria d’arte, un’entusiasmante avventura all’interno del panorama artistico italiano, dove l’arte, che fa incontrare i due collezionisti e li unisce oggi, è una collaborazione con gli artisti costruita sulla serietà, l’intensità e lo spirito di partecipazione.
Il titolo della mostra allude all’idea del colore come a quella di un alfabeto complesso, parola proveniente dalla luce e radicata nella storia dell’umanità. Le opere degli artisti, infatti, trovano proprio nell’indagine cromatica un comune denominatore fatto di complessità simbolica, capacità comunicativa, psicologia e sensorialità.
Dalla giocosità pop di Max Bi all’astrazione mistica di Tiziano Finazzi, procedendo verso i racconti di Bonomo Faita. Seguono i piccoli paesaggi metafisici di Enzo Forese, le misteriose opere di Walter Gadda e gli intrecci raffinati di Mimmo Iacopino, fino a giungere agli aggrovigliati naufragi di Luca Moscariello. In questo percorso attraversiamo straordinarie atmosfere che ci accompagnano dalla luce del giorno ai colori notturni, dall’alba alla notte, in un vagabondaggio nel nostro quotidiano, dove la luce è colore e il colore è un alleato che agisce su tutto al di là della volontà individuale.
Un itinerario in cui la luce è esortazione al vivere.